Mercoledì 17 Luglio 2019 | 10:35

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 
Indagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariDal 20 al 28 luglio
Light Festival: ad Alberobello la luce «disegna» sui trulli

Light Festival: ad Alberobello la luce «disegna» sui trulli

 
FoggiaOperazione Rodolfo
Mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan foggiani

Foggia, mafia e estorsione a imprenditori agricoli: in carcere 3 esponenti clan

 
Brindisinel Brindisino
Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

occupazione

Foggia, il caso dei 25 lavoratori
fuori dal subappalto «Leonardo»

lavoratori

di MASSIMO LEVANTACI

FOGGIA - «Fumata grigia», dicono i sindacati, sulla ricollocazione in fabbrica dei 25 lavoratori in somministrazione licenziati a fine anno dalle aziende del subappalto Leonardo. Nessuna soluzione per loro, solo due mesi di sterili parole e di silenzi inquietanti anche in merito a precise denunce su come vengono gestite oggi le dinamiche del subappalto in un’azienda di Stato qual è la fabbrica aeronautica di Incoronata da mille dipendenti. Il tavolo tecnico in Prefettura c’è stato, anche in due riprese, ma la montagna di incontri (c’era stato anche un confronto qualche giorno prima tra i sindacati) ha partorito il classico topolino. Solo la Fata, azienda del gruppo Leonardo, ha detto di potersi impegnare a richiamare in fabbrica solo il 25% dei venticinque operai messi alla porta e ad assumerne altri due in siti nazionali del gruppo in altre regioni italiane. Un po’ poco per i sindacati che hanno «preso atto» della disponibilità manifestata al tavolo, rispedendo al mittente quella striminzita proposta.

«E’ comunque un passo avanti, ma non sufficiente», hanno dichiarato a fine incontro le segreterie generali di Cgil, Cisl e Uil e delle categorie Fiom, Fim, Uilm, Nidil, Felsa, Uiltemp. Immediata è partita la richiesta di convocazione alla Regione: la task-force per l’occupazione e l’assessore al Lavoro, Sebastiano Leo, nei prossimi giorni saranno sollecitati a intervenire per individuare una diversa strategia di approccio da mettere in campo con i sindacati. Il problema, infatti, non va circoscritto solo al licenziamento dei 25 lavoratori dipendenti di Etjca, società di somministrazione lavoro che aveva assegnato le maestranze alla “Mrx”, altra azienda presente nel subappalto di Leonardo ma poi uscita di scena insieme ai lavoratori.

Quadro molto più complesso, i sindacati a questo punto vogliono vederci chiaro su come vengono assegnati gli appalti nell’ex Alenia, sulle modalità di reclutamento dei lavoratori e cose di questo genere. Perchè i sospetti aumentano di fronte alle «non risposte» al tavolo del prefetto. «Ci aspettavamo - sottolineano le segreterie sindacali in una nota - che Leonardo facesse chiarezza sulle dinamiche legate agli appalti, tema posto al tavolo, ma che non ha avuto nessuna risposta e che desta anzi motivo di preoccupazione sopratutto quando si parla di un’azienda che all’80,6% è detenuta da soggetti istituzionali». I sindacati si aspettavano anche una maggior disponibilità da parte delle altre aziende dell’indotto che spartiscono con Fata (azienda in house di Leonardo) la torta del subappalto. «Uno sforzo ulteriore da parte di “Leonardo”, “Fata” e “Renzullo” che, almeno finora, non c’è stato».

A margine del doppio incontro anche una punta di insoddisfazione tra i sindacati su come è stata gestita la vertenza al tavolo prefettizio, sul ruolo forse eccessivamente neutro e di terzietà svolto dall’organo di rappresentanza del governo pur a fronte della delicatezza dei temi toccati (trasparenza nelle assunzioni e negli incarichi alle imprese in un’azienda a partecipazione pubblica). «Ci chiediamo adesso cosa succederà a venticinque padri di famiglia», s’interrogano adesso le sigle che non nascondono nella nota trasmessa agli organi di stampa e nelle dichiarazioni informali raccolte dal cronista, un senso di disagio per non essere riusciti a scalfire la granitica volontà delle imprese coinvolte di decidere in proprio senza tener conto di dinamiche esterne. «Se non dovessero esserci soluzioni soddisfacenti chiederemo anche l’intervento del Governo», cercano di alzare il tono dello scontro i sindacati. Ricorrendo, se il caso lo richiederà, anche a forme di protesta più forti: «Se le condizioni non dovessero mutare siamo già pronti a forme di mobilitazione più incisive: quella in gioco è la dignità di un intero territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie