Mercoledì 17 Luglio 2019 | 04:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
Maltempo
San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

Pioggia torrenziale, San Severo finisce sott'acqua: strade e chiese allagate

 
Assenteismo
Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

Foggia, la giudice «furbetta del cartellino» condannata dalla Corte dei conti

 
Indagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 
il salvataggio
Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

L'incontro

Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, intervenendo a Foggia nel corso di un vertice con i massimi rappresentati cittadini in Prefettura

Racket, Porzio a Foggia: «Qui si paga finché è sostenibile»

Foto Maizzi

FOGGIA - - «Finché il pizzo è sostenibile, si paga ed è più semplice. Questo fa parte di un discorso di paura perché bisogna essere onesti e giusti e non si può pensare che la gente sia corrotta di suo». Così Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, intervenendo a Foggia nel corso di un vertice con i massimi rappresentati cittadini in Prefettura.

Il prefetto Ponzio arriva in una terra dove, secondo un sondaggio della Federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane (Fai) regionale, circa 80% dei commercianti e degli imprenditori cittadini paga il pizzo. «C'è paura per se stessi, per le proprie famiglie, quindi pagano il pizzo e stanno zitti finché riescono a sostenerlo - ha rilevato Porzio -. Quando non riescono a sostenerlo più allora denunciano, ma devono avere davanti uno Stato forte che è in grado di accogliere la denuncia, che è in grado di seguire le vittime e di prendere gli estorsori». «La situazione Capitanata - conclude il prefetto - è impegnativa e va affrontata con forte determinazione e grande sinergia. Oggi sono qui con l’intento di creare una unione ancora più forte tra il commissario antiracket ed Antiusura e il territorio. Naturalmente risolveremo tutto lavorando insieme e con determinazione».

«Il racket e l’usura sono due crimini orrendi che naturalmente sono alla base della presenza della criminalità organizzata e quindi vanno intercettati e combattuti fortemente». Lo ha detto Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e Antiusura, rispondendo ad alcuni giornalisti a Foggia sul fenomeno del racket delle estorsioni e della scarsa disponibilità delle vittime a denunciare.

«Io dalla mia parte, le forze di polizia dall’altra, lavoriamo insieme con forte determinazione. L’usurato - ha poi aggiunto Porzio - si vergogna: ha rovinato se stesso, la propria famiglia, la propria impresa e la realtà dell’economia locale. L'estorto, invece, vive un senso di subordinazione nei confronti dell’estorsore. Né ha paura e quindi c'è una grande difficoltà». Ma secondo Porzio lo Stato «arriva sempre e vince. Ha però dei tempi diversi. Quello che dobbiamo fare è essere più credibili e quindi, essere insieme».

«Il discorso dell’associazionismo antiracket è un discorso abbastanza complesso. Faremo un incontro nazionale con tutte le associazioni in autunno». Lo ha annunciato a Foggia Paola Porzio, commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura.

«Sto cercando di capire sul territorio nazionale chi veramente sta operando. Il problema delle associazioni antiracket - ha aggiunto - è il fatto che si tratta di associazioni di volontariato e che tali devono rimanere. Si tratta di un lavoro che fanno sul territorio, ma spesso non riescono a vederne gli esiti finali, perché se l’associazione non riesce a portare alla denuncia e non riesce a portare le vittime ad accedere al fondo, non ha credibilità». Il problema, secondo Porzio, restano le scarse denunce:

«Va ricostruita l'impalcatura, però le associazioni sono essenziali». Intanto, secondo il commissario nazionale sono poche le richieste al fondo di solidarietà per le vittime di richiesta estorsiva ed usura. «Su queste stiamo lavorando nella speranza che, implementando la nostra attività, si implementino anche le istanze», ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie