Lunedì 17 Dicembre 2018 | 08:58

NEWS DALLA SEZIONE

La lettera-appello
I giornalisti della Gazzetta scrivono a Mattarella: tuteli l'informazione e 130 anni di storia

Crisi Gazzetta, i giornalisti scrivono
a Mattarella: troppe incertezze,
a rischio 130 anni di storia

 
Serie B
Lecce perde a Brescia 2-1 dopo ribaltone al 91esimo

Lecce perde a Brescia 2-1 dopo ribaltone al 91esimo

 
Basket
Brindisi, Clark infortunato: Venezia batte Happy Casa 70-59

Brindisi, Clark infortunato: Venezia batte Happy Casa 70-59

 
Iniziativa Dem
Politica, nasce la piattaforma anti Rosseau; Boccia presenta Hackytaly

Politica, nasce la piattaforma anti Rosseau: Boccia presenta Hackytaly

 
Emiliano convoca i commissari giudiziari della Gazzetta: a rischio 130 anni di storia e posti di lavoro

Emiliano convoca i commissari giudiziari della Gazzetta: a rischio 130 anni di storia e posti di lavoro

 
Serie D
Rotonda - Bari: la diretta della partita

Rotonda - Bari finisce 1-2: gli highlights della partita

 
5 sparatorie nell'estate 2015
Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

 
Nel Foggiano
Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

 
L'allarme
Caduta calcinacci da ponti nel Salento, FdI: «Monitorare»

Caduta calcinacci da ponti nel Salento, FdI: «Monitorare»

 
Nel Brindisino
Aggredisce genitori in un bar e minaccia il proprietario: arrestato 22enne a Carovigno

Aggredisce genitori in un bar e minaccia il proprietario: arrestato 22enne a Carovigno

 
Nel Leccese
Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

 

18 ordinanze da Milano a Bari

Dal Marocco droga per mezza Italia
Nella banda anche imprenditori

Il carico a Pisa: sequestrati case, terreni e altri beni, reimpiego dei 2 milioni di profitto del traffico di droga

polizia

La squadra mobile di Bologna, con il coordinamento del Servizio centrale operativo della Polizia e con la collaborazione delle squadre mobili di Milano, Bari, Foggia, Lucca, Verona e Venezia ha eseguito 18 ordinanze di custodia cautelare (nove in carcere, sei ai domiciliari, tre obblighi di firma), emesse dal Gip di Bologna, nei confronti dei presunti appartenenti ad un’organizzazione criminale dedita al traffico di droga, che ha importato tre tonnellate di hashish dal Marocco, arrivate al porto di Marina di Pisa. A capo del gruppo criminale c'erano tre italiani residenti a Milano che seguivano tutte le fasi dell'importazione, dal reperimento dell'imbarcazione, all'intestazione fittizia della stessa, dall'individuazione dello skipper alla definizione del quantitativo e del costo dello stupefacente. La droga arrivava in Italia con imbarcazioni appositamente modificate che facevano da spola con il paese di produzione.
A questi provvedimenti si aggiungono sette arresti in flagranza e il sequestro preventivo, eseguito dalla Dia, di beni per circa due milioni, fra case, terreni, auto, quote societarie e conti correnti. «La nostra principale soddisfazione è avere eliminato l’intero canale di rifornimento della droga», ha spiegato il dirigente della Mobile bolognese Luca Armeni illustrando l’indagine, partita dal capoluogo emiliano nel 2013. Alcuni degli indagati, che fra loro si chiamavano con soprannomi come 'lenticchia' o 'kingokongo', sono professionisti e piccoli imprenditori. 

L'organizzazione non si occupava dello spaccio al dettaglio ma del livello più alto del traffico, trattando direttamente l’importazione dal Marocco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400