Giovedì 17 Giugno 2021 | 01:59

NEWS DALLA SEZIONE

L’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

 
La curiosità
Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

 
A Nardò
Polizia salva 85enne durante incendio in casa nel Salento

Attimi di paura nel Salento, polizia salva 85enne da incendio divampato in casa

 
Il caso
Treni, Bellanova: rete di Fse è patrimonio da sostenere

Treni, Bellanova: rete di Fse è patrimonio da sostenere

 
La scoperta
Casarano, cagnetta uccisa e abbandonata in campagna

Casarano, cagnetta uccisa e abbandonata in campagna

 
L'annuncio
Vice ministro Castelli: «Da nidi ad anziani, stessi fondi per tutti i Comuni»

Vice ministro Castelli: «Da nidi ad anziani, stessi fondi per tutti i Comuni»

 
Sanità
In Puglia il test Dna fetale sarà gratuito per le donne over 40: prima regione in Italia

In Puglia il test Dna fetale sarà gratuito per le donne over 40: prima regione in Italia

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia: la Regione vicina a 3 mln di somministrazioni: il report delle Asl

Vaccini, Puglia vicina a 3 mln di somministrazioni: il report per provincia

 
La denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 1.400 nuovi casi e 52 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 1.400 nuovi casi e 52 morti nelle ultime 24 ore

 
Serie C
Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

 
LecceA Nardò
Polizia salva 85enne durante incendio in casa nel Salento

Attimi di paura nel Salento, polizia salva 85enne da incendio divampato in casa

 
BariA Bari
Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

 
PotenzaLa denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
TarantoIl siderurgico
Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

 
MateraTelevisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 

i più letti

Il punto

Tragedia della funivia del Mottarone, ora si può soltanto chiedere giustizia

La vita appesa a un filo. Letteralmente. Rifletteteci: quindici persone erano lì pronte al ritorno alla normalità. Ma sull'uscio ad aspettarli hanno trovato la morte

Precipita funivia Mottarone, otto vittime: 12 le vittime

La vita appesa a un filo. Letteralmente. Rifletteteci: quindici persone erano lì, pronte al ritorno alla normalità, a una vita vissuta finalmente fuori dai muri di casa dopo l'allentamento delle misure anti contagio per la pandemia. Ma sull'uscio ad aspettarli hanno trovato la morte. Prima un sibilo, poi un boato pazzesco e un altro botto, meno forte. In pochi secondi quella che doveva essere la domenica della ripartenza, si è trasformata in una tragedia, che tutta l'Italia piange.

Quattordici morti sul colpo, tra cui un bimbo di due anni, mentre un altro di nove è morto all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove è ancora ricoverato in prognosi riservata l'unico superstite della strage, un piccolo di 5 anni. Fili di vita, casualmente intrecciatisi in un singolo istante e tranciati via, senza un perché.

C'è chi era in vacanza con la famiglia, chi voleva trascorrere una giornata diversa e chi, come Roberta e Angelo (le due vittime baresi) erano lassù per festeggiare i 40anni di lei. Sembra quasi di sentirle le risa dell'allegra comitiva mentre salgono pian piano sulla funivia. Sembra quasi di vedere gli occhi pieni di meraviglia di quei bimbi che osservavano il mondo dall'alto, le manine paffute che toccano il vetro e le voci ovattate dalla mascherina che, però, non riesce a celare i sorrisi per quella ritrovata felicità.

Chissà se Angelo aveva con sé una candelina da far spegnere a Roberta sul punto più alto della montagna. E chissà cosa provava lei, Roberta, in quella giornata di festa e di libertà. Lui guardia giurata di Alberobello, protettivo e cordiale. Lei triggianese, medico della Asl di Piacenza, dolce, preparata e gentile, adorata dai colleghi della Continuità Assistenziale piacentina.

Aveva un cuore grande Roberta, tanto che durante l'emergenza sanitaria somministrava i vaccini anti Covid, negli hub della provincia, raggiungendo i pazienti anche a domicilio. Ma davanti al fato non c'è bontà o bravura che tenga. Basta un cavo spezzato a capovolgere il mondo. Urla, panico e poi il silenzio. E noi osservatori inermi, fatichiamo ancora a comprendere come si possa dedicare la vita agli altri per poi morire per un tragico scherzo del destino.

E se fossero rimasti a casa? Se non avessero preso la funivia o se l'avessero presa 20 minuti più tardi, cosa sarebbe successo?

Tutto ciò si poteva evitare? È mai possibile che nel 2021 si possa ancora morire così? Domande che rimangono appese paradossalmente a un filo. Quello stesso sottile filo tessuto dalle Parche del mito e che regge tutto l'universo senza un vero perché. Allora chiamiamola fatalità o coincidenza: ma il trauma resta, risvegliando timori ancestrali tra la paura atavica di cadere nel vuoto e la spinta tutta umana di riuscire a toccare il cielo con un dito.

Oppure chiamiamolo «memento», il monito che caratterizza tutte le tragedie e che serve ad accendere i riflettori sulla caducità della nostra esistenza.

Che si viaggi in autostrada, che si voli giù da un ponte che ti crolla sotto i piedi o si muoia durante un deragliamento di un treno, poco cambia. La verità ineluttabile è che nessuno di noi è in grado di aggiungere un solo secondo al tempo che ci è dato trascorrere su questa Terra, ma oltre a bombardarci di se e di ma, forse, qualcosa noi comuni mortali la possiamo fare davvero.

Accertare le responsabilità, senza puntare il dito contro nessuno ma pretendendo verità e, nel caso, giustizia. Giustizia per queste quattordici vittime, per le loro famiglie, per quei sogni che si sono sfracellati sulle pendici di quel monte e per il nostro Paese, tanto bello quanto deturpato. Questa strage aggiunge l'ennesima ferita aperta sul cuore e sul volto della bella Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie