Sabato 20 Ottobre 2018 | 15:36

NEWS DALLA SEZIONE

Domani in campo
Bari, Cornacchini: «A Marsala ci vuole gara concreta»

Bari, Cornacchini: «A Marsala ci vuole gara concreta»

 
A Taurisano (Le)
Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

 
Ad Acquaviva delle Fonti (Ba)
Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, arrestata

Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, ...

 
Divisa in 50 panetti
In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mola di Bari

In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mol...

 
Il messaggio
Sindaco Polignano dà ospitalità a Mimmo Lucano

Sindaco Polignano offre ospitalità a Mimmo Lucano

 
A Poggiofranco
A Bari nasce Piazza Brienza, in omaggio al capitano biancorosso

A Bari nasce Piazza Brienza, in omaggio al capitano bia...

 
I dati
Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Bari»

Salvini: «Senza PD al governo, meno migranti anche a Ba...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
Il caso a Roccanova (Pz)
Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100...

 
Il punto
«Tap arriverà comunque a Brindisi-Mesagne», parla il presidente Emiliano

Tap, Emiliano avverte: gasdotto arriverà a Brindisi-Mes...

 
Sanità
Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Operazione Black land

Traffico di rifiuti, Dia confisca
beni per 6 milioni nel Foggiano

La misura dopo la sentenza della Cassazione. Per ora già 8 condannati, pende giudizio per altri imputati e 4 aziende. In passato sequestrati beni per altri 20 milioni

Traffico di rifiuti, Dia confisca beni per 6 milioni nel Foggiano

La Direzione investigativa antimafia di Bari ha eseguito un provvedimento di confisca di beni e disponibilità finanziarie per un valore di circa 6 milioni di euro nei confronti di un pluripregiudicato foggiano, Gerio Ciaffa, già coinvolto (e condannato invia definitiva) nell’ambito dell’operazione «Black Land», relativa a un traffico di 300mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla Campania e sversati nel Foggiano, nord Barese, Basilicata e Beneventano. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Foggia-Seconda Sezione Penale Ufficio Misure di Prevenzione, su proposta della Procura della Repubblica di Bari, a seguito di complesse investigazioni patrimoniali svolte dalla Dia. Nell'ambito dell'inchiesta penale sul traffico di rifiuti nei territori di Orta Nova e Ordona erano  già stati sottoposti a sequestro preventivo per equivalente beni del valore di oltre 20 milioni di euro.

IL DETTAGLIO DELLA CONFISCA - La confisca ha riguardato, nello specifico:

la “Edil C. s.r.l.”, con sede in Ordona (FG), c.da Cavallerizza snc, esercente l’attività di trattamento e smaltimento rifiuti;
la “P.L. trasporti s.r.l.”, con sede in Ordona (FG), c.da Cacciaguerra snc, esercente l’attività di trasporto merci su strada;
la “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”, con sede in Ordona (FG), proprietaria di enormi appezzamenti di terreno coltivati principalmente ad ortaggi e cereali;
79 appezzamenti di terreno ubicati in Ordona (FG), Orta Nova (FG) e Cerignola (FG), per un totale di circa 179 ettari, di proprietà della “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”;
3 fabbricati rurali della “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”, ubicati nell’agro di Ordona (FG);
2 immobili in Castelluccio dei Sauri (FG);
61 mezzi, la maggior parte dei quali escavatori, pale meccaniche, mezzi agricoli e camion;
disponibilità finanziarie, consistenti in conti correnti, libretti di deposito e polizze assicurative.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE - La confisca è la conseguenza della sentenza della terza sezione pena della Corte di cassazione del novembre scorso che ha reso definitive le condanne per 5 dei 14 imputati nella maxi inchiesta. I giudici romani hanno così cristallizzato le condanne a 3 anni, 9 mesi e 10 giorni di Gerio Ciaffa, 45 anni, foggiano residente a Ordona, amministratore di fatto di «Edil c» e PI» trasporti; e quelle a due anni di reclusione di Giuseppe Gammarota, 37 anni, foggiano residente a Carapelle, dipendente della coop «Spazio verde plus»; Francesco Pelullo, 42 anni, Cerignola, proprietario di un terreno; Donato Petronzi , 41 anni, San Paolo di Civitate, titolare dell’omonima ditta di trasporti; e Giuseppe Zenga, 31 anni, di Carapelle, camionista.

La suprema corte ha reso definitiva anche l’assoluzione di Michele Brandonisio, 34 anni, di Cerignola, amministratore della «Ecoball Bat»: il gup in primo grado gli inflisse 2 anni e 6 mesi, i giudici della corte d’appello di Bari ribaltarono il verdetto e lo assolsero per non aver commesso il fatto: contro quell’assoluzione la Procura generale aveva presentato ricorso in Cassazione, dichiarato inammissibile come quello dei difensori dei 5 condannati.

Il processo ai 18 imputati - tra cui 4 aziende - si divise nell’autunno 2014. Per 3 imputati (un foggiano e due campani) e le 4 aziende è in corso dall’ottobre 2014 il processo ordinario davanti al giudice monocratico di Foggia in cui si stanno ascoltando i testi a discarico. Mentre gli altri 11 imputati optarono per il giudizio abbreviato davanti al gup di Bari. In primo grado, sentenza del il 17 dicembre 2014, il gup assolse un imputato e condannò gli altri 10 a quasi 23 anni di reclusione. Contro quel verdetto ci fu l’appello dei 10 condannati.

Il 18 maggio del 2016 la prima sezione della corte d’appello di Bari assolse 2 imputati e condannò gli altri 8 a complessivi 17 anni, 9 mesi e 10 giorni di reclusione: 5 degli 8 condannati (per gli altri 3 le condanne a due anni da tempo sono diventate definitive) presentarono ricorso in Cassazione che stato dichiarato inammissibile.

Al momento, dunque, sono 8 le condanne definitive, 3 assoluzioni, mentre per altri 3 imputati e 4 aziende pende ancora il processo di primo grado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400