Lunedì 27 Giugno 2022 | 20:48

In Puglia e Basilicata

La curiosità

Scudo contro gli hacker brevettato a Monopoli

Cyber armamenti in crescitasicurezza informatica a rischio

Piccola impresa svolta nel mondo della cyber-sicurezza

24 Maggio 2022

Marisa Ingrosso

MONOPOLI - All’inizio, un lustro fa, c’erano solo un minorenne con un’idea forte, Giuseppe Dipierro, di Noicattaro (Bari), e un trentenne che in quell’idea credeva, il monopolitano Stefano Aversa. Oggi la loro start-up è una società consolidata e, puntando sulla cyber-sicurezza, vogliono espandersi «all’Europa e al mondo intero».

«La nostra Uania srl, s’è strutturata, siamo una decina di persone - spiega Giuseppe - C’è chi si occupa della parte commerciale, di quella tecnica, di quella amministrativa e con la direzione mia e di Stefano. Uania è cresciuta e abbiamo sviluppato nuovi prodotti e soluzioni e anche servizi che vanno oltre l’aggregazione di banda». Sì perché - come ricorderanno i nostri lettori più affezionati, giacché La Gazzetta del Mezzogiorno segue l’evoluzione di questa avventura imprenditoriale sin dagli albori - la succitata «idea forte» era un dispositivo, ideato da Dipierro, che «aggregava e univa più linee Wan in un una sola (Wan-In-One, da cui il nome) per aumentare la velocità di connessione anche in quei piccoli centri periferici, dove la disponibilità di linee a banda larga è ancora limitata, le cosiddette zone grigie/bianche». «Quel prodotto, denominato UaniaBox - continua il giovanissimo inventore - si è strutturato dando buoni risultati. E oggi abbiamo UaniaShield che ha riscosso successo perché è il servizio che permette alle aziende di navigare in maniera veloce e sicura»...

LEGGI IL RESTO DELL'INTERVISTA SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725