Lunedì 10 Dicembre 2018 | 21:08

NEWS DALLA SEZIONE

Lago di Varano
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il caso
Foggia, minaccia la moglie e molesta la figlia minorenne: arrestato

Foggia, minaccia moglie e molesta figlia: arrestato

 
Anche un disabile
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 
La mobilitazione in Capitanata
Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

 
Nel Foggiano
S. Giovanni Rotondo, infermiere violenta una paziente in ospedale: denunciato

S. Giovanni Rotondo, infermiere abusa di paziente operata: arrestato

 
A Foggia
Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

 
La protesta
Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

 
L'iniziativa
Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

 
Ad Apricena e P.Imperiale
Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

 

Dopo il sequestro

Inchiesta Sanitaservice, Emiliano: «Segnalate irregolarità»

Il governatore della Puglia: «La società non rispettava molte delle prescrizioni imposte dalle Linee guida regionali del 2013»

Foggia, l’Asl rassicura  Sanitaservice va avanti

«È bene precisare che la persona sottoposta ad indagini era stata da me avvicendata alla guida di Sanità Service non appena scaduto il suo incarico». È quanto evidenzia in una nota il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in riferimento alle indagini della Guardia di finanza che ieri hanno portato al sequestro di mezzo milione di euro di beni a carico di Antonio Di Biase, 69 anni, ex amministratore unico della società, a totale partecipazione pubblica, «Sanitaservice Asl Foggia s.r.l.»
«Il nuovo management ha da subito riscontrato una gestione singolare della propria Società in house, pur apprezzando lo sforzo e l’efficienza del suo personale», ha aggiunto Emiliano.


«La Società - aggiunge - era infatti priva di un Organo di controllo societario, ricorreva solo saltuariamente a procedure ispirate ai principi pubblicistici nel reclutamento delle risorse umane e nell’approvvigionamento di beni e servizi, non rispettava molte delle prescrizioni imposte dalle Linee guida regionali del 2013».
Le presunte irregolarità sollevate dagli organi inquirenti per gli atti di gestione della Sanitaservice Asl Fg S.r.l. riguardano il quinquennio 2011-2016.
Secondo il governatore della Regione Puglia «molti dei rilievi mossi dalla Guardia di Finanza prima e della Corte dei Conti poi, sono stati per tempo individuati e denunciati nelle fasi propedeutiche all’approvazione dei bilanci consuntivi 2016 e 2017 e sono stati oggetto di formale segnalazione alla Autorità Giudiziaria ed alla Corte dei Conti».
Dello stesso avvisto la direzione generale dell’Asl Foggia che già dall’insediamento aveva riscontrato alcune anomalie gestionali prontamente segnalate agli organi inquirenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400