Sabato 18 Settembre 2021 | 21:44

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Commercio

Foggia, crisi dei centri commerciali: Coop salva i posti, ma chiude l'iper

Salta il supermercato dell’Incoronata, i 57 dipendenti torneranno alla «Mongolfiera»

Foggia, crisi degli centri commerciali: Coop salva i posti, ma chiude l'iper

FOGGIA - Coop estense ricollocherà i 57 dipendenti dell’ipermercato al GrandApulia nell’omologa e storica struttura della Mongolfiera. L’iper di viale degli Aviatori così continuerà a essere l’unico supermercato Ipercoop in Capitanata come lo è stato per quasi vent’anni (fu inaugurato nel 1997) dopo la fugace esperienza del secondo iper nell’area industriale. La dismissione dell’importante asset aziendale si chiude per il momento senza particolari scossoni e soprattutto senza gravi conseguenze per l’occupazione dei lavoratori.

Tutti i dipendenti dell’iper al GrandApulia dalla metà di ottobre torneranno alla «casa madre» in viale degli Aviatori dove attualmente lavorano 108 dipendenti. Nella prossima settimana sono previste assemblee del sindacato con le maestranze per affrontare tutte le questioni che inevitabilmente ora sorgeranno sulla coabitazione occupazionale. I posti sono salvi, ma bisognerà evitare eventuali sovrapposizioni fra vecchi e nuovi dipendenti in un centro commerciale - l’iper alla Mongolfiera - già interessato da problemi di esuberi qualche anno fa. Per queste ragioni la trattativa sulla ricollocazione dei dipendenti di «ritorno» dunque non sembra essere conclusa. «L’azienda ci ha chiesto alcune cose che non sarebbe corretto in questo momento anticipare, ne parleremo prima con i lavoratori com’è giusto che sia», afferma con la Gazzetta Angela Villani sindacalista della Filcams Cgil.

L’Ipercoop nel grande centro commerciale dell’area industriale è un esperimento che, a conti fatti, non ha dato i risultati sperati nonostante la buona affluenza di visitatori. Troppo grande la superficie di vendita, questa una delle ragioni che vengono addebitate al colosso modenese che in realtà sconta anche l’onda lunga della crisi economica che ha colpito le famiglie. Tuttavia nell’estate del 2016 quando si stavano mettendo a punto gli investimenti nel mega centro commerciale, la delocalizzazione consentì alla Coop e ai sindacati di allentare la vertenza sugli esuberi nel centro commerciale della Mongolfiera, trasferendo appunto i 57 lavoratori nell’area di borgo Incoronata.

«C’era una procedura di mobilità dei dipendenti in viale degli Aviatori - ricorda a tal proposito Villani - quell’accordo sui trasferimenti consentì di evitare i licenziamenti e la vertenza si chiuse senza gravi conseguenze per i posti di lavoro. Accordo che oggi resta saldamente in piedi - precisa la segretaria della Filcams Cgil - e che ci permette di affrontare questo passaggio con l’azienda da una posizione di forza dal momento che la clausola di salvaguardia garantisce l’occupazione di tutte queste persone». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie