Giovedì 28 Maggio 2020 | 03:12

NEWS DALLA SEZIONE

tragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 
fase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
La decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
il disastro del 2016
Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

 
I dati del contagio
Coronavirus in Italia, aumentano i nuovi positivi (+584) e i decessi (+117) in 24h 2416 i guariti

Coronavirus in Italia, in 24h cresce numero positivi (+584) e decessi (+117) 2416 i guariti

 
fase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
L'INIZIATIVA
«Sorvoleremo Bari, restate sui balconi»

Bari, arrivano le Frecce Tricolori: la diretta sul sito della «Gazzetta»

 
fase 2
Puglia, accordo Regione-Bcc per pagamento anticipo cassa integrazione

Puglia, accordo Regione-Bcc per pagamento anticipo cassa integrazione

 
giustizia
Processo Pandora a Bari, 4 condanne e 4 assoluzioni (anche vice presidente Antiracket)

Processo Pandora a Bari, 4 condanne e 4 assoluzioni (anche vicepresidente Antiracket)

 
il bollettino
Coronavirus Puglia, 10 nuovi casi tutti nel Foggiano, legati a famiglia contagiata. Una vittima a Brindisi

Coronavirus Puglia, 10 nuovi casi tutti nel Foggiano, legati a famiglia contagiata. Una vittima a Brindisi

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLutto
Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

 
Battragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
Potenzafase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
BariLa decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
MateraLavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
Tarantofase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
Foggiafase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
LecceLa tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 

i più letti

La tragedia

Villa D'Agri, in grembo aveva il feto morto da ore: 37enne muore dissanguata

Arrivata al San Carlo di Potenza non c'è stato nulla da fare per la donna

Villa D'Agri, in grembo aveva il feto morto da ore: donna uccisa da forte emorragia

POTENZA - I familiari chiedono di fare luce sull’accaduto. Vogliono perché una giovane mamma e il suo bimbo in grembo hanno perso la vita. È accaduto ieri nell’ ospedale San Carlo di Potenza. Una donna di 37 anni di Villa d’Agri è deceduta nonostante gli sforzi dei medici e degli anestesisti di strapparla a un destino che è apparso segnato fin dai primi minuti. È giunta nel capoluogo, in preda a dolori, con il suo piccolo che non dava segni di vita da più di dodici ore. Una morte fetale in seguito alla quale spesso si scatena quello che in gergo medico si chiama «Cid», coagulazione intravascolare disseminata. In pratica il sangue non si coaugula e si va incontro ad emorragia. Esattamente ciò che è accaduto alla giovane mamma arrivata al San Carlo intorno alle 21 di domenica sera. Qui, dopo aver constatato il decesso del feto, i medici hanno dovuto asportare l’utero praticandole una dozzina di trasfusioni nel tentativo di fronteggiare il «Cid», considerato una vera e propria «brutta bestia» perché i farmaci coaugulanti non riescono ad attecchire di fronte a un’emorragia che sembra trasformare il sangue in acqua fresca. La povera donna è stata colpita da quattro, cinque arresti cardiaci e ieri, nel reparto di Rianimazione, non c’è stato nulla da fare.

Secondo una ricostruzione dell’accaduto, la signora avrebbe accusato dei dolori domenica mattina, ma sembrava un malore legato alla gravidanza. O meglio, credeva fosse così, sperando che di lì a poco sarebbe passato. Invece i dolori sono diventati più forti e alla fine i familiari l’hanno convinta a farsi accompagnare all’ospedale potentino. A un primissimo esame i medici hanno scoperto che il bambino era già morto. Sarà l’autopsia a chiare le cause del decesso del piccolo, per effetto del quale, come dicevamo, nell’organismo della donna si è scatenato quel putiferio che ha determinato l’emorragia. Pare che durante la prima gravidanza, andata per fortuna a buon fine, la donna avesse accusato anche problemi analoghi e che fosse stata sottoposta a trasfusioni subito dopo il parto, restando sotto osservazione in ospedale per quasi un mese. Questa volta, purtroppo, è andata diversamente. Al momento i familiari non avrebbero chiesto ancora il sequestro della cartella clinica, ma non è eslcuso che lo facciano in queste ore. Nel frattempo ciò che è accaduto diventerà di certo tema di discussione legando la triste storia alla necessità di riaprire il «punto nascita» a Villa d’Agri. Forse un intervento più tempestivo avrebbe potuto salvare la donna. Forse. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie