Venerdì 17 Gennaio 2020 | 17:55

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
FoggiaLe indagini
Foggia, attentati ai fratelli Vigilante: movente non collegato al loro ruolo di testimoni

Foggia, attentati ai fratelli Vigilante: movente non collegato al loro ruolo di testimoni

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
BrindisiBuon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Asse nord sud

Un nome per il ponte? Chiamatelo «U pulp»

L'inaugurazione a settembre Baresi scatenati sui social. Il sondaggio ufficiale inizierà a breve

Un nome per il ponte? Chiamatelo «U pulp»

FRANCESCO PETRUZZELLI

Sportivi, magistrati, politici, imprenditori ma anche loro, i piatti tipici locali. In un trionfo goliardico dell’enogastronomia che spazia da «Patate riso e cozze» (con variante in salsa inglese «Potatoes rice mussels bridge») a «Orecchiette e cime di rapa» passando per «Brasciola» e «U pulp».

Si scatenano in queste ore i suggerimenti e le battute social dei baresi per il nome da dare al nuovo ponte dell’Asse Nord-Sud, l’opera che tra qualche settimana aprirà i battenti per collegare in pochi minuti via Tatarella e via Nazariantz. Sulla pagina Facebook de La Gazzetta del Mezzogiorno in tanti hanno raccolto l’appello: individuare un’adeguata intitolazione per l’avveniristica infrastruttura realizzata dopo tre anni di lavori e che potrebbe costare alle casse comunali sino a 41 milioni di euro. Quel numero 41 che non a caso qualcuno provocatoriamente propone tra i possibili nomi accanto alla folta schiera dei detrattori che stuzzica il dibattito con alternative in stile «Orribile e inutile», «La mazzetta», «Del silenzio e della meditazione» o «Tirapiedi».

Qualche fan della soap Il Segretosi fa invece avanti con «Puente Viejo» prendendo spunto dalla località spagnola dove si svolgono gli intrighi di Francisca Montenegro e company. Sin qui l’ilarità – il comico Pinuccio ad esempio rilancia «La rezz» (la rete) – ma non mancano proposte serie. C’è il gruppo che tifa ad esempio per «Ponte Pietro Mennea», l’indimenticabile campione pugliese, e sinonimo di velocità, la stessa che sarà garantita alla viabilità in quella zona a cavallo tra i quartieri Picone, Poggiofranco e Libertà. Altri invece chiedono di rendere omaggio alle vittime dell’incidente ferroviario del 12 luglio scorso tra Andria e Corato, scegliendo come intitolazione proprio quella data nefasta.

Non da meno i classici «Falcone-Borsellino», «San Nicola», «Murat», «Salvemini», «Leonida Laforgia», «Italia» ma anche i più attuali «Vincenzo Matarrese», l’ex presidente del Bari deceduto di recente, e «Igor Protti» (ma l’ex bomber biancorosso è fortunatamente ancora vivo e vegeto). Insomma, sulla rete il dibattito è ormai acceso anche se l’ultima parola spetterà comunque al Comune di Bari. «Con gli uffici inizieremo a individuare una rosa di nomi, metà femminili e metà maschili, da sottoporre poi al sondaggio online che intendiamo attivare. Siamo pronti a qualunque suggerimento. Alla fine saranno comunque i cittadini a decidere» rilancia l’assessore alla Toponomastica Angelo Tomasicchio. Tra i papabili nomi proposti dal web spuntano anche «Ponte della Fratellanza» e «Ponte dell’Accoglienza» per ricordare le virtù del popolo barese sul tema dell’immigrazione. Altri invece rinunciano all’iniziativa trincerandosi dietro un «Ma non serve dargli un nome», mentre qualche profeta avverte: «Alla fine prenderà il nome di una delle due strade collegate al ponte: via Giuseppe Tatarella». Il sondaggio online potrebbe iniziare già dalla prossima settimana, giusto in tempo per l’inaugurazione del ponte prevista in concomitanza con l’apertura della 80esima edizione della Fiera del Levante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie