Domenica 25 Luglio 2021 | 12:14

NEWS DALLA SEZIONE

la tragedia
Taranto, tenta di uccidere la moglie e si suicida

Taranto, tenta di uccidere la moglie e si suicida

 
l'emergenza
Il Green pass frena le prenotazioni

Il Green pass frena le prenotazioni

 
un caso inquietante
Taranto, violenze su una disabile: sospesi 8 autisti dell'Amat

Taranto, violenze su una disabile: indagati 8 autisti dell'Amat

 
Il caso
Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

 
Lotta al virus
Green pass, in Puglia schizzano le richieste di prenotazioni per i vaccini: +131%

Green pass, in Puglia schizzano le richieste di prenotazioni per i vaccini: +131%

 
L'incendio
Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

 
L'inchiesta
Bari, in 29 «omissis» le verità dell’ex gip De Benedictis

Bari, in 29 «omissis» le verità dell’ex gip De Benedictis

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 5.140 nuovi casi e 5 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 5.140 nuovi casi e 5 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Venosa, tenta di cambiare soldi falsi: arrestato dai Carabinieri

Venosa, tenta di cambiare soldi falsi: arrestato dai Carabinieri

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzacovid
Basilicata, dilaga la variante Delta

Basilicata, dilaga la variante Delta

 
Leccemobilità
Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

 
LecceIl caso
Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

Nardò, in centinaia a ballare senza mascherina: 5 giorni di chiusura per il Ficodindia

 
PotenzaAmbiente
Turismo, San Fele ci spera: «Vanno aperte tutte le cascate»

Turismo, San Fele ci spera: «Vanno aperte tutte le cascate»

 
Brindisiambiente
Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

 
TarantoAmbiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 
BatOra è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

 

i più letti

Trattativa segreta

Mittal «tratta» l'uscita da ex Ilva: un miliardo. Governo rilancia di altri 850 milioni. Ma il Mise smentisce

Il gigante dell'acciaio presenta una proposta per andarsene, ma il Governo rincara la dose

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

TARANTO - Sembra giunto al capolinea il matrimonio - anzi la convivenza, trattandosi soltanto di un contratto di fitto che al verificarsi di certe condizioni si sarebbe tramutato in acquisto - tra ArcelorMittal e il Governo italiano. Stando ad alcune fonti solitamente ben informate, la multinazionale dell’acciaio sarebbe pronta a chiudere ogni rapporto con Ilva in amministrazione straordinaria, il soggetto giuridico con il quale firmò nel giugno del 2017 l’accordo - benedetto dall’allora ministro Carlo Calenda - per rilevare il complesso aziendale dell’Ilva.

Ci sarebbe un documento, con cifre e dati, all’attenzione del Governo che sul dossier ha delegato a trattare il presidente di Saipem Francesco Caio, con una agenda bruscamente interrottasi mercoledì scorso quando ArcelorMittal ha confermato, in un incontro al Mise aperto ai sindacati, la volontà di procedere a quasi 5mila esuberi tra il 2020 e il 2023, così dimezzando la forza lavoro. All’attenzione del Governo ci sarebbe una vera e propria proposta di risoluzione di ogni rapporto, con sul piatto un miliardo di euro: cifra alla quale ArcelorMittal arriva mettendo assieme la somma (500 milioni) per lo svuotamento del magazzino (fatto contenuto anche nell’esposto consegnato alla Procura di Taranto che infatti ipotizza l’appropriazione indebita aggravata: riconoscendo l’addebito e versando la cifra relativa anche il fronte penale perderebbe di rilievo), la fideiussione (90 milioni di euro) intestata a favore dell’Ilva a garanzia del pagamento dei canoni di fitto (15 milioni al mese), la rinuncia agli investimenti ambientali finora sostenuti (altri 400 milioni di euro).

La cifra che sarebbe stata ipotizzata da ArcelorMittal non corrisponde ai desiderata del Governo che in conto alla multinazionale metterebbe anche mancate manutenzioni (per 350 milioni di euro) e la penale vera e propria per la risoluzione anticipata del contratto (altri 500 milioni) ma la sensazione è che le parti - domani dovrebbe svolgersi un confronto ad hoc al Mise - non siano così distanti.

Tra Governo e ArcelorMittal, dopo la rottura di mercoledì scorso e prima di scadenze comunque cruciali (il 13 dicembre la decisione della magistratura sul prosieguo della facoltà d’uso per l’altoforno 2, il 20 dicembre l’udienza a Milano nel contenzioso civile tra amministrazione straordinaria e multinazionale) sarebbe maturata la convinzione che l’exit strategy conviene a entrambi. Al Governo per salvare il siderurgico e con esso il valore e la funzione dell’industria manifatturiera italiana, tentando - con il coinvolgimento di player finanziari e tecnici come Cdp, Snam, Saipem e Fincantieri - di garantire così buona parte degli attuali occupati. Ad ArcelorMittal per uscire da un bagno di sangue economico (il primo anno di Ilva sarebbe costato un miliardo di euro) e da una situazione che ormai si è deteriorata, con rapporti all’interno e all’esterno della fabbrica difficilmente gestibili e lontani anni luce dal clima di relativa fiducia con la quale la multinazionale fu accolta a Taranto dopo gli anni di gestione commissariale.

Ci sarebbe anche un timing (aprile 2020) per concludere il (ri)passaggio di consegne.
I sindacati erano e restano sul piede di guerra e stanno preparando la grande manifestazione che si svolgerà martedì in occasione dello sciopero di 32 ore di tutti gli stabilimenti ex Ilva. Lo sciopero inizierà domani alle 23 e si concluderà alle 24 dell'11 dicembre, una scansione decisa dalle organizzazioni sindacali per consentire agli operai di turno nella notte del 9 dicembre di partecipare alla manifestazione di Roma di martedì.

MISE: NESSUNA LETTERA DA MULTINAZIONALE

«Nessuna lettera arrivata dalla multinazionale Arcelor Mittal». Lo fa sapere il Ministero dello sviluppo economico in merito ad alcune indiscrezioni di stampa, puntualizzando inoltre che «con l’azienda non si è mai nemmeno parlato di una transazione economica per la sua uscita dallo stabilimento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie