Venerdì 05 Giugno 2020 | 09:14

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Bari, mercantile portoghese bloccato in porto: «Questa nave non è sicura»

Bari, mercantile portoghese bloccato in porto: «Questa nave non è sicura»

 
I dati
Tutela dei beni culturali, in Puglia e Basilicata nel 2019 ben 126 denunce

Tutela dei beni culturali, in Puglia e Basilicata nel 2019 ben 126 denunce

 
Viale Candelaro
Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

 
Maltempo
Bari, in arrivo pioggia e vento di burrasca: scatta l'allerta gialla

Bari, in arrivo pioggia e vento di burrasca: scatta l'allerta gialla

 
La ripartenza
Puglia, in arrivo 3 bandi da 448 mln per aiuti imprese e partite Iva

Puglia, in arrivo 3 bandi da 448 mln per aiuti imprese e partite Iva

 
La ripartenza
Fase 3, Regione Puglia posticipa i saldi: partiranno il 1 agosto

Fase 3, Regione Puglia posticipa i saldi: partiranno il 1° agosto

 
Il caso
Pop Bari, azionisti citano banca come responsabile civile

PopBari, azionisti citano banca come responsabile civile

 
Il caso
Psr Puglia, Tar accoglie ricorso aziende agricole: nuovo graduatoria pronta a luglio

Psr Puglia, Tar accoglie ricorso aziende agricole: nuovo graduatoria pronta a luglio

 
Il caso
Gazzetta del Mezzogiorno, Tribunale Bari si riserva su fallimento

Gazzetta del Mezzogiorno, Tribunale Bari si riserva su fallimento

 
La richiesta
Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi. Nuova ordinanza di Bardi: obbligo di segnalazione

 
operazione gdf
Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti

Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti Tradeco

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa foto
Bari, mercantile portoghese bloccato in porto: «Questa nave non è sicura»

Bari, mercantile portoghese bloccato in porto: «Questa nave non è sicura»

 
FoggiaViale Candelaro
Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

 
TarantoLa trovata
Ginosa, l'idea di un lido per il distanziamento: «Qui come su un'isola deserta»

Ginosa, l'idea di un lido per il distanziamento: «Qui come su un'isola deserta»

 
PotenzaAgricoltura
Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

 
Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

La denuncia

Bari, «Mio figlio autistico e io lasciati nella solitudine»

La quarantena ha costretto a casa le persone fragili con conseguenze gravi

«Mio figlio autistico e io lasciati nella solitudine»

BARI - «Prima i disabili più gravi. Così dice la Regione. Ma sono passate due settimane e mio figlio è ancora a casa». Maria, il nome di fantasia, è una di quelle mamme infaticabili che, da 14 anni, si prende cura di suo figlio, gravemente autistico.

Nei due mesi di quarantena, mamma e figlio sono rimasti a casa, perché il centro diurno socio-educativo e riabilitativo che suo figlio frequentava è rimasto chiuso, in base alle disposizioni governative per ridurre il contagio. Con l’inizio della cosiddetta Fase 2, i centri sono stati riaperti, con mille e una prescrizioni e con ingressi contingentati. In base alle disposizioni del dipartimento della salute della regione Puglia, avrebbero dovuto avere priorità i disabili più fragili, «dal punto di vista della rete familiare e sociale o a rischio di perdita delle abilità acquisite» ma, per uno atroce scherzo del destino sono proprio questi ultimi a non poter frequentare ancora i centri.

«È necessario che indossino costantemente la mascherina e che non sbavino, perché la bava può essere veicolo di contagio», spiega a riguardo Maria, «il che significa che mio figlio, e tanti altri ragazzi con autismo, sono ancora a casa e non sappiamo quanto e come potranno tornare a frequentare il centro. Praticamente stanno facendo una selezione fra disabili e disabili». Di qui la disperazione di Maria e di tante mamme che vivono la sua stessa quotidianità. «Mio figlio non è autonomo in nulla, non parla, porta il pannetto ed è soggetto a crisi gravi di autolesionismo e a scoppi di violenza. Con la pandemia, siamo stati costretti a stare a casa e mio figlio è regredito in tutto e per tutto, come se fosse tornato piccolissimo. Non frequentare più il centro è stato difficilissimo per noi, perché mio figlio, come tutti i ragazzi con autismo, è molto abitudinario. Ma dovevamo stare a casa, così ci ha imposto il governo, così era giusto e sicuro per tutti, anche per noi. Adesso, però, che i centri sono stati riaperti, perché non dare priorità a chi ha più bisogno?».

L’attività del centro, spiega Maria, «è l’unica cura per mio figlio che ha bisogno di stare con le persone giuste, professionali, che si occupano di lui e gli fanno fare le giuste attività. Altre soluzioni, per lui, non ce ne sono». Non che Maria non le abbia provate: «Ho chiesto alla Asl di poter avere l’aiuto di un educatore a casa ma mi è stato risposto che, siccome mio figlio è già iscritto al centro riabilitativo, non ha diritto a questo genere di assistenza. Abbiamo provato a fare le videochiamate con gli operatori del centro ma è stato peggio: vedendo a distanza i suoi operatori, mio figlio si arrabbiava perché, evidentemente, non capiva il motivo per il quale non poteva averli vicino. Adesso la Regione ha fatto sapere che possiamo richiedere un contributo di 800 euro. Ma cosa ce ne facciamo dei soldi? A noi serve un aiuto concreto».

Così, senza aiuto, sono passati due mesi. «Durante la pandemia, mi sono fatta fare un certificato per poter andare al mare quando mio figlio aveva le crisi. Stare sulla spiaggia è l’unico modo per calmarlo e per stare tranquilli un paio d’ore». Per il resto, «sono stata 24 ore al giorno con lui, senza dormire, anche la notte, cercando di occuparmi di mio marito e dell’altro mio figlio, anche loro persone fragili e bisognose di attenzione». In questi giorni così difficili, Maria non è stata sola. «Ogni giorni ero in contatto con altre mamme che stanno vivendo la stessa situazione: ragazzi che si feriscono, che tentano di scappare, che distruggono mobili, che aggrediscono i genitori. Quando i ragazzi frequentano il centro, invece, tornano a casa più tranquilli e nelle ore in cui i ragazzi non ci sono noi mamme possiamo ricaricarci e prepararci poi ad affrontare il resto della giornata».

E adesso? «Ci hanno detto che il centro dovrà rispettare una riapertura graduale, alcuni ragazzi potranno andare solo mattina o solo il pomeriggio, o solo alcuni giorni a settimana, sempre con la mascherina. Ma per mio figlio, e per tanti ragazzi come lui, non si sa quando e come poter ritornare a frequentarlo. Eppure si tratta di una struttura molto grande, con grandi spazi all’aperto. È chiaro che per noi mamme la sicurezza dei nostri figli è importante ma se continuiamo così saremo noi mamme ad ammalarci. E allora, davvero, sarà la fine».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie