Giovedì 14 Novembre 2019 | 11:44

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 
In ospedale
Shock a Manfredonia, arrestato medico: accusato di violenza sessuale su 5 pazienti

Manfredonia, violenza sessuale su 5 pazienti: arrestato dirigente di radiologia

 
In località Posta Aucello
Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

Cerignola, dopo lite uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si ammazza Foto

 
In campagna
Foggia, Polizia recupera rimorchio carico di sanitari rubati

Foggia, Polizia recupera rimorchio carico di sanitari rubati

 
nel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
nel Foggiano
Cerignola, vuole sfuggire all'alt perché ha l'hashish, investe poliziotto e scappa: preso

Cerignola, vuole sfuggire all'alt perché ha l'hashish, investe poliziotto e scappa: preso

 
nel Foggiano
S.Severo, spaventa i passanti brandendo un bastone e tenta di colpire agenti: arrestato nigeriano

S.Severo, minaccia passanti con bastone e tenta di colpire agenti: arrestato nigeriano

 
Omicidio
Faida garganico, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

Mafia garganica, boss Ricucci ucciso a fucilate sotto a casa a Monte S. Angelo

 
nel Foggiano
S.Severo, rubano 3 quintali di olive, ma un cittadino li vede e chiama i cc: furto sventato

S.Severo, rubano 3 quintali di olive, ma un cittadino li vede e chiama i cc: furto sventato

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
TarantoLa decisione
Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

 
LecceL'evento
Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

 
BrindisiOmicidio colposo
Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

 
BatFatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 
MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 

i più letti

L'emergenza

Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

Commissariati i Comuni del bacino Fg-4: la società che gestisce gli impianti è a un passo dal fallimento

Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

La scorsa settimana è arrivato il commissariamento del Comune per mafia. Ma già 20 giorni prima, a fine settembre, anche la Regione aveva commissariato il sindaco di Cerignola, Franco Metta, per il caos rifiuti che rischia di mettere in ginocchio un pezzo della provincia: il consorzio Foggia/4, ormai sull’orlo del fallimento, non è in grado di riattivare né gli impianti né la discarica, con il risultato che i rifiuti devono essere mandati in giro per la Puglia. A costi astronomici.

Sarà dunque il direttore generale dell’Ager, Gianfranco Grandaliano, a dover trovare un nuovo gestore per gli impianti di bacino. Con Sia, a dicembre 2017, è avvenuto il battesimo nel mondo dei rifiuti di Aseco, la controllata di Acquedotto Pugliese che ha completato i lavori di messa a norma della linea di Tmb (il biostabilizzatore). E proprio Aseco, o in alternativa Amiu Puglia (la società del Comune di Bari che è poi intervenuta anche a Foggia) potrebbe subentrare al consorzio sull’orlo del baratro.

Negli scorsi giorni il Tribunale fallimentare di Foggia ha respinto, dichiarandola inammissibile, la (seconda) proposta di concordato preventivo della Sia, gravata da 31 milioni di debiti, che avrebbe voluto pagare la maggior parte dei creditori privilegiati vendendo (per 7,9 milioni) gli impianti che sono di proprietà pubblica. A questo punto Sia è, letteralmente, ad un passo dal «crac», con i suoi 300 dipendenti che si occupano della raccolta e che oggi possono andare avanti solo grazie alla protezione dai creditori garantita dalla procedura di concordato. Ma il fallimento resta dietro l’angolo.

Anche per questo, dopo una ennesima diffida che è rimasta lettera morta, Grandaliano dovrà procedere alla risoluzione del contratto per la gestione degli impianti tra il consorzio dei Comuni e la Sia (che è degli stessi Comuni), «in ragione - è scritto nella delibera di giunta - del grave inadempimento degli obblighi di legge e delle prescrizioni recate nel titolo autorizzativo e della incapacità tecnica-economica del concessionario a provvedervi». E, soprattutto, dovrà avviare i lavori per il completamento degli impianti e l’apertura del nuovo lotto di discarica, con l’obiettivo di «individuare celermente» il nuovo gestore: per la progettazione e l’effettuazione dei lavori, il provvedimento di giunta prevede esplicitamente il ricorso a una gara pubblica.

La revoca del contratto verrà notificata nei prossimi giorni, insieme alla richiesta della nuova autorizzazione ambientale a nome dell’Ager. L’input della Regione è di individuare, presumibilmente, un gestore pubblico, ma sul punto non c’è finora alcuna decisione. Oggi i rifiuti raccolti nel bacino vengono trattati quasi interamente negli impianti di biostabilizzazione di Foggia, per poi essere conferiti nelle discariche private del Tarantino a costi di mercato, cui si sommano le spese di trasporto: significa scaricare sui Comuni, e a cascata sui cittadini, spese enormi che sarà poi difficile coprire senza altrettanto enormi aumenti dei tributi locali. L’ampliamento della discarica, con un sesto lotto previsto da almeno due anni e sempre avversato dal Comune di Cerignola, potrebbe consentire di risolvere buona parte del problema, ma anche in questo caso i tempi non saranno brevi. A luglio 2018, peraltro, la giunta regionale aveva stanziato un milione per mettere in sicurezza il quinto lotto della discarica di Cerignola: anche questi soldi dovranno poi essere rimborsati dai Comuni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie