Domenica 18 Agosto 2019 | 10:55

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
Il caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 
L'operazione della polizia
Caporalato a San Severo, sequestrati 3 mezzi per trasporto braccianti

Caporalato a San Severo, sequestrati 3 mezzi per trasporto braccianti

 
I fedeli infedeli
Cerignola, rubano nell'area di servizio del Santuario di San Pio: fermati 5 pellegrini

Cerignola, rubano nell'area di servizio del Santuario di San Pio: fermati 5 pellegrini

 
Il caso
Apricena, scarcerato sindaco leghista Potenza: “Non ci sono indizi di colpevolezza"

Apricena, scarcerato sindaco Potenza: “Nessun indizio di colpevolezza"

 
La festa patronale
Foggia, l'arcivescovo Pelvi: «Lavorare uniti per il bene comune»

Foggia, l'arcivescovo Pelvi: «Lavorare uniti per il bene comune»

 
Sul Gargano
Foresta Umbra, si perdono mentre cercano un lago inesistente: ritrovati 4 ragazzi

Foresta Umbra, si perdono mentre cercano un lago inesistente: ritrovati in 4

 
La firma
Conte a Foggia: dal governo 280 milioni per rilanciare il territorio

Conte a Foggia per la firma del Cis: accolto dall'abbraccio della folla

 
L'omicidio nel Lodigiano
Cerignola. guardia giurata uccide cugino per gelosia: al centro della lite una donna

Guardia giurata uccide cugino per gelosia: morto 29enne di Cerignola

 
Atti vandalici
Orta Nova, distrutta la stele di Di Vittorio. I sindacati: «Una vergogna»

Orta Nova, distrutta la stele di Di Vittorio, Loizzo: «Sarà ricostruita»

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl contenzioso
Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune: pagherà 1,5 mln

Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune di Taranto: pagherà 1,5 mln

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
FoggiaI controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
BariLa denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: grave la figlia di 6 anni

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 

i più letti

Corsa alle polizze

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Il 20% in più rispetto all’ultima campagna agricola, ma numeri ancora modesti

agricoltura

FOGGIA - Devastazioni in campagna come quelle di quest’anno «mai viste». Eppure al Condifesa dovrebbero essere abituati a maneggiare disastri naturali e calamità, dopotutto è il loro mestiere. Ma la provincia tra le più agricole d’Italia che in passato ha fatto i conti con la siccità e le fitopatie delle orticole (pomodoro soprattutto), al massimo qualche alluvione nel periodo inverno/primavera, sicuramente le grandinate ma comunque sporadiche, si trova adesso in balìa di un quadro meteorologico profondamente mutato e peraltro poco uniforme sui 500mila ettari della campagna foggiana. Siamo in una provincia-regione in cui una bomba d’acqua per ben due volte fa strage di orticole e pomodori fra Candela e Ascoli mentre a venti chilometri di distanza splende il sole. Oppure una tromba d’aria scorrazza fra San Nicandro, San Severo fino alle propaggini di Lucera ma a Foggia quasi nessuno se ne accorge. L’estensione territoriale impedisce oggi agli agricoltori di fare squadra sul fronte della prevenzione (riducendo i costi) perchè la diversità della nostra produzione agricola unita alle grandi distanze tra un comune e l’altro modificano la valutazione delle compagnie.

«Le tipologie agricole da proteggere sono diverse - dice Franco Schiavone, presidente del Consorzio di difesa in Capitanata - dieci ettari di pomodoro sotto copertura a Bovino, faccio un esempio, potrebbero rientrare nello stesso contratto assicurativo di un frutteto a Deliceto. Ma se la base assicurativa non è uniforme e l’agricoltore confinante decide di non assicurarsi, il rischio non solo non si diluisce ma in questo modo non si diluiscono nemmeno i costi per le imprese. Va detto che gli agricoltori non hanno tutti i torti a diffidare del sistema dei risarcimenti - aggiunge Schiavone - tuttavia sotto i colpi di maglio del maltempo molti sono stati costretti quest’anno a fare il grande passo e altri ne sono sicuro lo faranno. Noi auspichiamo soltanto che questo ravvedimento sia solo un po’ più ragionato e non avvenga solo sulla spinta dell’emergenza».
Dove sta andando il clima? La risposta è nell’atteggiamento di quel 15-20% di agricoltori che quest’anno, obtorto collo, hanno vinto la resistenza alle polizze «che fanno salire i costi aziendali», decidendo di proteggersi con un piano di rischi. I numeri sono ancora bassi, ma in crescita. Vediamo: nella campagna agricola 2019 il valore assicurato in provincia di Foggia è di 159 milioni, solo un anno fa era fermo a 110 milioni. L’impennata c’è stata, teniamo conto che si assicurano solo produzioni orticole e pomodoro e dunque non la totalità del raccolto in Capitanata escludendo perciò i circa 200mila ettari coltivati a grano duro. «Ma siamo ancora piuttosto bassi - rilevano al Condifesa - ovvero nell’ordine del 10% di imprese agricole foggiane assicurate».

«Noi ce la stiamo mettendo tutta per invogliare gli agricoltori a sottoscrivere una copertura assicurativa - puntualizza Schiavone - vorrei solo ricordare che il consorzio anticipa sistematicamente il 50% del costo della polizza e su quella somma non chiediamo nemmeno gli interessi. Lo facciamo perchè vogliamo invogliare gli agricoltori a fidarsi di più del sistema anche se la diffidenza che c’è in giro è tanta ed a giusta ragione». Schiavone punta il dito, in particolare, sui «ritardi a volte fino a tre anni nel versamento del contributo comunitario alle imprese sul costo della polizza (pagata al 50% dall’azienda e dal consorzio di difesa: ndr) a causa del nostro sistema burocratico alquanto farraginoso. Oltretutto - aggiunge - il rapporto fra sinistro incassato e premio pagato alle imprese da qualche anno annata risulta sfavorevole in Capitanata per le compagnie, così da quando il clima è peggiorato molti gruppi si sono fatti un paio di conti e da noi non vengono più perchè a loro volta disincentivati a farlo dai cosiddetti “riassicuratori”, parliamo di 5-6 gruppi a livello mondiale, la vera cassaforte delle compagnie assicurative che assorbono tutti i rischi ma che determinano alla fine il mercato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie