Lunedì 19 Novembre 2018 | 22:38

NEWS DALLA SEZIONE

Controlli di Nas e Asl
Trepuzzi, insetti nei panini a scuola: “salta” il fornitore del pane

Trepuzzi, insetti nei panini a scuola: «salta» il fornitore del pane

 
L'emergenza Xylella
Lecce, «Olivicoltura al capolinea subito gli aiuti per ripartire»

Lecce, «Olivicoltura al capolinea subito gli aiuti per ripartire»

 
agricoltura
Salento, il maltempo distrugge gli ulivi «anti Xylella»

Salento, il maltempo distrugge gli ulivi «anti Xylella»

 
La denuncia
Trepuzzi, vermi nei panini della mensa per i bambini

Trepuzzi, vermi nei panini della mensa per i bambini

 
La decisione
Salento, il sindaco di Patù sospeso per effetto legge Severino

Salento, il sindaco di Patù sospeso per effetto legge Severino

 
La contestazione
Lezzi denuncia: «Lanci di uova e volantini No Tap in sede M5s a Lecce»

Lezzi denuncia: «Lanci di uova e volantini No Tap in sede M5s a Lecce»

 
Guida pericolosa
Lecce, 70enne va contromano in tangenziale e semina il panico: fermato

Lecce, 70enne va contromano in tangenziale e semina il panico: fermato

 
Dopo il dramma Xylella
Olive introvabili nel Salento, frantoi a rischio

Olive introvabili nel Salento, frantoi a rischio

 
A Montesano Salentino (Le)
Albergo per migranti va a fuoco, sei intossicati

Albergo per migranti va a fuoco, sei intossicati

 
La seconda vittima
Esplosione in fabbrica fuochi d'artificio a Lecce, morto il secondo operaio

Esplosione in fabbrica fuochi d'artificio a Lecce, morto il secondo operaio

 
L'indagine a Lecce
Inquinamento falda sotto il gasdotto: perquisiti cantieri e sedi Tap, 3 indagati

Cantiere Tap, falda inquinata: sequestro atti, 3 indagati

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Tra Arnesano e Lecce

Lecce, esplosione in fabbrica di fuochi d'artificio: un morto e un ferito grave.
Si indaga per omicidio.

La vittima è il figlio del titolare: si chiamava Gabriele Cosma. I due stavano lavorando alla preparazione di fuochi d'artificio per un 18 anni

vigili del fuoco

Stavano lavorando alla preparazione di fuochi d’artificio richiesti per una festa di 18 anni, Gabriele Cosma, di 19 anni, e Giovanni Rizzo, di 41, quando sono stati investiti, provocando la morte del primo e il ferimento del secondo, dall’esplosione innescata probabilmente da una fiammata generata da un macchinario. Lo si apprende da fonti investigative alle quali lo avrebbero rivelato alcune delle persone informate sui fatti.

Le circostanze in cui è avvenuta l’esplosione troverebbero conferma nel numeroso quantitativo di polvere pirica e altri elementi chimici rinvenuti dalla polizia scientifica vicino al punto in cui è avvenuta la violenta esplosione.
La salma di Gabriele Cosma, il figlio 19enne di uno dei titolari dell’azienda, i tre fratelli Cosma, è stata restituita ai familiari questa mattina dopo l’esame esterno effettuato dal medico legale e il nulla osta del magistrato. E’ invece appesa a un filo di speranza la vita dell’operaio ricoverato al Centro Grandi Ustionati di Brindisi.

Il pm della Procura di Lecce, Elsa Valeria Mignone, ha aperto un fascicolo, al momento a carico di ignoti, ipotizzando il reato di omicidio colposo e lesioni personali colpose gravissime, in merito all’esplosione avvenuta ieri nella fabbrica.

IL FATTO - La deflagrazione è avvenuta intorno alle 8.30 in una fabbrica di fuochi d'artificio in zona Mater Domini, tra Arnesano e Lecce. Il 19enne Gabriele Cosma, figlio del titolare della ditta, ha perso la vita, mentre un operaio di 43 anni è rimasto gravemente ferito (non sono due i feriti come si era saputo inizialmente): è ricoverato nel reparto Grandi Ustionati dell’ospedale 'Perrino' di Brindisi. Sul posto è giunto il magistrato di turno, Elsa Valeria Mignone.

Tutta l'area esterna della fabbrica è sotto sequestro. Al momento non ci sono indagati. Il magistrato di turno, insieme con il nucleo investigativo dei Carabinieri e gli artificieri, stanno verificando la eventuale presenza di altre persone coinvolte nell’esplosione che è avvenuta nella parte retrostante esterna della fabbrica.

Potrebbe essere stata una fiammata improvvisa generata dal macchinario per l’asciugatura dei colori, la causa che potrebbe aver innescato l’esplosione.

Al momento della deflagrazione, che ha causato anche il crollo del piccolo deposito rurale in muratura dove stavano lavorando la vittima e l’operaio rimasto ferito, erano presenti poco distanti anche il padre della vittima e uno degli zii paterni, rimasti entrambi incolumi. 

Tre anni fa, a Modugno, in provincia di Bari una esplosione avvenuto nella fabbrica di fuochi di artificio della ditta Bruscella causò una strage: morirono 10 persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400