Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Sanità

Puglia, sorpresa dai grillini: niente assunzioni nelle Asl

La norma sblocca turn-over del ministro Grillo è una beffa. Saltano le 4700 unità in più previste a partire da quest'anno

sanità medici

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha parlato di un «cambio di rotta». I presidenti delle Regioni non hanno battuto ciglio. Ma per la Puglia, e per quasi tutto il Sud, la norma sblocca turn-over approvata giovedì scorso equivale a una beffa. Anche se il 9 aprile i tecnici ministeriali dovessero sancire l’uscita dal Piano operativo, i nuovi limiti alla spesa del personale non consentiranno di procedere alle 4.700 assunzioni previste.
Spieghiamo. Il tetto per il personale era pari alla spesa storica del 2004 meno l’1,4%, che per la Puglia è pari (al netto degli aumenti contrattuali) a 1,961 miliardi. Lo sblocca turn-over ha fissato il nuovo tetto alla spesa sostenuta nel 2018. Cosa cambia? Nulla per chi (quasi tutte le Regioni del Nord) non ha mai rispettato il vecchio tetto. Tutto per la Puglia, che nel 2018 ha speso (il dato non è definitivo) circa 1,7 miliardi netti.

Oggi, in regime di Piano operativo, le assunzioni sono bloccate salvo deroghe da parte dei ministeri (che le hanno concesse con il contagocce). La Regione stava infatti puntando tutto sulla conclusione positiva della verifica che a inizio aprile dovrebbe far venire meno il «commissariamento soft» e dunque anche il blocco delle assunzioni. Questo avrebbe consentito (è scritto nel Piano operativo) di spendere i circa 200 milioni (che con i rinnovi diventano 300) di differenza tra la spesa attuale e il vecchio tetto calcolato sul 2004: un tesoretto che avrebbe consentito di assumere circa 4.700 unità di personale su un fabbisogno stimato in 6.600. Non sarà più possibile, perché il tetto potrà essere aumentato (a partire dal 2020) solo del 5% dell’incremento del fondo sanitario, cioè (per la Puglia) di un massimo di 5-6 milioni l’anno.

I tecnici dell’assessorato alla Salute stanno effettuando le simulazioni per capire l’impatto del nuovo tetto di spesa. Ma, si fa notare, bisognerà anche tenere conto degli effetti di «quota 100», che nei prossimi 5 anni dovrebbe far andare in pensione circa 300 medici l’anno. Già oggi il sistema sanitario pugliese ha 18mila dipendenti in meno rispetto alla Toscana: la media italiana è di 10,4 dipendenti ogni 1.000 abitanti, la Puglia è a quota 8,7. Al Sud, peraltro, l’età media (53 anni) è sensibilmente più alta rispetto al resto d’Italia. In queste condizioni diventa molto, molto difficile garantire i Livelli essenziali di assistenza: i soli 300 medici che andranno via ogni anno per quota 100 sono l’equivalente di un ospedale di base, e per i medici il deterrente delle penalizzazioni sulla pensione conterà fino a un certo punto. Questo perché in una situazione come la attuale, in cui c’è carenza di medici, tantissimi potranno lasciare le Asl e andare a lavorare nel privato o dedicarsi alla libera professione.

In Puglia nell’ultimo decennio (ed escluso il 2018, i cui numeri definitivi non sono ancora disponibili) il personale è costantemente diminuito: dopo il blocco del turn-over tra il 2010 e il 2012, è stato possibile compensare solo le cessazioni del triennio 2013-2015. Nei tre anni successivi (quelli del Piano operativo) la copertura del turn-over non è stata integrale, ma andrà valutato l’effetto finanziario delle stabilizzazioni: questo perché i contratti a tempo determinato non entravano (e non entrano) nella determinazione del tetto di spesa. E dunque è probabile che l’unica soluzione per riemprire le corsie sia affidarsi di nuovo a personale precario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400