Giovedì 27 Febbraio 2020 | 13:24

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
nel Foggiano
Lucera, bomba carta esplode davanti a box-deposito: indagano i cc

Lucera, bomba carta esplode davanti a box-deposito: indagano i cc

 
nel foggiano
Cerignola, moto non si fermò all'alt e investì finanziere: obbligo di dimora per un 21enne

Cerignola, moto non si fermò all'alt e investì finanziere: obbligo di dimora per un 21enne

 
La scoperta
Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già depodito di automezzi rubati

Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già deposito di automezzi rubati

 
Le ordinanze
Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, arresti nella notte

Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, 2 arresti nella notte

 
L'invito
Coronavirus, l'invito dell'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace»

Coronavirus, l'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace a messa»

 
L'omicidio di Filomena Bruno
Orta Nova, uccisa dall'ex genero, i familiari citano in causa i cc: «Protezione fu insufficiente»

Orta Nova, uccisa dall'ex genero, i familiari citano in causa i cc: «Protezione fu insufficiente»

 
Il caso
Foggia, revocato obbligo di dimora per Napoleone Cera

Foggia, revocato obbligo di dimora per Napoleone Cera

 
Il sit in
Foggia, mamme di disabili protestano davanti l'Assessorato alle Politiche Sociali

Foggia, mamme di disabili protestano davanti l'Assessorato alle Politiche Sociali

 
L'operazione
Cerignola, sequestrati 64mila litri di gasolio da contrabbando: 10 denunce

Cerignola, sequestrati 64mila litri di gasolio da contrabbando: 10 denunce

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
NewsweekLa storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
BariL'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 
Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

I controlli

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Gli ispettori non vanno in vacanza, ma quante aziende e lavoratori senza regole

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

FOGGIA - Gli ispettori del lavoro non vanno in vacanza e lo testimoniano gli ultimi controlli effettuati in centri turistici, ma anche nei più discreti comuni del Subappennino. Oltre 91mila euro (91350 per la precisione) il totale delle sanzioni comminate a seguito dell’ultima tornata di controlli: l’Ispettorato picchia duro, i datori di lavoro pagano per riottenere la licenza, ma poi tutto torna come prima? L’interrogativo resta sospeso in attesa di capire quanto incidano realmente questi controlli. A giudicare dalla vastissima platea di irregolari, si può pensare che la linea dura non abbia finora spaventato più di tanto i datori. A meno che le imprese non considerino la sanzione un male necessario da pagare per tenere lavoratori in nero, sempre che si venga scoperti. Insomma il rischio vale la candela.

Il segnale lanciato dall’Ufficio provinciale è che la guardia resta alta: imprese, negozi, il vasto panorama del terziario (nonchè le aziende agricole, ma qui siamo in presenza di un forte ravvedimento) sono avvisati. A distanza di quasi un anno dall’inasprimento dei controlli la situazione sembra però identica al passato. Intendiamoci, le ispezioni ci sono sempre state, ma l’informazione che ne viene data da un paio di anni con la direzione Di Modugno è diventata molto più puntuale e trasparente proprio con l’obiettivo di mettere in guardia i datori. E invece non è improbabile che gli ispettori si ritrovino a dover fare i conti con intere aziende senza personale assunto. Lavoro dunque irregolare, completamente irregolare nella maggior parte delle aziende controllate. Gli ispettori hanno effettuato nell’ultimo mese una serie di sopralluoghi in attività balneari e in esercizi commerciali della provincia riscontrando anomalie soprattutto in tema di contratti di lavoro e sulla sicurezza. Nel corso degli ultimi 21 accessi ispettivi in località balneari della provincia di Foggia non c’era un solo lavoratore di quelli controllati che avesse un contratto in regola o che avesse solo un contratto. Nulla di nuovo sotto il sole, si dirà. Ma quadro abbastanza sconfortante per il cittadino che rispetta la legge e paga le tasse dal proprio stipendio. Nei primi sei mesi del 2019 attraverso ispezioni continue e insistite si è potuto constatare come nel commercio, in edilizia e nel terziario in genere si continuino ad ingaggiare lavoratori a nero. Altro fenomeno diffuso, quello segnalato dagli ispettori nei supermercati: i lavoratori risultano sotto contratto, ma poi sono obbligati a trascorrere in azienda più ore di quante ne siano previste dalla contrattazione di categoria.

Sono stati messi sotto i riflettori alberghi, villaggi turistici, pizzerie e pub. Gli ispettori hanno adottato sei provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per un totale di 12.000 euro in applicazione della normativa vigente e verranno irrogate 18 sanzioni amministrative per un importo pari a 58.850 euro. Multe salate che gli imprenditori pagano per non chiudere: la maggior parte dei titolari degli esercizi “pizzicati”, infatti, pur di non perdere la licenza e di non vedersi sospesa l’attività nel pieno della stagione estiva (nel caso di attività turistiche) mette mano al portafogli senza battere ciglio dopo aver dimostrato di aver messo in regola il lavoratore.
Ma l’illegalità sui luoghi di lavoro si diffonde ovunque a Foggia come in provincia. In altri quattro accessi ispettivi presso pubblici esercizi in due località del Subappennino Dauno sono emerse - riferisce ancora l’Ispettorato - 3 aziende irregolari. In particolare, in un esercizio sono stati trovati intenti al lavoro “nero” 5 lavoratori su 7. È stato adottato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale per un importo pari a 2.000 euro in applicazione della normativa vigente, e verranno irrogate 7 violazioni amministrative per un importo pari a 18.500 euro. Un solo esercizio degli ultimi quattro controllati non presentava alcuna anomalia sia dal punto di vista dell’inquadramento del personale che sul piano della sicurezza: quasi una mosca bianca in uno scenario caratterizzato da furbi, raggiri e abusi in danno ai lavoratori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie