Martedì 19 Novembre 2019 | 15:53

NEWS DALLA SEZIONE

Tecnologia
Sicurezza stradale, è made in Bari la prima app per rilevare gli incidenti

Sicurezza stradale, è made in Bari la prima app per rilevare gli incidenti

 
Nel Tarantino
Manduria, incendiò l'auto della ex e la tormentava: denunciato 57enne

Manduria, incendiò l'auto della ex e la tormentava: denunciato 57enne

 
dopo una lunga indagine
Da Cerignola a Palagianello per rapinare una banca: 3 arresti

Da Cerignola a Palagianello per rapinare una banca: 3 arresti

 
il contenzioso
«Fc Bari paghi la Tari del 2014»: Commissione Tributaria rigetta il ricorso della società

«Fc Bari paghi la Tari del 2014»: Commissione Tributaria rigetta il ricorso della società

 
la sentenza
«Il boss barese può vedere la tv fino a notte fonda»: Cassazione, i reclusi al 41bis hanno diritto a informarsi

«Il boss barese può vedere la tv fino a notte fonda»: Cassazione, i reclusi al 41bis hanno diritto a informarsi

 
trasporti
Treni Fse, linea Bari-Putignano: 8 anni di attesa per un cantiere

Treni Fse, linea Bari-Putignano: 8 anni di attesa per un cantiere

 
ad Arezzo
Anci, sindaco di Bari Decaro rieletto presidente per i prossimi 3 anni

Anci, sindaco di Bari Decaro rieletto presidente per i prossimi 5 anni

 
a Lucera e nel capoluogo
Foggia, penne, quaderni e materiale per la scuola contraffatto: GdF sequestra 17mila prodotti

Foggia, penne, quaderni e materiale per la scuola contraffatto: GdF sequestra 17mila prodotti

 
La novità
Emergenza, anche in Puglia arriva il numero unico 112

Emergenza, anche in Puglia arriva il numero unico 112

 
il siderurgico
Mittal, prosegue presidio autotrasportatori. Sospeso stop Altoforno 2, venerdì Conte vede azienda

Mittal, Comune Taranto si costituirà in giudizio. GdF anche a Milano 
Pm: «Distratti beni fallimento Ilva»
Indotto avanza 30mln di fatture scadute

 
il caso
Foggia, calci e pugni al responsabile dell'oratorio: segnalato 15enne

Foggia, calci e pugni al responsabile dell'oratorio: segnalato 15enne

 

Il Biancorosso

serie c
Bari missione rimonta con due magnifici dieci

Bari missione rimonta con due magnifici dieci

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariTecnologia
Sicurezza stradale, è made in Bari la prima app per rilevare gli incidenti

Sicurezza stradale, è made in Bari la prima app per rilevare gli incidenti

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, incendiò l'auto della ex e la tormentava: denunciato 57enne

Manduria, incendiò l'auto della ex e la tormentava: denunciato 57enne

 
Foggiaa Lucera e nel capoluogo
Foggia, penne, quaderni e materiale per la scuola contraffatto: GdF sequestra 17mila prodotti

Foggia, penne, quaderni e materiale per la scuola contraffatto: GdF sequestra 17mila prodotti

 
Potenzadissesto idrogeologico
Basilicata: frane, opere bloccate, a rischio 95 milioni di euro

Basilicata: frane, opere bloccate, a rischio 95 milioni di euro

 
Leccedolci
Il secondo panettone più buono al mondo è salentino

Il secondo panettone più buono al mondo è salentino

 
Brindisispettacoli
PalaEventi Brindisi, c'è il 'Sì' della Soprintendenza

PalaEventi Brindisi, c'è il 'Sì' della Soprintendenza

 
Materai danni
Maltempo Matera, danni per 8mln, Comune: «Riconoscere stato d'emergenza»

Maltempo Matera, danni per 8mln, Comune: «Riconoscere stato d'emergenza»

 
Batnel Nordbarese
Andria, Dia sequestra 2 mln di euro di beni a pluripregiudicato, anche un'azienda agricola

Andria, Dia sequestra 2 mln di euro di beni a pluripregiudicato, anche un'azienda agricola

 

i più letti

Il caso

Taranto, falso allarme bomba: evacuate Eni e Mittal. Denunciato operaio 41enne

Controlli anche a sporgenti porto gestiti da ArcelorMittal

Taranto, allarme bomba in Eni, azienda: «Verifiche in corso»

TARANTO -  In seguito a un allarme bomba che - a quanto si apprende - sarebbe stato diffuso sui social, nel pomeriggio è stata evacuata la raffineria Eni di Taranto dove sono in corso accertamenti. In seguito allo stesso allarme è stata disposta anche un’evacuazione di sicurezza del personale di ArcelorMittal in servizio al reparto Ima (Impianti marittimi) del secondo e terzo sporgente del porto gestito dal Siderurgico, con controlli e bonifica da parte degli artificieri.

«Nel pomeriggio - informa Eni in una nota - tutto il personale giornaliero e delle imprese che opera nella raffineria Eni di Taranto è stato invitato a lasciare il posto di lavoro al fine di consentire i controlli delle forze dell’ordine, a seguito di una segnalazione in cui si annunciava il posizionamento di un ordigno esplosivo all’interno del sito».

L’azienda aggiunge che «tutti gli impianti sono sempre rimasti in marcia regolare, guidati e controllati dalle sale controllo che sono bunkerizzate». L’Eni evidenzia infine che «sono in corso tutti gli accertamenti in totale sicurezza» e che «la situazione è sotto controllo».

Sarebbe stato un operaio di 41 anni, elettricista nell’area portuale gestita da ArcelorMittal, a diffondere il falso allarme bomba che ha causato nel pomeriggio l’evacuazione della Raffineria Eni di Taranto e del reparto Ima dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal. L'uomo, che risiede a Leporano (Taranto) e ha precedenti giudiziari, è stato identificato dai carabinieri del Nucleo investigativo e denunciato in stato di libertà per violenza privata e procurato allarme.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, al termine del proprio turno lavorativo il 41enne ha pubblicato un post sul proprio profilo Facebook, scrivendo: «Bene, ho finito di piazzare l’ordigno sotto le cisterne dell’Eni di Taranto. Il timer l’ho regolato per le 17. Due ore dovrebbero bastare per allontanarmi».
L’operaio, rintracciato presso l’abitazione dei genitori, ha ammesso le proprie responsabilità, precisando che si trattava di un falso allarme e che aveva inteso diffondere quel post per un non meglio precisato senso di frustrazione personale e desiderio di rivalsa nei confronti della città di Taranto.

In seguito alla diffusione dell’allarme sono stati precauzionalmente evacuati gli impianti produttivi e di stoccaggio di materie prime della locale raffineria Eni e del complesso portuale dello stabilimento siderurgico. Le operazioni di bonifica, a cura dei militari artificieri della sezione investigazioni scientifiche, coadiuvati da personale addetto alla sicurezza degli stabilimenti industriali, hanno dato esito negativo. Le attività produttive sono riprese regolarmente

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie