Giovedì 22 Agosto 2019 | 08:59

NEWS DALLA SEZIONE

Trasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
Musica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
LA SISAL
Scommettere sul Bari non è un affare I ragazzi di Cornacchini sono i favoriti

Scommettere sul Bari è un affare: i ragazzi di Cornacchini sono i favoriti

 
Denuncia Usb
Taranto ammorbata da puzza di gas nauseabonda: la denuncia dell'Usb

Taranto, allarme per una puzza gas ai quartieri Paolo VI e Tamburi

 
Poi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
Nel centro storico
Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

 
I controlli
Falsi incidenti stradali, stretta dei cc: 36 denunce in 7 mesi nel Brindisino

Falsi incidenti stradali, stretta dei cc: 36 denunce in 7 mesi nel Brindisino

 
Per la Coldiretti
Vini di Puglia, vendite al top per Primitivo e Negramaro: boom per i rosati

Vini di Puglia, vendite al top per Primitivo e Negramaro: volano i rosati

 
Estate di fuoco
Puglia piegata dagli incendi: la Murgia l'area più colpita

Puglia piegata dagli incendi: la Murgia l'area più colpita

 
Al San Carlo
Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici, bimbi trasferiti

 
La testimonianza
Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

I rilievi

Piano di sviluppo rurale, la Puglia bacchettata da Bruxelles: «Che pasticci»

I controlli a campione dei magistrati contabili sui fondi erogati per l’alluvione del 2013

agricoltura

BARI - I soldi del Psr 2007-2013 sono stati usati in maniera impropria, in particolare per rimborsare i danni causati dall’alluvione del 7 e 8 ottobre 2013. È quanto la Corte dei conti europea ha contestato nelle scorse settimane ai magistrati contabili italiani, dopo l’audit svolto in Puglia a febbraio che ha rilevato problemi su 142 milioni di euro di pagamenti, relativi all’ultimo trimestre 2015, soldi che Bruxelles ha trasferito alla Regione a ottobre 2018.

Le contestazioni contabili sono di norma oggetto di contraddittorio. Ma se, come quasi sempre accade in questi casi, i rilievi verranno confermati, i pagamenti non corretti vengono de-certificati: il risultato è che la Regione (che ha già pagato il beneficiario) dovrà assorbirli con il bilancio autonomo. Nel caso oggetto della segnalazione, gli ispettori di Bruxelles hanno verificato a campione un pagamento di 1,4 milioni effettuato sulla misura 125 a favore del Comune di Ginosa. Dopo i nubifragi di ottobre 2013, la Regione (il presidente era Nichi Vendola) dichiarò lo stato di crisi per alcuni Comuni del Tarantino e decise di utilizzare il Psr per il ripristino delle strade danneggiate: dopo una lunga interlocuzione con Bruxelles venne approvata una variante al Programma di sviluppo rurale da circa 10 milioni di euro.

Il bando prevedeva un limite di 500mila euro di contributo per singola strada da ripristinare. A febbraio, verificando il progetto sul campo, gli ispettori hanno però scoperto che il Comune di Ginosa ha ottenuto un finanziamento da 1,4 milioni, eludendo il tetto dei 500mila euro con lo spacchettamento «in due o più lotti» delle strade. «Si ritiene - hanno scritto i magistrati contabili europei - che tale divisione in lotti non sia giustificata». Sullo stesso bando, la verifica ha fatto emergere altre criticità nella procedura di selezione dei progetti ritenuta troppo discrezionale.

Nel mirino è poi finito, in una diversa misura del Psr, anche un anticipo di 800mila euro erogato all’Università di Bari. Nel 2013 la Rete per la biodiversità delle specie orticole aveva ricevuto un finanziamento 2 milioni, ed ha poi ottenuto ulteriori 1,6 milioni per quella che viene definita una «sovvenzione aggiuntiva» non prevista dal bando originario. Insomma, soldi senza selezione pubblica, erogati in chiusura del periodo di programmazione quasi certamente per fare spesa ed evitare di perdere i fondi. Si tratta, scrivono gli ispettori, di «una notevole deviazione» dagli standard previsti per l’utilizzo delle risorse pubblica.

La lettera della Corte dei conti europea è stata resa nota ieri da fonti ministeriali. Il Psr 2007-2013 valeva complessivamente 1,48 miliardi di euro e si è chiuso nel 2016. A dicembre 2015 è stato invece approvato il Psr 2014-2020, attualmente in corso, è nel mirino delle polemiche per via del rischio concreto di non centrare gli obiettivi di spesa previsti per il 2019 (relativi all’annualità 2016): entro fine anno la Puglia è tenuta a spendere altri 180 milioni di euro, ed ha deciso una revisione postuma dei requisiti richiesti per uno dei bandi più importanti nel tentativo di accelerare l’erogazione delle risorse. Ma per il momento resta tutto bloccato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie