Lunedì 01 Giugno 2020 | 07:39

NEWS DALLA SEZIONE

operazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
tragedia sfiorata
Foggia, fiamme a Borgo Mezzanone: 6 baracche distrutte nessun ferito

Foggia, fiamme a Borgo Mezzanone: 6 baracche distrutte nessun ferito VIDEO

 
La lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
Storia a lieto fine
Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

 
tragedia sfiorata
Foggia, auto fuori strada: giovane donna ricoverata in codice rosso

Foggia, auto fuori strada: giovane donna ricoverata in codice rosso

 
controlli della polfer
Foggia, piantagione di marijuana scoperta accanto ai binari del treno

Foggia, piantagione di marijuana scoperta accanto ai binari del treno

 
traffico aereo
Foggia, al Gino Lisa lavori fermi da marzo per il Covid: non riprenderanno presto

Foggia, al Gino Lisa lavori fermi da marzo per il Covid: non riprenderanno presto

 
il colpo
Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

 
L'incidente
Foggia, ruba uno scooter e durante la fuga investe comandante dei cc: arrestato 19enne

Foggia, ruba scooter e nella fuga investe comandante dei cc: arrestato 19enne

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

nel foggiano

San Severo, in 300 a festa per santa patrona con mortaretti. Sindaco: «Approfondire»
E riceve minacce su Fb

Assembramento per celebrare la Madonna del Soccorso nel quartiere popolare Luisa Fantasia

San Severo, in 300 a festeggiamento per santa patrona non autorizzato, con mortaretti. Sindaco: «Approfondire»

Circa 300 persone hanno partecipato, senza mascherina, ai festeggiamenti non autorizzati per la Madonna del Soccorso, patrona di San Severo, avvenuti ieri sera nel quartiere popolare Luisa Fantasia nonostante fossero sospesi per le norme contro il contagio da Covid19. Molti i video ripresi dai cellulari dei partecipanti e postati sui social media, che mostrano l’accensione di una "batteria» di fuochi d’artificio, file di mortaretti molto potenti e pericolosi che la gente rincorre, come vuole la tradizione, man mano che esplodono.
Su Facebook è apparsa anche la dedica di un video in omaggio a un boss di San Severo, detto «Coccione», ucciso due anni fa nella bottega di un barbiere. Si vede anche una volante della polizia, ma nelle immagini diffuse non appare alcun intervento di ordine pubblico.
Il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, ha informato il prefetto Raffaele Grassi e domani, afferma il primo cittadino, questi episodi finiranno sul tavolo del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

«Mi chiedo - argomenta il sindaco Miglio - chi possa aver fornito tutto quel materiale pirico per realizzare una batteria così potente che, tra le altre cose non si monta in un minuto. E quindi mi domando - aggiunge - perché nessuno è intervenuto». Gli investigatori hanno avviato l’esame delle immagini, anche quelle delle telecamere a circuito chiuso della zona.

«Stigmatizzo il comportamento della comunità di San Severo, episodi di questo tipo sono intollerabili e ingiustificabili». Lo ha detto il prefetto di Foggia Raffaele Grassi, parlando dei festeggiamenti non autorizzati in onore della Madonna del Soccorso a San Severo, nel Foggiano.
«Già nella giornata di oggi - sottolinea il prefetto Grassi - l'episodio sarà analizzato nel corso di un Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, al quale prenderanno parte i vertici delle forze di polizia. Ci preme capire la dinamica delle cose e individuare eventuali responsabili. Ribadiamo che non avevano alcuna autorizzazione né per lo svolgimento dei festeggiamenti, né per l’esplosione dei fuochi pirici. Occorre - conclude Grassi - richiamare il senso di responsabilità da parte di tutti».

LE MINACCE AL SINDACO -  «Miglio parlo con te», «ti metto le mani addosso» e «ti sbatto la testa contro il muro». «Tu a mio padre devi lasciarlo perdere. Tu e la legge, lasciatelo perdere», «ma veramente dobbiamo fare i cattivi?».

Sono alcune delle parole che vengono rivolte su Facebook al sindaco di San Severo, Francesco Miglio, da Antonio Russi, figlio del presunto boss Michele Russi, detto Coccione, ucciso nel 2018. Russi prende di mira il sindaco dopo che quest’ultimo ha criticato i festeggiamenti non autorizzati in onore della Madonna del Soccorso avvenuti ieri sera con la partecipazione di 300 persone. Festeggiamenti che un altro parente di Russi ha dedicato su Facebook al presunto boss.

L'INTERVENTO DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA - «La devozione e le tradizioni vanno tenute ben distinte da iniziative che nulla hanno a che fare con la fede e appaiono piuttosto sfrontate sfide lanciate allo Stato in spregio della legalità da un manipolo di delinquenti». Lo affermano la deputata del M5S Carla Giuliano; e la presidente della Commissione Antimafia della Regione Puglia, la consigliera pentastellata Rosa Barone, in relazione ai festeggiamenti non autorizzati per la festa patronale di San Severo (Foggia) che qualcuno sul web ha dedicato a un presunto boss il cui figlio ha minacciato il sindaco di San Severo, Francesco Miglio.

«Chi pensa di poter condizionare le Istituzioni con pubblici avvisi e minacce - sottolineano Giuliano e Barone - non ha compreso che lo Stato è presente sul nostro territorio e proseguirà senza indugio la propria attività di controllo e repressione di ogni fenomeno delinquenziale. Pertanto esterniamo la nostra più ampia solidarietà e disponibilità personale ed istituzionale al sindaco di San Severo, il quale non sarà lasciato solo a fronteggiare tali soggetti».
«La lotta alla mafia ed ai fenomeni malavitosi - concludono - in generale non deve avere colori politici ma unirci tutti in un unico fronte comune e granitico». 

INTENSIFICATE LE MISURE DI SICUREZZA -  Intensificata la misura di tutela (più controlli negli spostamenti) nei confronti del sindaco di San Severo (Foggia) Francesco Miglio che ieri è stato vittima di pesanti minacce via web da parte di Antonio Russi, figlio di Michele Russi il pregiudicato ucciso due anni fa in un barbiere e da parte della cognata di quest’ultimo. È quanto deciso dal prefetto di Foggia, Raffaele Grassi, dopo l'episodio relativo all’accensione della batteria pirotecnica lunedì sera nel quartiere popolare Luisa Fantasia, in onore dei festeggiamenti della Madonna del Soccorso, creando pericolosi assembramenti. Fuochi pirici che sono stati dedicati da un parente su Facebook proprio al boss Michele Russi, detto Coccione. Intanto il Prefetto fa sapere che proseguono le indagini da parte delle Forze di Polizia volte ad individuare i responsabili dei atteggiamenti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie