Martedì 16 Luglio 2019 | 12:53

NEWS DALLA SEZIONE

Nel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
Il video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
Sulla Statale 16
Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

Lesina, auto impatta contro furgone: un morto e un ferito

 
Dopo la grandine
Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

Maltempo: regione avvia procedura per stato di calamità nel Gargano

 
Il caso
Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

Strage di San Marco in Lamis, Regione Puglia si costituisce parte civile

 
Dal gip
Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato per maltrattamenti

Foggia, costringeva la moglie a vivere con le tapparelle abbassate: 44enne allontanato

 
il salvataggio
Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

Vieste, i cani bagnino Maya e Axel salvano due ragazzi dalla furia del mare

 
Lavoro in campagna
Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

Caporalato sul Gargano, sequestrati 10 furgoni «killer» per i braccianti

 
Tentata rapina
Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

Foggia, aggredisce e scippa collana ad anziana colf: arrestato

 
Il rogo
Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

Lucera, tornano i piromani del castello: brucia la pineta

 
Il caso
Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

Cerignola, auto investe sei adolescenti di 12 e 13 anni: due sono gravi

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel campo nomadi di Foggia
Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

Facevano prostituire minorenni: Procura Bari chiede rinvio a giudizio per 4 rumeni

 
LecceIl vertice
Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

 
BatIl caso
Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 
MateraUna coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
TarantoLa lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 

i più letti

Rapina sventata

Colpo in un caveau in Svizzera, condannati 5 cerignolani

I giudici svizzeri infliggono 16 anni complessivi per il furto sventato a Chiasso

carabinieri

FOGGIA - Cinque condanne per complessivi 16 anni di reclusione, con pene oscillanti da 2 anni e 6 mesi a 3 anni e mezzo, per altrettanti cerignolani nella tranche svizzera del processo «Ocean’s Twelve» a 18 cerignolani, foggiani e baresi coinvolti nell’inchiesta sul furto sventato in un caveau di Chiasso, in Svizzera, lo scorso 25 febbraio. Nel mirino finì la società di trasporto valori «Loomis Schweiz»: i carabinieri di Cerignola che da mesi erano sulle tracce della banda foggiana sventarono, insieme ai colleghi milanesi ed alla Polizia elvetica, il colpo che avrebbe fruttato 50 milioni di franchi svizzeri.

Il processo si è diviso per alcuni imputati è competente la magistratura elvetica (ed è il caso dei 5 cerignolani arrestati in flagranza la notte del colpo e ora condannati); per altri quella italiana, e in particolare i giudici di Pavia, perché è ad Abbiategrasso che ci sarebbe stata la base operativa della banda e fu nel centro lombardo che furono arrestati altre 5 persone poche ore dopo il blitz fallito.

Le 5 condanne La Corte delle assisi criminali svizzera, al termine del processo conclusosi in un paio di udienze, ha inflitto 3 anni e 6 mesi a testa ai cerignolani Teodato De Vitti di 40 anni e Loreto Tricarico di 52 anni; 3 anni e 3 mesi a testa la condanna per il ventisettenne Federico Mancini ed il cinquantenne Savino Zagaria; comminati infine 2 anni e 6 mesi (pena parzialmente sospesa) a Fabio Natale Tressante di 40 anni, anche lui come i coimputati del centro del basso Tavoliere. Tutti sono stati espulsi dalla Svizzera per un periodo di 10 anni.

Le motivazioni «I soldi c’erano, gli imputati sapevano che quello sarebbe stato il colpo della vitta» ha detto il giudice Agnos Pagnamenta, presidente della corte delle assisi criminali di Mendrisio, nell’emettere il verdetto. La procuratrice Chiara Borrelli parlando 24 ore prima della sentenza aveva chiesto 5 condanne con pene oscillanti tra i 2 anni e 5 mesi e i 3 anni gli 8 mesi. Il giudice non ha condiviso la tesi di alcuni legali che sostenevano come il caveau della società trasporto valori fosse vuoto, perché la ditta era stata informata dagli investigatori del progetto di colpo. «Sostenere che parte di quanto contenuto nel caveau è stato trasferito, non significa che la somma non fosse presente: se la ditta non fosse stata avvertita, i valori sarebbero stati ben superiori e un loro trasferimento completo avrebbe significato la chiusura dell’attività in Ticino» ha motivato ancora il presidente. Nell’ottica accusatoria la banda, prim’ancora d’essere intercettata a fine febbraio, avrebbe già tentato di svaligiare il caveau nel dicembre 2017, il che ha comportato per 4 imputati un’accusa di duplice tentato furto, oltre a danneggiamento aggravato (fu tagliato un cavo delle fibre ottiche); danneggiamento di lieve entità (ai danni del Comune di Chiasso per sei lampioni distrutti); e violazione di domicilio. Caduta invece quella che la legge elvetica definisce «aggravante del mestiere», che viene applicata a chi commette furti in serie (anche di modesta entità) ma non per un colpo solo, sia pure ipoteticamente milionario.

Il colpo sventato Operazione in tre atti - i primi due la notte del furto sventato con l’arresto di 10 persone, il terzo il 7 giugno con l’emissione di 8 provvedimenti di cattura da parte dei giudici svizzeri - quella che fu denominata dai carabinieri «Ocean’s Twelve» per richiamarsi al famoso film con Geoge Clooney e Brad Pitt tra gli altri. L’inchiesta è stata condotta interamente dai militari del nucleo operativo della compagnia di Cerignola, coordinati nella prima fase dai pm della Direzione distrettuale antimafia di Bari. Fu proprio sculla scorta di quanto scoperto dagli investigatori foggiani attraverso intercettazioni e pedinamenti, che carabinieri italiani e polizia elvetica intervennero la notte sul 25 febbraio scorso quando la banda di ladri - secondo la ricostruzione accusatoria - si apprestava a forare il caveau della società trasporto valori di Chiasso per prelevare i soldi. Nell’immediatezza furono arrestati a Chiasso i 5 cerignolani ora condannati. Altri 5 presunti complici complici - tre cerignolani ed un paio di foggiani - sarebbero invece riusciti a fuggire in auto, venendo intercettati qualche ora dopo dai carabinieri in un locale di Abbategrasso (un popoloso centro ad una trentina di chilometri da Milano) dove ci sarebbe stata la base operativa della banda. I tre cerignolani arrestati ad Abbiategrassom nei mesi scorsi hanno chiesto di patteggiare - c’è l’accordo tra difensori e Procura di Pavia - condanne a 2 anni e 8 mesi ed hanno ottenuto il beneficio dei domiciliari.

Il terzo atto del blitz Il terzo atto del blitz è scattat lo scorso 4 giugno scorso quando i carabinieri della compagnia di Cerignola eseguirono in Puglia 6 degli 8 mandati di arresto europei firmati dalla magistratura elvetica: in occasione del blitz di giugno furono arrestati 5 cerignolani e un uomo di Bisceglie, mentre altre due persone sfuggirono alla cattura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie