Venerdì 14 Maggio 2021 | 09:55

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
Lotta al virus
Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

 
Turismo
Covid 19, i dati della Coldiretti: il green pass salva economia e lavoro in Puglia

Covid 19, i dati della Coldiretti: il green pass salva economia e lavoro in Puglia

 
La riflessione
Dal Covid l’ultima beffa alle donne

Dal Covid l’ultima beffa alle donne

 
I numeri
Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia

Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia: prima in Italia con 96,1% somministrazioni

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, quasi 1,7 mln di dosi somministrate. Isole Tremiti verso il Covid Free

Vaccini in Puglia, quasi 1,7 mln di dosi somministrate. Isole Tremiti verso il Covid Free

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

 
Covid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
Lotta al virus
Vaccini: Puglia al top, da domani prenotazioni per 57enni e 56enni. Più dosi di Pfizer-Moderna a medici famiglia

Vaccini: Puglia al top, da domani prenotazioni per 57enni e 56enni. Più dosi di Pfizer-Moderna a medici famiglia

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel Barese
Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

Lo scandalo

Furbetti dei vaccini in Puglia, un pizzino per la dose avanzata. Sequestrate le dichiarazioni dei caregiver

L’indagine di Bari verso la conclusione: trovati i «post-it» con le prenotazioni a chi non aveva diritto

carabinieri nas

BARI - L’inchiesta sui (presunti) furbetti del vaccino è alle battute conclusive. In settimana infatti la Procura di Bari potrebbe tirare una linea rispetto alle verifiche effettuate in quasi due mesi dai Nas, che si sono avvalsi anche dei risultati raggiunti dal Nucleo ispettivo della Regione. Il fascicolo del pm Baldo Pisani non indica per il momento una specifica ipotesi di reato, ma contiene tutta una serie di nomi - e di circostanze - che raccontano di somministrazioni avvenute in assenza dei requisiti previsti dai piani vaccinali, o anche in anticipo rispetto al tempo prefissato.

Gli esempi sono tanti: dai (falsi) volontari a sindaci e consiglieri comunali, dagli avvocati ai dipendenti di società private fatti passare come operatori sanitari, ai caregiver che incontrano il parente disabile non più di due volte l’anno. O, ancora, tutte le persone che hanno ottenuto il vaccino anche un mese prima che la relativa categoria fosse «sbloccata» da una circolare della Regione. In questo, come in molti altri casi, l’escamotage utilizzato (e la giustificazione offerta) è sempre quello della dose avanzata: piuttosto che buttarla via, la dose è stata data al «primo che passa» (definizione del commissario Francesco Paolo Figliuolo). Ma a questo proposito, le indagini hanno accertato in diversi centri vaccinali una prassi abbastanza singolare: quella di lasciare ai medici un «post-it» con il nome del candidato alla dose avanzata. Un bigliettino giallo adesivo, con il numero di telefono, da utilizzare per la chiamata. Non dunque un sistema trasparente, fondato su liste di attesa (oppure, come hanno fatto alcuni ospedali, su chiamate giornaliere in numero superiore alle dosi disponibili per tenere conto delle rinunce), ma un pizzino con il nome di qualche amico. Magari - è capitato - con un ruolo politico.

Ieri intanto i Nas di Bari, agli ordini del tenente colonnello Giovanni Aspromonte, hanno acquisito nelle sedi di alcuni hub vaccinali le dichiarazioni presentate dai “caregiver”. L’obiettivo è accertare il possesso dei requisiti per ottenere la vaccinazione come “badante” di una persona disabile.

Venerdì è stato il consigliere regionale Fabiano Amati (Pd) a fornire alcuni numeri, basati sui dati raccolti dalla stessa Regione e ottenuti con una richiesta di accesso. Dopo uno scambio di lettere, il dipartimento Salute ha fornito all’ esponente di maggioranza un foglio Excel predisposto da InnovaPuglia che contiene un elenco di categorie e priorità, in cui però i dati anagrafici (nome, cognome, data di nascita, codice fiscale) sono oscurati e sostituiti da un identificativo alfanumerico. Una anonimizzazione che consente lo stesso qualche valutazione, e che porta a contare (fino al 12 aprile) 7.305 le somministrazioni meritevoli di approfondimento. «A me - dice Amati - non interessano i nomi quanto l’analisi delle categorie. Non ho parlato di furbetti, quanto di casi equivoci su cui dovranno essere fatte le verifiche del caso». I numeri su cui si concentrano le varie inchieste giudiziarie (oltre a Bari, sono al lavoro le Procure di Brindisi e Lecce) sono però molto più bassi: in diverse circostanze, infatti, i dati che sembravano anomali contengono errori o si spiegano con una situazione particolare. Negli altri casi, i Nas hanno provveduto ad ascoltare i beneficiari della vaccinazione per chiedere lumi e capire cosa è accaduto. Da quando è scoppiato il caso dei furbetti, inoltre, sono decine e decine le segnalazioni di presunte irregolarità (anche anonime) arrivate alle forze dell’ordine o alla stessa Regione. Adesso chi indaga dovrà stabilire anche quale reato ipotizzare, e se la contestazione debba essere mossa a chi ha ricevuto la dose, a chi la ha somministrata oppure anche ad entrambi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie