Martedì 26 Maggio 2020 | 21:41

NEWS DALLA SEZIONE

fase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Lo studio
S. Giovanni Rotondo, sclerosi multipla: una speranza dal trapianto di cellule staminali

S. Giovanni Rotondo: una speranza per la sclerosi multipla dal trapianto di cellule staminali

 
nel foggiano
S.Severo, blitz cc dopo festa con fuochi d'artificio non autorizzata: trovati giubbotti antiproiettile

S.Severo, blitz cc dopo festa con fuochi d'artificio non autorizzata: trovati giubbotti antiproiettile

 
dai cc
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Prestano 15mila euro a imprenditrice,ne vogliono indietro 35mila: 4 foggiani arrestati

 
A Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
I risultati
Covid 19 a Foggia, pazienti dializzati e positivi ricoverati al Policlinico: dimessi con mortalità azzerata

Covid 19 a Foggia, pazienti dializzati e positivi ricoverati al Policlinico: dimessi con mortalità azzerata

 
nel foggiano
Lucera, minaccia di pubblicare foto osé della ex sul web: stalker arrestato

Lucera, minaccia di pubblicare foto osé della ex sul web: stalker arrestato

 
Aeronautica
Frecce tricolori, nuovo aereo testato da ingegnere foggiano

Frecce tricolori, il nuovo aereo testato da ingegnere foggiano

 
sequestrati 1000 pezzi
Foggia, vende mascherine per bambini di supereroi e personaggi Disney, ma sono tarocche: denunciato

Foggia, vende mascherine per bambini di supereroi e personaggi Disney, ma sono tarocche: denunciato

 
Il caso
Coronavirus Puglia, intera famiglia positiva nel Foggiano

Coronavirus Puglia, intera famiglia positiva nel Foggiano

 
L'incidente
Tremiti, nave Tirrenia si incaglia sugli scogli durante l'ormeggio: nessun ferito

Tremiti, nave Tirrenia si incaglia sugli scogli durante l'ormeggio: nessun ferito

 

Il Biancorosso

Calcio
L’ultima incornata dello Zar Maiellaro. «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

L’ultima incornata dello Zar Maiellaro: «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barimobilità sostenibile
Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

 
TarantoLa tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
LecceLa decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
Foggiafase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Materadalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 
Potenzanel Potentino
Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

 
Batil grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
BrindisiAmbiente
Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

 

i più letti

L'analisi

Orta Nova: «Se la famiglia di oggi fa più morti della mafia»

Dopo il caso del poliziotto penitenziario che si è sparato dopo aver ammazzato la moglie e le figlie di 12 e 18 anni

Orta Nova: «Se la famiglia di oggi fa più morti della mafia»

La famiglia «malata» uccide più della mafia. Non è una novità purtroppo, ma una amara constatazione che continua a lasciare sconcertati. La tragedia avvenuta a Orta Nova, nel Foggiano, dove un agente penitenziario ha ucciso la moglie e due figlie (18 e 12 anni) togliendosi poi la vita, è solo l’ultimo di una inesauribile serie di casi.

Nei primi 12 giorni del mese ci sono state cinque tragedie che vedono come vittime mogli o compagne, più una sesta nella quale il femminicidio, per fortuna, è stato solo tentato. In media, ogni due giorni una donna viene ammazzata dal compagno di vita, e non di rado, anche i figli della coppia finiscono nel mirino del genitore killer. A Orta Nova un terzo figlio è scampato alla furia del padre perché lavora lontano da casa.
Siamo di fronte a un autentico bollettino di guerra che non conosce soste, nonostante le iniziative, anche parlamentari, rivolte a definire nuove figure di reato, aggravanti e, all’avvio di campagne di sensibilizzazione per squarciare il muro di silenzio dietro il quale maturano e poi esplodono le tragedie.

Nella fattispecie, il caso di Orta Nova fa scattare l’allarme sulle problematiche psicologiche e relazionali che taluni lavori possono far scaturire o aggravare. Da parte di psicologi e sindacati degli agenti di custodia si fa presente come sia necessario vigilare di più sulle condizioni di salute mentale nei luoghi di lavoro, soprattutto quelli che comportano situazioni di stress dovute a interazioni sociali particolarmente complesse e pericolose. Come pure viene lanciato l’allarme sulle gravose condizioni di lavoro degli agenti penitenziari dovute, oltre che alla natura particolare dell’impiego , soprattutto al sovraffollamento carcerario, con le inevitabili conseguenze di possibili disagi. Proprio l’altro ieri un agente di custodia si è ucciso a Piacenza. Nei giorni scorsi, il Sappe, uno dei sindacati degli agenti di custodia, aveva evidenziato la carenza di personale nel carcere del capoluogo dauno.
Non si sa ancora, cosa possa aver scatenato la furia omicida e suicida dell’agente di Orta Nova, però va sottolineato come queste tragedie non conoscano confini. Riguardano ogni ambito sociale e lavorativo e colpiscono indifferentemente da Nord a Sud. Quindi sarebbe errato circoscrivere al lavoro dell’agente la fonte della tragedia, per quanto possa aver funzionato come aggravante.

Resta insoluto il problema di come prevenire la mattanza. Non tutti i drammi hanno campanelli d’allarme o manifestano i cosiddetti «reati spia»: stalking, maltrattamenti, percosse, violenze sessuali. Nel caso di Orta Nova chi conosceva l’agente di custodia lo descrive come taciturno, forse un po’ troppo chiuso in se stesso, ma non sembra che quanto accaduto possa essere ascritto alle cosiddette «tragedie annunciate»: tante volte si riscontrano tutti i «sintomi» di quello che poi drammaticamente viene ad accadere. Ma a volte, come ad Orta Nova, non è così. E l’esplosione di violenza colpisce come un fulmine a ciel sereno.

Ma, almeno nei casi in cui il processo di degenerazione dei rapporti familiari si evidenzi chiaramente, come non di rado avviene nelle separazioni particolarmente conflittuali, almeno in quei casi sarebbe possibile intervenire. Qui, però, anche le iniziative legislative messe in atto, come il Codice rosso sulla violenza di genere, vanno a cozzare contro le carenze di organico e strutturali di chi dovrebbe intervenire.
Chiedere aiuto e segnalare il disagio psicologico, proprio o di chi è vicino, non sempre riesce a evitare i drammi, ma resta ancora l’unica strada per cercare di prevenire lo scoppio della violenza. In attesa di una maturazione delle coscienze, auspicabile, ma difficilmente prevedibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie