Sabato 06 Marzo 2021 | 16:26

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCon la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

asse nord sud «Se perfino sulla sedia del dentista l'unico tema di discussione è il ponte»

il nostro sondaggio Xxx

asse nord sud «Se perfino sulla sedia del dentista l'unico tema di discussione è il ponte»

di Ninni Perchiazzi

«In questo periodo è davvero un gran casino. Tutti quanti in giro parlano di questo caspita di ponte. Non è possibile. Pensi che anche dal dentista non c'è altro argomento di discussione se non il ponte». Anche Mingo De Pasquale, al secolo Mingo, attore e showman, è stato coinvolto nel tormentone sorto per attribuire un nome che si ricordi - complice il sondaggio lanciato dalla Gazzetta - al ponte dell’asse Nord Sud, ormai vicino all’inaugurazione di sabato.

Diceva che anche dal dentista non si parlava d’altro?

«Certo. Ero steso lì sulla sedia del dentista e come avviene di solito si chiacchiera del più e del meno. Il dentista mi fa: “ma sai quanto è costato il ponte? Ben 34 milioni di euro”. Devo dire la verità? Me la sono fatta addosso. Mi sono detto ma quanto costa fare un ponte, che due denti bisogna collegare, nemmeno fosse d'oro sto' ponte. Poi ho capito, che per fortuna si parlava del viadotto dell'asse Nord Sud e non dei miei denti. Ma lo spavento è stato grande».

Vabbè, ma tutto questo interesse dei baresi per l’intitolazione di un ponte, come lo vede?

«Onestamente, è abbastanza particolare che si discuta del nome del ponte con tanto fervore. Pure viviamo in una comunità che problematiche ne ha tante, a cui peraltro l'amministrazione comunale si sta dedicando nel tentativo seppur lento di risolverle».

Al sondaggio indetto dalla Gazzetta hanno partecipato a migliaia.

«Certo ho visto le varie proposte, sul web i baresi si sono scatenati. Il cavalier Calabrese, il presidente Vincenzo Matarrese , l'ex sindaco Enrico Dalfino, il rettore Attilio Alto e anche altri nomi suggestivi come la psichiatra Paola Labriola, assassinata da un paziente. Possiamo dire che i baresi si sono davvero dedicati ed impegnati per la causa».

C'è stata anche qualche proposta un po' bizzarra.

«Certo basta vedere le preferenze per il gorilla Harambe (ucciso in uno zoo di San Francisco, ndr), ma sul web è così, alla fine si scatena di tutto e di più».

Ma tanta attenzione per il nome di un ponte non la incuriosisce?

«Sì anche perché nella realtà le cose sono molto più semplici. Per esempio il ponte XX settembre nessuno lo chiama così: è il ponte di corso Cavour. Lo stesso vale per il ponte di Japigia o della Fiat, in base alle preferenze (in realtà è intitolato a Giuseppe Garibaldi, l’imprenditore, ndr). La verità è un'altra.

Ci dica.

«Al barese piace complicarsi la vita. Alla fine ci si impegna su cose che non cambiano la vita a nessuno. Ovviamente mi ci metto anch'io. Diamo troppa importanza a cose futili quando lo stesso impegno dovremmo metterlo per cose irrisolte danni».

Quali ad esempio?

La prima cosa che mi viene in mente è la sanità, poi bisognerebbe metter mano al commercio. Ma ha visto quante saracinesche chiuse? Sono davvero troppe. Occorre un sostegno serio a quella che era ed è la principale attività cittadina. Ma c'è anche da risolvere il problema dell'ampio disagio sociale, la povertà. E l'immigrazione».

E invece?

«Abbiamo scatenato un putiferio per le palme di via Sparano».

Perché secondo lei?

Il barese ha bisogno di sentirsi protagonista. È fatto così. D'altronde lo individui in tutto il mondo, lo percepisci subito. Noi siamo così. Ci piace essere al centro dell'attenzione. Perché ci sono problemi seri ma ci piace fare i simpatici».

Sì ma lei il ponte alla fine come lo chiamerebbe?

«Considerato che passa davanti al cimitero da un lato e davanti al palazzo di giustizia dall'altro, io lo chiamerei “il ponte della giustizia divina o terrena”, a seconda della direzione di marcia che si prende. Oddio visti i costi anche ponte d’oro, tornando al dentista, lo vedrei azzeccato. La verità è che lo chiamerei “ponte mo' vediamo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie