Giovedì 28 Gennaio 2021 | 07:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
Maltempo
Neve imbianca il Gargano e i Monti Dauni, scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

Neve imbianca il Gargano, i Monti Dauni e la Murgia: scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

 
Il caso
Foggia, picchiano proprietario di casa: arrestati 2 stranieri

Foggia, picchiano proprietario di casa: arrestati 2 stranieri

 
Il caso
Foggia, voci di vendita per la Fiat Powertrain: un affare pieno di incognite

Foggia, voci di vendita per la Fiat Powertrain: un affare pieno di incognite

 
tragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: fermato un 46enne: «Avete sbagliato persona» FT

 
Controlli dei CC
Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

 
intimidazione
Orta Nova, ordigno esplode davanti a «Pausa caffè»: danni alla saracinesca del bar

Orta Nova, ordigno esplode davanti a «Pausa caffè»: danni alla saracinesca del bar

 
Il ritrovamento
Trova portafogli pieno di denaro a Foggia e lo porta in Questura

Trova portafogli pieno di denaro a Foggia e lo porta in Questura

 
Il furto
Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

 
la polemica
Cerignola, «Ho donato il sangue, ma mi è stata negata una seconda bottiglia d’acqua»

Cerignola, «Ho donato il sangue, ma mi è stata negata una seconda bottiglia d’acqua»

 
La decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Il processo

Strage di San Marco in Lamis: Pm chiede ergastolo per basista

Il 9 agosto 2017 vennero uccise 4 persone

Mafia del Gargano, arrestatidue personaggi di spicco

FOGGIA - La condanna all’ergastolo è stata chiesta dal pubblico ministero della Dda di Bari Luciana Silvestri nel processo a carico di Giovanni Caterino, 40 anni, unico imputato della strage di mafia di San Marco in Lamis, quella in cui vennero uccisi il 9 agosto 2017 il boss di Manfredonia Mario Luciano Romito, il cognato Matteo de Palma e i fratelli Aurelio e Luigi Luciani uccisi perché testimoni involontari dell’agguato.

Caterino è ritenuto il basista del commando armato ovvero, colui che ha pedinato sia nei giorni precedenti sia nel giorno dell’agguato Mario Luciano Romito, 52 anni, esponete di spicco dell’omonima famiglia scarcerato sei giorni prima della sua uccisione e ritenuto il reale obiettivo dei killer.

IL COMMENTO DELLA VEDOVA - «Mi aspettavo la richiesta di ergastolo, ed oggi devo anche evidenziare che aver ascoltato il pm che ha ripercorso tutto quello che tendenzialmente è successo il 9 agosto 2017, mi ha convinta ancor di più che quell'uomo che oggi è imputato, il presunto basista, era lì presente».

Lo ha detto Arcangela Petrucci, vedova di Luigi Luciani, l’agricoltore assassinato insieme al fratello Aurelio il 9 agosto 2017 nella strage di San Marco in Lamis perché involontario testimone di un agguato mafioso, commentando la richiesta di condanna del pm nei confronti di Giovanni Caterino, presunto basista del commando che agì.
«Ho chiesto di poter vedere questa persona, il presunto basista - ha aggiunto - di guardarlo in faccia, negli occhi e raccontargli semplicemente chi era mio marito, come vivevamo prima della tragedia; di parlargli di mio figlio. Probabilmente mi avrebbe fatto una risata in faccia. Gli avrei parlato di gente onesta». 

«PROCESSO INDIZIARIO» - «Questo è un processo indiziario, cioè non c'è una prova rappresentativa diretta come l’arma del delitto, la pistola fumante. In questo processo si parla di spunti investigativi, da qui se io non traggo la prova, la prova stessa resta uno spunto. Pur di trovare un soggetto autore di questo fatto che ha molto scosso l’opinione pubblica, sono partiti da spunti investigativi, che significa che io sospetto che lui sia il colpevole però poi non lo dimostro». Lo ha sostenuto il professor Pietro Nocita, legale difensore di Giovanni Caterino, l’unico imputato per la strage di mafia di San Marco in Lamis, del 9 agosto 2017. Caterino, per il quale oggi è stato chiesto l’ergastolo, è accusato di essere il basista del commando armato che agì.

«Il giorno della strage - precisa il legale - non è dimostrato che l’imputato fosse nella macchina che seguiva il boss Mario Luciano Romito, perché non vi è nessuna prova della sua presenza». Il legale ha citato «una telefonata che è venuta fuori nel dibattimento, che dimostra che lui si trovasse al momento del delitto in un posto lontanissimo dal luogo dell’agguato. È una telefonata attiva che lui ha fatto e si trovava come cella a Manfredonia. Abbiamo accertato, attraverso l'analisi dei tabulati, che c'è stata questa telefonata proprio nell’ora del delitto».

Secondo Nocita, inoltre, il «movente è ipotizzato ma non dimostrato. Lui è stato ritenuto appartenente ad una organizzazione criminale e quindi anche sul movente stiamo parlando di una persona incensurata e quindi non indagata per reato associativo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie