Venerdì 25 Settembre 2020 | 16:14

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Regionali Puglia, Scanzi: «Elettori 5 Stelle più lucidi dei leader locali. Emiliano ha chiamato per ringraziarmi»

Regionali Puglia, Scanzi: «Elettori 5 Stelle più lucidi dei leader locali. Emiliano ha chiamato per ringraziarmi»

 
verso il ballottaggio
Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

 
dati regionali
Coronavirus, sale numero positivi (+90) e meno tamponi effettuati: un decesso nel Barese. Focolai attivi nel Foggiano

Covid, sale numero positivi (+90) e meno tamponi: un decesso nel Barese.
Contagiati anche Fitto e moglie

 
meteo
È arrivato l'autunno: temperature in calo

È arrivato l'autunno: temperature in calo

 
Il delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: è caccia all'uomo fuggito a piedi

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: è caccia all'uomo fuggito a piedi

 
Emergenza contagi
Foggia, 64 i positivi Covid ricoverati nel policlinico Riuniti

Foggia, 64 i contagiati da Covid ricoverati nel policlinico Riuniti
Positivo anche dipendente Amgas

 
agricoltura
Puglia, sbloccati 8 mln per frantoi e cooperative messi in ginocchio da gelata nel 2018

Puglia, sbloccati 8 mln per frantoi e cooperative messi in ginocchio da gelata nel 2018

 
dati regionali
Coronavirus, 13 nuovi positivi su 850 tamponi: ci sono 2 operai Fca e 2 addette segreteria di una scuola

Coronavirus, 13 nuovi positivi su 850 tamponi: anche 2 operai Fca e 2 addette segreteria scolastica

 
contagi coronavirus
Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

 
l'intervista
Economia, Cottarelli: «La regione Puglia nella Popolare di Bari? Una condizione rischisa»

Economia, Cottarelli: «La Regione nella Popolare di Bari? Una condizione rischiosa»

 
L'annuncio
Fitto positivo al Covid: «Spero gli odiatori si prendano una pausa»

Fitto positivo al Covid: «Spero gli odiatori si prendano una pausa»
Odg E Assostampa_ «Tampone a giornalisti»

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaOperazione della Ps
Potenza, furti in casa da 20mila euro: arrestate 2 ladre

Potenza, furti in casa da 20mila euro: arrestate 2 ladre

 
Foggia«In vino veritas»
Torremaggiore, imprenditori agricoli vessati da richieste estorsive: due in manette

Torremaggiore, imprenditori agricoli vessati da richieste estorsive: due in manette

 
Batla novità
Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

 
Lecceil gesto
Lecce, murale in pieno centro contro la Capone: «Un insulto sessista»

Lecce, rimosso murale in pieno centro contro Capone: «Un insulto sessista»

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

 
Tarantoil siderurgico
Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

 
Baricontagi coronavirus
Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

 

i più letti

L'INTERVISTA

«Il Sud può correre da solo»: il giurista Lottieri, la fiscalità di vantaggio solo un primo passo

«Manca il coraggio di pensare una riforma radicale»

Lottieri: Il Sud può correre da solo

Cosa attende il Paese dopo l’estate della ripartenza? Continua il nostro ciclo di interviste per analizzare il futuro di un’Italia ferita da pandemia e recessione. Oggi tocca al filosofo del diritto Carlo Lottieri, in libreria con il volume Per una nuova Costituente (Liberilibri, 2020).

Professor Lottieri, come si può inquadrare l’estate del 2020? È quella che segue la pandemia ma precede lo tsunami della crisi economica?

«Esattamente. Finora abbiamo gettato la polvere sotto il tappeto. Il governo ha sposato la politica del rinvio bloccando tutto: fallimenti, sfratti, licenziamenti».

Con quale effetto?

«Quello di bloccare le dinamiche dell’economia reale. Se vengo licenziato cerco soluzioni, provo a mettere a frutto le idee. Così si è sospesi in una sorta di limbo».

Meglio il purgatorio dell’inferno

«Il problema è che non si può rinviare in eterno. Prima o poi bisognerà capire come sta davvero la nostra economia per prendere le contromisure adeguate che però non sono quelle viste finora».

Dove sbaglia l’esecutivo?

«Questa è una classe dirigente che intende l’economia come un qualcosa di diretto, orientato e gestito. E si pone sentenziando con una presunzione conoscitiva che è imbarazzante, costringendo le energie anziché liberarle. Nel Dopoguerra, a cui tanti paragonano il momento attuale, i punti nodali erano tre: basse tasse, bassa regolamentazione e prezzi di mercato. Per replicare quella fase devi porre le premesse».

È questo, per lei, il compito della politica?

«Sì, porre le basi, creare le condizioni. Ma davvero pensiamo che sia possibile riformare le pensioni in un contesto nazionale come questo?».

Scusi ma se non in un contesto «nazionale» in quale allora?

«Bisogna operare una responsabilizzazione autentica, “cantonalizzando” questo Paese sul modello svizzero in modo che ognuno sia spinto a tenere i conti in ordine, evitando gli sprechi».

Finora il regionalismo non ha dato grandi risultati...

«Ma è il regionalismo dei centri di spesa deresponsabilizzati. I soldi sono degli altri ed è la fiera della spesa».

Nel dl Agosto è prevista la fiscalità di vantaggio per il Mezzogiorno. È una buona traccia?

«Guardiamo il bicchiere mezzo pieno: ci si rende conto dell’esistenza di una differenza. Il problema è che ci vorrebbe ben altro perché qui nessuno ha il coraggio di mettere in discussione la finanza centralizzata o il tema della contrattazione nazionale».

Quindi, nella sua visione, il Sud dovrebbe cavarsela da solo?

«Secondo l’economista Paolo Malanima, nel 1861, al tempo dell’Unità d’Italia, se la ricchezza del Nord era 100 quella del Sud era 80. Il divario non era poi così grande. S’è ampliato dopo, quando sono state operate politiche centralizzate che per il Mezzogiorno non andavano bene».

Conosce l’obiezione: il Sud, da solo e nelle condizioni attuali, non può farcela.

«È una posizione che non capisco, soprattutto quando la sento dagli stessi meridionali. Al Sud non manca nulla, a cominciare dalle intelligenze».

Mancano le infrastrutture...

«E siamo sempre lì: perché non porre le premesse per un’azione imprenditoriale? Tutto sta nel rimettersi a correre. Ma senza una nuova fase costituente che rivitalizzi i territori gli sforzi sono inutili»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie