Venerdì 23 Agosto 2019 | 05:38

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

LA CAVALCATA

Bari, trentacinque giornatein testa al campionato di serie D

Bari, trentacinque giornate
in testa al campionato di serie D

Dopo sette anni di guai, dalla retrocessione in B ai due fallimenti

Trentacinque giornate in testa al campionato. Mai un vero momento di reale paura. La cavalcata del Bari verso il ritorno al professionismo è stata sicura, costante, incontrastabile per chiunque. Si potrebbe definire una marcia trionfale, se non si parlasse di serie D, peraltro caduta come una tegola sulla testa al culmine di sette anni di guai: dalla retrocessione in B del 2011 al disimpegno della famiglia Matarrese, dallo scandalo calcioscommesse alle penalizzazioni in serie per le inadempienze finanziarie, fino ai due fallimenti: il primo nel marzo 2014, il secondo a luglio 2018.
 IL DEBUTTO - La nuova proprietà entra in carica la sera del 31 luglio. A Ferragosto mancano uffici, forniture, lo stadio San Nicola è ancora ostaggio della precedente gestione. Eppure, il Bari viene costruito a tempo di record, va in ritiro a Roma e torna in città soltanto ai primi di settembre allenandosi a porte chiuse. Il debutto del 16 settembre è una totale incognita: peraltro, si gioca a Messina, contro una delle favorite del girone I. I galletti, però, si impongono per 3-0 grazie ai gol di Floriano, Simeri e di Pozzebon su rigore. Insomma, si intuiscono le fondamenta di un dominio. Non a caso, arrivano le affermazioni con Sancataldese (4-1 al debutto al San Nicola), Cittanovese e Igea Virtus (entrambe per 3-0).
INCROCIO CON LA TURRIS E …FRENATINA - Al quinto turno, ecco lo scontro con la Turris che si dimostra avversario di ben altro spessore rispetto alla concorrenza. Finisce 0-0 al San Nicola, nonostante una ripresa a senso unico per i pugliesi che all’ultimo secondo centrano la traversa su punizione di Brienza. A Marsala, però, è di nuovo pareggio (1-1) sancito da una prestazione scialba. Il primato non vacilla, ma la società si fa sentire: la preparazione si intensifica, i carichi settimanali aumentano, si cerca una maggiore brillantezza.
 IL CAMBIO DI MARCIA - I risultati arrivano immediati. Nei dieci turni seguenti arrivano addirittura nove vittorie (cadono una dopo l’altra Locri, Acireale, Città di Messina, Palmese, Gela, Nocerina, Portici, Troina e Rotonda) ed un solo pari (a Castrovillari). Il girone d’andata si chiude con il beffardo 2-2 interno con il Roccella (malgrado il doppio vantaggio), ma il girone d’andata si chiude comunque con ben undici punti di margine sulla Turris. E la marcia prosegue nei primi due turni del ritorno battendo Messina e Sancataldese.
 L’UNICO BRIVIDO - Dopo 19 risultati utili, arriva la prima sconfitta, a Cittanova. Più doloroso lo stop nello scontro diretto con la Turris. Incamerati i tre punti e con una gara da recuperare, i corallini possono farsi sotto. E la settimana successiva scorrono 21’ di brividi sulla schiena: passa in vantaggio il Marsala al San Nicola ed i campani conducono 2-0 a Messina: la Turris potrebbe arrivare a -3 e invece ecco l’ultima svolta. I biancorossi rimontano e vincono 3-1, i campani cadono in Sicilia (4-2). Il Bari si ritrova a +12, irraggiungibile. I biancorossi vincono ancora con Locri, Città di Messina, Castrovillari, Gela e Portici, pareggiano con Acireale e Palmese, cadono, ma senza farsi male con la Nocerina.
FINE DELLA «PASSIONE» - C’è qualcosa di mistico, nell’ultima istantanea. Il Bari festeggia la matematica promozione il Giovedì Santo, a Troina. In un piccolo campo di provincia, un sintetico, nella realtà forse meno nota dell’intero girone I. Forse il posto ideale per dare l’addio ad un mondo che mai Bari avrebbe pensato di frequentare. Decide un rigore di Simeri, ma l’impresa è di un intero gruppo chiamato a rispettare sul campo il pronostico. Il primo passo è compiuto: la scalata deve continuare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Ecco tutte le date e gli orari della serie CBarion campo quasi sempre di domenica

Date e orari della serie C, Bari in campo quasi sempre ...

 
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a ...

 
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà dome...

 
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tessera...

 
Bari, si respira l'aria del calcio veroDomenica esordio in coppa Italia

Bari, si respira l'aria del calcio vero: domenica esord...

 
Bitetto impressionato da questo Bari"Qualità degli interpreti e tante alternative"

Bitetto impressionato da questo Bari: «Qualità degli in...