Lunedì 22 Ottobre 2018 | 21:28

NEWS DALLA SEZIONE

Alla chiusura
Rapinano banca a Barletta: sfondano ingresso con furgone e fuggono

Barletta, rapinatori assaltano banca sfondando la vetra...

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto sca...

 
A Taranto
Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per i lavoratori dell'appalto

Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per...

 
La città delle ceramiche
Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emiliano: «Ok gioco di squadra»

Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emilia...

 
Dopo l'infarto
Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

 
clima d’odio
Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a B...

 
Non ebbe l'asilo politico
Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per rimpatrio salma

Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per ...

 
a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Il braccio di ferro

«Ilva, i contratti con Mittal
sono coperti dal segreto»

Il Ministero dice no alla richieste e la Regione scrive all'Ue

«Ilva, i contratti con Mittalsono coperti dal segreto»

Lo stabilmento Ilva

MIMMO MAZZA
TARANTO - Non c’è davvero niente da fare, almeno usando i mezzi ordinari: il contratto di cessione dell’Ilva all’amministrazione straordinaria ad Am InvestCo (società formata dalla multinazionale dell’acciaio Arcerlor Mittal e dal gruppo Marcegaglia) resta uno dei - pochi - segreti meglio conservati in Italia.

In attesa che il Tar del Lazio (a cui sia la Regione Puglia che il Comune di Taranto hanno chiesto di riassumere il ricorso contro il piano ambientale del quale si era spogliato il Tar di Lecce per incompetenza territoriale) decida sulla richiesta di ordinare al Governo di mettere a disposizione delle parti tutto l’incartamento del dossier, l’ingegner Barbara Valenzano, capo dipartimento della Regione, ha dovuto incassare il «no» alla richiesta di accesso agli atti da parte del ministero per lo Sviluppo economico.

analogo «no» il 22 dicembre scorso era giunto anche al Comune di Taranto, motivato con ragioni di segretezza e di privacy. Proprio partendo dal contenuto di quel diniego, la Valenzano è tornata alla carica sollecitando la consegna di quei documenti, contenenti «rilevanti informazioni connesse ad una migliore valutazione degli effetti ambientali discendenti dall’attuazione del piano industriale presentato da Am InvestCo», al pari di altri atti, come l’offerta stessa di Am InvestCo, tutti indispensabili alla Regione per esercitare le sue prerogative.

In tre pagine, però, il Mise ha brutalizzato la richiesta della Puglia, arrivando a ritenere che gli atti richiesti sono assolutamente estranei a fattori ambientali e che, esattamente come detto al Comune di Taranto, se proprio quel dossier dovrà diventare pubblico, sarà il Tar a ordinarlo. Stremata dalla lotta contro il muro di gomma, la Valenzano ha scritto alla commissaria europea per la concorrenza Margrethe Vestager, sollecitando un incontro urgente sul caso Ilva.

Proprio ieri sulla vicenda riguardante il siderurgico di Taranto è intervenuta la Commissione Ue, specificando di non aver «imposto cessioni di attività specifiche» ad Arcelor Mittal per dare il via libera all’acquisto dell’Ilva, ma sta «analizzando quelle proposte dalle imprese, valutando se rispondono alle preoccupazioni identificate dalla concorrenza. Capiamo che quando una fusione porta ad un disinvestimento questo possa essere fonte di incertezza e preoccupazione per le aziende e i lavoratori, ma l'obiettivo della Commissione - ha detto un portavoce della Vestager - è di assicurare che ogni asset ceduto continui ad esercitare concorrenza sulle aziende che si fondono». L’antitrust europeo ribadisce che l’analisi della fusione Ilva-ArcelorMittal è ancora «in corso», e che la scadenza legale per la decisione è il 23 maggio. «Non possiamo predire il risultato, non abbiamo preso una decisione finale», ha detto il portavoce che non conferma le indiscrezioni circolate circa un via libera all’operazione già accordato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400