Sabato 16 Gennaio 2021 | 16:06

NEWS DALLA SEZIONE

dati regionali
Covid in Puglia, 1.123 nuovi casi su 10.600 tamponi: cala indice positività (10,5%): altr1 15 decessi. Da domani «zona arancione»

Covid in Puglia, 1.123 nuovi casi su oltre 10mila test (10,5%) e altri 15 decessi. Da domani si torna in «zona arancione»

 
Serie B
Calcio Lecce, Hjulmand è giallorosso: sottoscritto contratto per 4 anni

Calcio Lecce, Hjulmand è giallorosso: sottoscritto contratto per 4 anni

 
Il caso
Sanità, 330 medici pugliesi denunciano: «Negata assenza per maternità a rischio»

Sanità, 330 medici pugliesi denunciano: «Negata assenza per maternità a rischio»

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

 
post ordinanza
Puglia, «scuola a richiesta»: sindacati preoccupati per scelte Regione

Puglia, «scuola a richiesta»: sindacati preoccupati per scelte Regione

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

 
la speranza
Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

 
la decisione
Elezioni Puglia, parità di genere. Tar rigetta ricorso: «Infondata questione legittimità costituzionale»

Regionali Puglia, Senso Civico e Italia in Comune restano fuori dal Consiglio: «Non hanno superato il 4%»

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

 
lo scandalo
Puglia, è salito a 28,2 milioni il conto della «truffa agricola»

Puglia, è salito a 28,2 milioni il conto della «truffa agricola»

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMusica
Ecco come Bari festeggia il compleanno di Niccolò Piccinni

Ecco come Bari festeggia il compleanno di Niccolò Piccinni

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

 
Materala ripresa
Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e quello di Palazzo Lanfranchi

Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e di Palazzo Lanfranchi

 
Newsweekla speranza
Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 

i più letti

abusi

Venosa, maltrattavano disabili
arrestati medici e un religioso
15 indagati, anche ex paziente

carabinieri Nas

POTENZA - Quindici misure cautelari (tra cui 8 arresti, 5 divieti di dimora e due interdizioni dalla professione medica, tra cui un neuropsichiatra) eseguite dai Carabinieri del Nas nell’ambito dell’operazione sui «ripetuti e violenti» maltrattamenti su disabili commessi nella struttura riabilitativa dei «Padri Trinitari» di Venosa (Potenza). Calci, pugni, schiaffi e «trascinamenti a terra» per essere trasferiti dal corridoio alle stanze: è «l'inaccettabile e penoso sistema di vita quotidiano» che hanno dovuto subire alcuni ospiti di una struttura riabilitativa di Venosa (Potenza), interrotto stamani dai Carabinieri del Nas. Uno dei divieti di dimora - da Venosa e da Bernalda (Matera) - è stato notificato a padre Angelo Cipollone, dei Padri Trinitari, direttore e legale rappresentante dell’Istituto medico psico-socio pedagogico «Ada Ceschin Pilone».

Le indagini sono cominciate dopo la denuncia della madre di un paziente. Dopo aver notato «ematomi e graffi» sul corpo del figlio, la donna si era rivolta al personale dell’istituto di riabilitazione, ricevendo in risposta «sempre spiegazioni evasive e di comodo». I dettagli dell’operazione sono stati forniti stamani in una conferenza stampa negli uffici della Procura della Repubblica alla quale hanno partecipato il Procuratore capo facente funzioni, Francesco Basentini, il pm Vincenzo Lanni, il comandante del Nas di Napoli, tenente colonnello Vincenzo Maresca, e il comandante del Nas di Potenza, capitano Carmelo Marra.

Anche la mancanza di qualificazione professionale degli educatori e la conseguente «riabilitazione invisibile» - accertata da consulenze tecniche eseguite da psicologi e psichiatri pure attraverso test ai pazienti - sono al centro delle indagini cominciate nel novembre del 2016 e andate avanti per diversi mesi con intercettazioni audio-video e telefoniche. E nelle immagini esaminate dagli investigatori, oltre ai maltrattamenti, è stata notata anche la «deliberata indifferenza e trascuratezza» degli educatori rispetto agli «elementari bisogni assistenziali affettivi e riabilitativi dei pazienti»: in un caso, ad esempio, due degli arrestati stavano giocando a carte dando le spalle ai pazienti. 

GLI ARRESTATI, I CONFINATI E GLI INTERDETTI - Le otto persone raggiunta da provvedimento cautelare sono Giovanni Adorno, Bartolomeo Genosa, Salvatore Marilli, Michele Mollica (assistenti ai disabili) e Vincenzo Briscese, Filippo D’Argenzio, Sergio Di Tria e Rocco Divietri (educatori). Il divieto di dimora nel comune di Venosa è stato disposto nei confronti di Gerardo Antonio Pepe (coordinatore degli educatori e degli assistenti disabili) e degli educatori Sebastiano Paradiso, Michele Pugliese e Donato Santoliquido. Per padre Angelo Cipollone il divieto di dimora invece riguarda Venosa e Bernalda (Matera), l’altro comune lucano dove i Padri Trinitari gestiscono un altro centro riabilitativo.

COINVOLTO ANCHE UN EX PAZIENTE - Era stato in cura nell’Istituto dei Padri trinitari di Venosa (Potenza) - convenzionato con il Sistema sanitario nazionale - e poi era stato assunto per l'assistenza ai disabili con problemi psichici (in totale 140, molti dei quali affetti dalla sindrome di Down e da autismo): oggi è stato arrestato e posto ai domiciliari (insieme ad altre persone) nell’ambito dell’inchiesta «Riabilitazione invisibile» coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza e condotta dei Carabinieri del Nas.

MEDICI NON SEGNALAVANO GLI INVII AL PRONTO SOCCORSO - «Negli anni» i due medici presenti nell’Istituto dei Padri Trinitari di Venosa (Potenza) hanno «omesso di registrare l’invio al pronto soccorso di alcuni pazienti per ferite lacero-contuse varie e traumi cranici». E' quanto emerso da 22 cartelle cliniche e diari clinici sequestrati dai Nas.
Nei confronti dei due medici - Michele Germano (neuropsichiatra infantile) e Francesco Mango (chirurgo specializzato in psicologia clinica) - è stata emessa la misura cautelare della sospensione ed interdizione dalla professione medica.

ANCHE FALSITA' IDEOLOGICA TRA LE ACCUSE - Concorso in maltrattamenti, falsità ideologica ed omissione di atti d’ufficio: sono le accuse, a vario titolo, per le 15 persone indagate nell’ambito dell’operazione «Riabilitazione invisibile»-
Per Padre Angelo Cipollone - direttore dell’Istituto Istituto medico psico-socio pedagogico «Ada Ceschin Pilone», conosciuto in Basilicata e nelle altre regioni del Sud da cui proviene la maggior parte dei pazienti disabili come Istituto dei Padri Trinitari - il divieto di dimora a Venosa e Bernalda (Matera) è stato emesso a causa di «una condotta omissiva» rispetto a «una serie continua di maltrattamenti» che avvenivano anche negli spazi condivisi.
Secondo gli investigatori, inoltre, nell’Istituto venosino c'era la «totale assenza di attività ludico-ricreative-riabilitative con completo disinteresse da parte del personale dipendente», limitandosi «a una mera guardiania».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie