Lunedì 27 Gennaio 2020 | 13:14

NEWS DALLA SEZIONE

Per atti osceni
San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

 
L'operazione dei cc
Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

 
A Pietramontecorvino
Foggia, uomo picchia a sangue anziano padre, la mamma avverte i cc: «Aiutateci»

Foggia, picchiava a sangue i genitori anziani e la moglie: arrestato 47enne

 
L'incidente
Spari a Zapponeta, un uomo ferito a un piede da un proiettile

Spari a Zapponeta, un uomo ferito a un piede da un proiettile

 
La novità
Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

 
La tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
Attentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 25 mezzi azienda raccolta

 
Il furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
Nel Foggiano
Tentano di dare fuoco all'auto del padre del sindaco di Carapelle: «Siamo attoniti»

Tentano di dare fuoco all'auto del padre del sindaco di Carapelle: «Siamo attoniti»

 
Violenza in famiglia
Foggia, rinchiude per due giorni la moglie in casa: arrestato

Foggia, rinchiude per due giorni la moglie in casa: arrestato

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

 
BariIl caso
Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

Bitonto, cerca di vendere droga a un minorenne: arrestato 50enne

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

Il caso

Strage di San Marco in Lamis: «Anche cognato boss sia vittima innocente»

Lo chiedono i familiari di De Palma ucciso con il boss e 2 testimoni. Si torna in aula il 3 febbraio

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

FOGGIA - «La famiglia chiede solo che Matteo venga riconosciuto come vittima innocente della strage di San Marco in Lamis». Lo afferma l’avvocato Angelo Salvemini, legale della famiglia di Matteo De Palma, cognato del capoclan Mario Luciano Romito, uccisi entrambi il 9 agosto 2017 da sicari, che poi ammazzarono anche i due fratelli Luciani, Aurelio e Luigi, ritenendoli testimoni scomodi dell’agguato. L'avvocato è intervenuto in una nuova udienza del processo in Corte d’Assise a Foggia a carico di Giovanni Caterino, presunto basista del commando armato che quella mattina fece fuoco uccidendo i quattro uomini.

«Così come lo sono i due fratelli Luciani, noi chiediamo - ha detto il legale - che anche Matteo venga riconosciuto come vittima innocente. Era un operaio, privo di censure. Aveva preso qualche giorno di ferie per il suo 44/o compleanno e la sua unica colpa è stata accompagnare in auto il cognato a cui avevano revocato la patente in quanto sorvegliato speciale. Ha scontato una serie di conseguenze solo per la parentela con Romito».

Nell’udienza sono stati ascoltati periti e carabinieri che hanno compiuto le indagini e trascritto le intercettazioni.
Si torna in aula il 3 febbraio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie