Giovedì 24 Settembre 2020 | 17:35

NEWS DALLA SEZIONE

Ordinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 
L'incidente
Vico del Gargano, schianto frontale tra moto e auto: muore sul colpo 31enne

Vico del Gargano, schianto frontale tra moto e auto: muore sul colpo 31enne

 
L'allarme da una onlus
Foggia, la conferma: le rarissime cicogne nere uccise da cacciatori

Foggia, la conferma: le rarissime cicogne nere uccise da cacciatori

 
Le indagini
Orta Nova, morto in campagna: forse ucciso da una caduta

Orta Nova, morto in campagna: forse ucciso da una caduta

 
Alle 2.30
Lucera, banditi fanno saltare il bancomat ma restano a bocca asciutta

Lucera, banditi fanno saltare il bancomat ma restano a bocca asciutta

 
emergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
tragedia sfiorata
Foggia, auto esce di strada per evitare bici e si ribalta: ferite due ragazze

Foggia, auto esce di strada per evitare bici e si ribalta: ferite due ragazze

 
Quartiere Ferrovia
Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

Foggia, aggrediti e circondati da extracomunitari agenti Polizia locale

 
Lite condominiale
Cerignola, «basta con i rumori» e accoltella il vicino di casa: arrestato 69enne

Cerignola, «basta con i rumori» e accoltella il vicino di casa: arrestato 69enne

 
Scuola
San Severo, ordinanza del sindaco: le scuole riaprono il 28 settembre

San Severo, ordinanza del sindaco: le scuole riaprono il 28 settembre

 
Covid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
BariOperazione Polstrada
Acquaviva, scoperta officina abusiva: sequestrata anche area usata come discarica

Acquaviva, scoperta officina abusiva: sequestrata anche area usata come discarica

 
FoggiaOrdinanza
Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

Covid Foggia, obbligo mascherina e chiusi domenica i centri commerciali

 
LecceL'omicidio dell'arbitro
Fidanzati uccisi a Lecce, in forse i funerali in piazza a Seclì

Fidanzati uccisi a Lecce, in forse i funerali in piazza a Seclì

 
NewsweekL'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 

i più letti

Sanità

Foggia, la Asl porta l'ospedale a domicilio per chi non può muoversi

Piazzolla: «Pure la dialisi a casa». Interessa il 4% degli Over 65

dialisi

Foggia - Viene annunciata come un’operazione «rivoluzionaria», la nuova assistenza domiciliare sanitaria che partirà tra pochi giorni in Capitanata. La platea degli assistiti viene infatti triplicata rispetto al passato (coinvolto il 4% della popolazione ultra 65enne, oltre alle persone non autosufficienti e con gravi patologie). Innalzato anche l’indice di intensità delle cure, dal secondo al terzo livello con attività diagnostica portata direttamente presso l’abitazione dei pazienti. Quaranta gli per il momento gli assistiti diretti rientranti nel nuovo regime già dal mese in corso, sarà un inizio a carattere sperimentale prima del varo definitivo previsto a settembre.

L’Adi riveduta, corretta e amplificata significa soprattutto un monitoraggio dei pazienti a distanza più capillare (gli operatori sono stati forniti di tablet), assistenza a domicilio con la telemedicina, la teleassistenza, oltre che con le cure portate in carne e ossa dagli operatori sanitari come avviene adesso.

«Sperimenteremo il massimo della domiciliazione nelle terapie», annuncia il direttore generale dell’Asl, Vito Piazzolla. La provincia di Foggia è un territorio pilota naturale, considerato l’alto numero di potenziali pazienti vista l’incidenza di anziani: oltre il 60% di questa tipologia residente nei trentuno comuni dei Monti dauni, luoghi a forte tasso di spopolamento. Un test dunque anche sociale oltre che ovviamente sanitario che sposta il livello dell’assistenza più in avanti, lo porta dritto nelle abitazioni dei cittadini e chiama in causa le famiglie chiedono il coinvolgimento diretto nell’assistenza dei conviventi della persona da assistere. Il servizio si rivolge oltre che ad anziani non autosufficienti (ottantenni e oltre il target di riferimento) a pazienti con patologie particolari come Sla, Alzheimer, naturalmente i malanni legati all’avanzamento dell’età che costituiscono molto spesso per queste persone un serio impedimento per raggiungere il più vicino distretto sanitario. Ecco dunque il livello di assistenza destinato nelle intenzioni a cambiar pelle: non più la domiciliazione semplice, con gli infermieri e i medici a domicilio per le cure ordinarie, ma anche esami specialistici d’ora in poi sempre più complessi.

«Porteremo a casa dei pazienti anche la dialisi domiciliare - anticipa Piazzolla alla Gazzetta - per il momento abbiamo messo in piedi un progetto della durata di sei mesi. Naturalmente non pensiamo di smontare il servizio nei nostri tre ospedali di riferimento ( San Severo, Cerignola e Manfredonia: ndr), sul piano organizzativo e gestionale non cambia nulla. Attiveremo anzi il servizio nefrologico e dialitico anche al San Camillo di Manfredonia. Ma soprattutto nei piccoli comuni riscontriamo l’esistenza di una consistente fetta di popolazione con difficoltà di spostamento, ecco dunque l’esigenza di portare a domicilio anche prestazioni impensabili fino a qualche tempo fa».

La nuova Adi punta ovviamente sulla forte digitalizzazione dell’assistenza, sui protocolli operativi sempre più staccati dalla struttura madre (il presidio sanitario), ma tenuti sotto osservazione a distanza. I tempi del vecchio medico di famiglia che veniva a casa a controllare la pressione, ed a fare anche una chiacchierata davanti a un buon caffè sembrano irrimediabilmente più lontani. Ma forse si potrà sperimentare un nuovo livello di socialità con il personale sanitario, esistono già esempi in tal senso. La sanità pubblica ha investito su questo piano circa 60 milioni di euro in tre anni (rinnovabili). «Ci giochiamo una buona fetta di credibilità del nostro livello di assistenza - sottolinea il «dg» dell’Asl foggiana - all’Adi i Lea (livelli minimi di assistenza: ndr) assegnano ben sedici punti. È tantissimo nella determinazione del punteggio complessivo. Un punto d’arrivo importante, ma per noi è anche uno step fondamentale per andare avanti e fare altro. E dare peso al ruolo di un’azienda essenzialmente territoriale oltre che ospedaliera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie