Lunedì 14 Ottobre 2019 | 10:41

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

 
L'emergenza
Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

 
baby gang
Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

 
L'analisi
Orta Nova: «Se la famiglia di oggi fa più morti della mafia»

Orta Nova: «Se la famiglia di oggi fa più morti della mafia»

 
Il caso
Assenteismo a Foggia, 10 dipendenti a processo: l’indagine al Consorzio di bonifica

Assenteismo a Foggia, 10 dipendenti a processo: l’indagine al Consorzio di bonifica

 
la scoperta
Comune Cerignola sciolto per mafia, bossoli vicino a sede locale Pd

Comune Cerignola sciolto per mafia, bossoli vicino a sede locale Pd.
La solidarietà di Zingaretti

 
nel foggiano
Monte S.Angelo, polizia pizzica ricercato clan Li Bergolis: ora è in sorveglianza speciale

Monte S.Angelo, polizia pizzica ricercato clan Li Bergolis: ora è in sorveglianza speciale

 
Tragedia nel foggiano
Orta Nova, uccide moglie e figlie a colpi di pistola e si toglie la vita

Orta Nova: uccide moglie e 2 figlie a colpi di pistola, avvisa i cc e si toglie la vita

 
Il giallo
Vieste, cani uccisi con esche avvelenate: scattano i controlli della Forestale

Vieste, cani uccisi con esche avvelenate: scattano i controlli della Forestale

 
È in coma
Foggia, bimba di un anno ingerisce droga: ricoverata, è gravissima

Foggia, bimba di un anno ingerisce droga: ricoverata, è gravissima

 

Il Biancorosso

contro la ternana
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

 
Foggianel Foggiano
Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

 
Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

L'incontro

Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, intervenendo a Foggia nel corso di un vertice con i massimi rappresentati cittadini in Prefettura

Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

Foto Maizzi

FOGGIA - - «Finché il pizzo è sostenibile, si paga ed è più semplice. Questo fa parte di un discorso di paura perché bisogna essere onesti e giusti e non si può pensare che la gente sia corrotta di suo». Così Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, intervenendo a Foggia nel corso di un vertice con i massimi rappresentati cittadini in Prefettura.

Il prefetto Ponzio arriva in una terra dove, secondo un sondaggio della Federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane (Fai) regionale, circa 80% dei commercianti e degli imprenditori cittadini paga il pizzo. «C'è paura per se stessi, per le proprie famiglie, quindi pagano il pizzo e stanno zitti finché riescono a sostenerlo - ha rilevato Porzio -. Quando non riescono a sostenerlo più allora denunciano, ma devono avere davanti uno Stato forte che è in grado di accogliere la denuncia, che è in grado di seguire le vittime e di prendere gli estorsori». «La situazione Capitanata - conclude il prefetto - è impegnativa e va affrontata con forte determinazione e grande sinergia. Oggi sono qui con l’intento di creare una unione ancora più forte tra il commissario antiracket ed Antiusura e il territorio. Naturalmente risolveremo tutto lavorando insieme e con determinazione».

«Il racket e l’usura sono due crimini orrendi che naturalmente sono alla base della presenza della criminalità organizzata e quindi vanno intercettati e combattuti fortemente». Lo ha detto Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e Antiusura, rispondendo ad alcuni giornalisti a Foggia sul fenomeno del racket delle estorsioni e della scarsa disponibilità delle vittime a denunciare.

«Io dalla mia parte, le forze di polizia dall’altra, lavoriamo insieme con forte determinazione. L’usurato - ha poi aggiunto Porzio - si vergogna: ha rovinato se stesso, la propria famiglia, la propria impresa e la realtà dell’economia locale. L'estorto, invece, vive un senso di subordinazione nei confronti dell’estorsore. Né ha paura e quindi c'è una grande difficoltà». Ma secondo Porzio lo Stato «arriva sempre e vince. Ha però dei tempi diversi. Quello che dobbiamo fare è essere più credibili e quindi, essere insieme».

«Il discorso dell’associazionismo antiracket è un discorso abbastanza complesso. Faremo un incontro nazionale con tutte le associazioni in autunno». Lo ha annunciato a Foggia Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura.

«Sto cercando di capire sul territorio nazionale chi veramente sta operando. Il problema delle associazioni antiracket - ha aggiunto - è il fatto che si tratta di associazioni di volontariato e che tali devono rimanere. Si tratta di un lavoro che fanno sul territorio, ma spesso non riescono a vederne gli esiti finali, perché se l’associazione non riesce a portare alla denuncia e non riesce a portare le vittime ad accedere al fondo, non ha credibilità». Il problema, secondo Porzio, restano le scarse denunce:

«Va ricostruita l'impalcatura, però le associazioni sono essenziali». Intanto, secondo il commissario nazionale sono poche le richieste al fondo di solidarietà per le vittime di richiesta estorsiva ed usura. «Su queste stiamo lavorando nella speranza che, implementando la nostra attività, si implementino anche le istanze», ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie