Sabato 24 Agosto 2019 | 05:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

 
Il progetto
In arrivo Puglia Beach: l'app con cui scegli la spiaggia dei tuoi sogni

In arrivo Puglia Beach: l'app con cui scegli la spiaggia dei tuoi sogni

 
Al Santissima Annunziata
Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

 
La decisione
Nardò, sindaco vieta pesca e balneazione alla Palude del Capitano

Nardò, «troppi turisti» e il sindaco vieta i bagni alla Palude del Capitano

 
Il ritrovamento
Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

 
La decisione
Puglia, fermo pesca obbligatorio proseguirà fino all'8 settembre

Puglia, fermo pesca obbligatorio proseguirà fino all'8 settembre

 
Sulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
A Gallipoli
Fugge per godersi l’estate: i cc si fingono scaricatori di birra e lo stanano a Baia Verde

Fugge per godersi l’estate: i cc si fingono scaricatori di birra e lo stanano a Baia Verde

 
Nel mare Adriatico
WWF: «Nelle acque di Monopoli nuotano 4 rari squali "sentinella"»

WWF: «Nelle acque di Monopoli nuotano 4 rari squali "sentinella"»

 
La protesta
Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

Venosa, disabile si incatena in Comune: «Voglio che mi ridiano il cane»

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekDopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
LecceL'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
BatIl caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
MateraIl sogno
Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

 

i più letti

Sanità

Puglia, sorpresa dai grillini: niente assunzioni nelle Asl

La norma sblocca turn-over del ministro Grillo è una beffa. Saltano le 4700 unità in più previste a partire da quest'anno

sanità medici

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha parlato di un «cambio di rotta». I presidenti delle Regioni non hanno battuto ciglio. Ma per la Puglia, e per quasi tutto il Sud, la norma sblocca turn-over approvata giovedì scorso equivale a una beffa. Anche se il 9 aprile i tecnici ministeriali dovessero sancire l’uscita dal Piano operativo, i nuovi limiti alla spesa del personale non consentiranno di procedere alle 4.700 assunzioni previste.
Spieghiamo. Il tetto per il personale era pari alla spesa storica del 2004 meno l’1,4%, che per la Puglia è pari (al netto degli aumenti contrattuali) a 1,961 miliardi. Lo sblocca turn-over ha fissato il nuovo tetto alla spesa sostenuta nel 2018. Cosa cambia? Nulla per chi (quasi tutte le Regioni del Nord) non ha mai rispettato il vecchio tetto. Tutto per la Puglia, che nel 2018 ha speso (il dato non è definitivo) circa 1,7 miliardi netti.

Oggi, in regime di Piano operativo, le assunzioni sono bloccate salvo deroghe da parte dei ministeri (che le hanno concesse con il contagocce). La Regione stava infatti puntando tutto sulla conclusione positiva della verifica che a inizio aprile dovrebbe far venire meno il «commissariamento soft» e dunque anche il blocco delle assunzioni. Questo avrebbe consentito (è scritto nel Piano operativo) di spendere i circa 200 milioni (che con i rinnovi diventano 300) di differenza tra la spesa attuale e il vecchio tetto calcolato sul 2004: un tesoretto che avrebbe consentito di assumere circa 4.700 unità di personale su un fabbisogno stimato in 6.600. Non sarà più possibile, perché il tetto potrà essere aumentato (a partire dal 2020) solo del 5% dell’incremento del fondo sanitario, cioè (per la Puglia) di un massimo di 5-6 milioni l’anno.

I tecnici dell’assessorato alla Salute stanno effettuando le simulazioni per capire l’impatto del nuovo tetto di spesa. Ma, si fa notare, bisognerà anche tenere conto degli effetti di «quota 100», che nei prossimi 5 anni dovrebbe far andare in pensione circa 300 medici l’anno. Già oggi il sistema sanitario pugliese ha 18mila dipendenti in meno rispetto alla Toscana: la media italiana è di 10,4 dipendenti ogni 1.000 abitanti, la Puglia è a quota 8,7. Al Sud, peraltro, l’età media (53 anni) è sensibilmente più alta rispetto al resto d’Italia. In queste condizioni diventa molto, molto difficile garantire i Livelli essenziali di assistenza: i soli 300 medici che andranno via ogni anno per quota 100 sono l’equivalente di un ospedale di base, e per i medici il deterrente delle penalizzazioni sulla pensione conterà fino a un certo punto. Questo perché in una situazione come la attuale, in cui c’è carenza di medici, tantissimi potranno lasciare le Asl e andare a lavorare nel privato o dedicarsi alla libera professione.

In Puglia nell’ultimo decennio (ed escluso il 2018, i cui numeri definitivi non sono ancora disponibili) il personale è costantemente diminuito: dopo il blocco del turn-over tra il 2010 e il 2012, è stato possibile compensare solo le cessazioni del triennio 2013-2015. Nei tre anni successivi (quelli del Piano operativo) la copertura del turn-over non è stata integrale, ma andrà valutato l’effetto finanziario delle stabilizzazioni: questo perché i contratti a tempo determinato non entravano (e non entrano) nella determinazione del tetto di spesa. E dunque è probabile che l’unica soluzione per riemprire le corsie sia affidarsi di nuovo a personale precario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie