Martedì 02 Giugno 2020 | 12:35

NEWS DALLA SEZIONE

Agricoltura
Foggia, pomodoro volano i prezzi per siccità ed effetto-Covid

Foggia, volano i prezzi del pomodoro per siccità ed effetto-Covid

 
La tragedia
Cerignola, trattore si ribalta sulla Sp 75: un morto e un ferito

Cerignola, trattore si ribalta sulla Sp 75: un morto e un ferito

 
La denuncia
Foggia, sassaiola contro poliziotto in servizio anti-assembramento

Foggia, sassaiola contro poliziotti in servizio anti-assembramento

 
nel foggiano
San Giovanni Rotondo, in giro con 70mila euro di cocaina purissima: arrestato

San Giovanni Rotondo, in giro con 70mila euro di cocaina purissima: arrestato

 
la colluttazione
Foggia, litiga con la fidanzata e i fratelli di lei lo accoltellano: denunciati

Foggia, litiga con la fidanzata e i fratelli di lei lo accoltellano: denunciati

 
operazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
tragedia sfiorata
Foggia, fiamme a Borgo Mezzanone: 6 baracche distrutte nessun ferito

Foggia, fiamme a Borgo Mezzanone: 6 baracche distrutte nessun ferito VIDEO

 
La lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
Storia a lieto fine
Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

 
tragedia sfiorata
Foggia, auto fuori strada: giovane donna ricoverata in codice rosso

Foggia, auto fuori strada: giovane donna ricoverata in codice rosso

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoatti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
BariI controlli
Bari, positivo al Covid va a lavoro in ristorante: denunciato 21enne

Bari, positivo al Covid va a lavoro in ristorante: denunciato 21enne

 
FoggiaAgricoltura
Foggia, pomodoro volano i prezzi per siccità ed effetto-Covid

Foggia, volano i prezzi del pomodoro per siccità ed effetto-Covid

 
BatIl caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
Brindisil'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
PotenzaDal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 
LecceL'iniziativa
Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

 
Materanel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 

i più letti

raid

Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

Nel mirino la struttura Il Sorriso, dei fratelli Vigilante, testimoni dell’accusa in un processo della Dda di Bari contro presunti appartenenti ad un clan

Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

foto Maizzi

Una bomba è stata fatta esplodere poco fa davanti alla Rsa per anziani, attualmente chiusa, 'Il Sorriso', in via Vincenzo Acquaviva, a Foggia. Si tratta della stessa struttura che ha già subito un attentato dinamitardo nel gennaio scorso. La residenza è gestita dai fratelli Luca e Cristian Vigilante, testimoni dell’accusa in un processo della Dda di Bari contro presunti appartenenti ad un clan dedito alle estorsioni. La deflagrazione ha divelto la saracinesca e sventrato l’insegna luminosa del locale.

LE URLA DAI BALCONI: LA MAFIA NON DEVE VINCERE - «Vigilante chiudila questa struttura, basta non ce la facciamo più», urla dal balcone della propria abitazione uno dei residenti in via Vincenzo Acquaviva, a Foggia, dove poco fa è stata piazzata e fatta esplodere una bomba davanti alla Rsa per anziani 'Il Sorrisò di Foggia. Gli fa eco un altro residente che urla: «Ma perché devono vincere sempre loro (i mafiosi, ndr), è bello vivere così?». Sul posto è appena giunto Luca Vigilante, amministratore della Residenza sanitaria assistita, che era chiusa.

IL COMMENTO DELL'AMMINISTRATORE: CHIUDERE SAREBBE FALLIMENTO - «Non è giusto per questa città e per tutti i cittadini, non riesco a trovare le parole. Non esiste proprio l’ipotesi di chiudere. Stiamo parlando di una struttura che gestisce le fragilità di esseri umani. Se chiudessimo in queste circostanze, avremmo fallito tutti. Abbiamo perso il significato del termine paura, si va avanti». È il commento a caldo di Luca Vigilante presidente del gruppo "Sanità Più» che gestisce il centro diurno per anziani «Il Sorriso di Stefano» dove sconosciuti poco fa hanno piazzato e fatto esplodere una bomba. È la seconda intimidazione che la struttura per anziani subisce, la prima lo scorso 16 gennaio.

Luca Vigilante ed il suocero Paolo Telesforo sono parti offese nel processo denominato «Decima Azione» quello contro la mafia del pizzo a Foggia. Suo fratello, Cristian Vigilante è testimone di un tentativo di estorsione da parte di due affiliati al clan Moretti. «Queste situazioni - ha detto infine - portano ad un disagio anche a livello sociale. Mi metto anche nei panni di chi abita in questa zona. Perché questa gente deve vivere con la paura di qualcosa che oramai non sappiamo più decifrare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie