Lunedì 21 Giugno 2021 | 06:15

NEWS DALLA SEZIONE

l'incidente
Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
L'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
lieto fine
Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

 
Serie C
Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri tornano a sognare

Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri cominciano a sognare

 
L'incidente
Foggia, impatto tra due mezzi pesanti: traffico in tilt sulla SS16

Foggia, impatto tra due mezzi pesanti: traffico in tilt sulla SS16

 
La novità
San Severo , si parte con la sede di via Terranova per il commissariato di polizia

San Severo , si parte con la sede di via Terranova per il commissariato di polizia

 
lotta alla criminalità
Foggia, «Prevenzione sociale» il premio «Marcone» va ad Altieri

Foggia, «Prevenzione sociale» il premio «Marcone» va ad Altieri

 
sicurezza
Rapina in gioielleria a Foggia, un arresto cinque anni dopo

Rapina in gioielleria a Foggia, un arresto cinque anni dopo

 
il processo
Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili - Il 17enne confessa: «Non volevo ucciderlo»

 
La storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Homelutto
Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

Bari, scomparso l'imprenditore Onofrio Bonerba

 
Foggial'incidente
Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

 
Batla curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

L'inchiesta

«Gli altri comprano? E io rubo», la politica a scrocco di Iaccarino

Dopo gli arresti al Comune di Foggia e le perquisizioni: così parlava l'ex presidente del Consiglio Comunale «pistolero»

«Gli altri comprano? E io rubo», la politica a scrocco di Iaccarino

«Mo tengo la possibilità di rubarmi 600 euro dal Comune e mo mi devi rompere i c... C’è la gente che va a comprarli e io li vado a rubare». Una considerazione captata dagli investigatori che la dice lunga sull’idea di gestione della cosa pubblica che aveva Leonardo Iaccarino, l’ex presidente «pistolero» del Consiglio comunale di Foggia in carcere dal 30 aprile con le accuse di corruzione, tentata induzione indebita e peculato.

Iaccarino si è fatto conoscere con il video postato su Facebook in cui festeggiava Capodanno sparando dal balcone di casa con una pistola a salve. Ma, a quanto pare, era il minimo. Nell’ordinanza di custodia cautelare, il gip Antonio Sicuranza pone l’accento sulla «serialità» delle condotte penalmente rilevanti del vigile del fuoco 44enne, definendolo un vero e proprio «deus ex machina di quello che appare essere un sistema di metodico asservimento ai propri interessi personalistici».

«Basta che facciamo sempre cambio... Tu mi chiedi un favore e io te ne chiedo subito un altro»: un meccanismo ormai rodato, quello del do ut des, al quale Iaccarino avrebbe ispirato la sua «disinvolta» - per usare le parole del gip - condotta politica. A cominciare dalla mazzetta di 5mila euro ricevuta dall’imprenditore Francesco Landini ( anche lui indagato e sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria). Iaccarino e Giuseppe Melfi, ex impiegato addetto alla masseria agricola comunale Gentile, si sarebbero adoperati per agevolare la liquidazione di una fattura di 26mila euro in favore di un’azienda di fitofarmaci riconducibile ad una parente di Landini. Secondo la Procura, i due pubblici ufficiali (Melfi per questo avrebbe intascato 4mila euro) hanno influenzato gli uffici comunali per far sì che l’istanza di liquidazione fosse collegata ad una determinazione di spesa datata 6 giugno 2019, che invece autorizzava l’acquisto di fitofarmaci per un importo di 6.800 euro. «Se io sono un affarista nato, io vivo di affari», dice Iaccarino. Ma «l’affare» in cui è coinvolto anche il consigliere di maggioranza Antonio Capotosto - ai domiciliari - non va in porto. Oltre al danno la beffa, visto che costa a entrambi l’accusa di tentata induzione indebita (la vecchia concussione). Al centro c’è il debito fuori bilancio di circa 400mila euro in favore della cooperativa sanitaria «San Giovanni di Dio», somma che doveva essere erogata in seguito ad una deliberazione consiliare per la quale i due avrebbero chiesto 20mila euro. «Qua la zuppa la prendiamo», dice emblematicamente il consigliere di maggioranza al suo presidente.

C’è poi un capitolo dell’ordinanza intitolato «i delitti seriali di peculato». Denaro pubblico che Iaccarino avrebbe utilizzato per scopi privati. Come gli 850 euro di decori natalizi destinati alla moglie e alla sorella, i 525 euro spesi da Euronics (due cartucce per stampanti, due mouse, casse acustiche, una stampante), i prodotti di cancelleria dal negozio Buffetti destinati ad una amica (pure lei indagata). A questi si aggiungono anche articoli a bassissimo costo: una tracolla porta computer, oppure due confezioni di carte da gioco. Nell’elenco anche testi scolastici per i figli, sette libri della saga di Harry Potter, due termoscanner e altrettante confezioni di gel igienizzante dalla farmacia fornitrice del Municipio.

L’inchiesta della Procura dauna potrebbe avere riflessi a tutti i livelli della politica. Iaccarino è cugino di Rosario Cusmai, coordinatore regionale di Italia in Comune e candidato alle Regionali di settembre. E proprio del suo parente parla Iaccarino con Melfi e Landini, annunciando che a breve Cusmai sarebbe diventato assessore regionale all’agricoltura: «Oh, mo te lo dico, inizia a accocchiare, che mo che fa l’assessore quello devi essere pronto. Faremo grandi cose, ma grandi... Se io ti dico una cosa che quello andrà a fare l’assessore all’agricoltura». Ma Cusmai non è stato eletto, e per il «cugino di...» il premio di consolazione è stata la nomina nello staff di Michele Emiliano per occuparsi di Enti locali a 30mila euro l’anno.

Un altro aspetto distintivo della personalità di Iacccarino - secondo il gip - è costituito dall’«essere particolarmente ritorsivo con chiunque abbia l’ardire di porsi sulla strada dei suoi interessi di natura economica». Emblematica l’intercettazione con alcuni colleghi Vigili del fuoco cui racconta di un accordo non andato in porto: «Ho parlato con lui e ho detto: mi fai mettere a me le macchinette, il distributore del caffè, l’acqua, quello, quell’altro..sì sì preventivo... Abbasso un po’ i prezzi..perchè io guadagno su quelle cose... Tu poi ci dai una mano per la caserma... Sì ho detto io... basta che facciamo sempre cambio. Vado a vedere e hanno messo le macchinette di un altro... “Possiamo mettere il semaforo?”, devi morire... Proprio così... “Puoi far mettere un po’ di asfalto?”, devi crepare».

IMPRENDITORE LANDINI NON RISPONDE AL GIP - Si è avvalso della facoltà di non rispondere Francesco Landini, l’imprenditore foggiano raggiunto il 30 aprile scorso dalla misura cautelare dell’obbligo di firma, nell’ambito dell’operazione che ha portato agli arresti di due consiglieri comunali della maggioranza, Leonardo Iaccarino e Antonio Capotosto (entrambi sospesi con un provvedimento del prefetto). Indagato, a piede libero, anche un ex dipendente comunale. Per tutti le accuse sono, a vario titolo, di corruzione, tentata induzione indebita e peculato.
«Siamo fiduciosi che Landini chiarirà la sua posizione - ha dichiarato il suo legale, Gianluca Ursitti - ma soprattutto siamo fiduciosi nel lavoro della magistratura». L’avvocato annuncia che farà ricorso al tribunale del Riesame. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie