Domenica 02 Ottobre 2022 | 16:02

In Puglia e Basilicata

Calcio

Saponara vuol prendersi il Lecce: «C’è il Milan, serve partire forte»

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

«Con Liverani personalità e identità di gioco: dobbiamo proseguire su questa strada»

19 Giugno 2020

Antonio Calò

LECCE - Nell’ultima gara pre lockdown, a dispetto della sconfitta per 7-2 patita dal Lecce ad opera dell’Atalanta, il trequartista Riccardo Saponara ha sfoderato una prova da incorniciare, facendo capire una volta di più quanto sia in grado di dare alla causa dell’undici salentino. In vista della prossima sfida con il Milan, con la cui maglia il 28enne di Forlì ha militato dal 2013 al 2015, collezionando 8 presenze, e soprattutto nell’ottica delle 12 gare ancora in cartellone, che decideranno le sorti del campionato, la formazione giallorossa confida molto sulle qualità, sulla fantasia e sulle intuizioni dell’ex rossonero.

«Affrontare il Milan è sempre emozionante e stimolante, in quanto ha un blasone incredibile. Da qualche anno non sta riuscendo a lottare per i traguardi ai quali è abituato, ma resta uno dei top club mondiali - afferma Saponara - La società rossonera è di un’altra dimensione. Quando si ha la fortuna di farne parte lo si comprende in pieno da ogni dettaglio, dall’enorme pressione che si avverte, dalla forza dei compagni di squadra. Ho imparato molto, con il “Diavolo”, ed ho vissuto un’esperienza formativa per il prosieguo della carriera».

All’andata, Saponara militava nel Genoa ed ha visto l’incontro in televisione: «Nel primo tempo, la mia attuale compagine è stata in grande difficoltà, anche per la verve messa in mostra dal Milan, che aveva appena cambiato allenatore. Con il trascorrere del tempo, però, il Lecce ha dimostrato personalità e identità di gioco ed ha arpionato il extremis il pareggio per 2-2. È l’atteggiamento che poi ho trovato nella squadra giallorossa una volta approdato nel Salento».

I rossoneri hanno già giocato in Coppa Italia, contro la Juventus. «Questo, per loro, potrebbe essere un piccolo vantaggio, sia fisicamente che mentalmente, in quanto il nostro primo impatto con la ripresa potrebbe essere difficoltoso - nota Saponara - Dovremo essere bravi a riuscire a calarci presto in clima campionato. Riprendere il cammino non sarà semplice perché non abbiamo potuto disputare amichevoli probanti».

Il trequartista forlivese vuole aiutare il Lecce a restare in A: «Il mio obiettivo è quello di dare il massimo contributo alla causa. È ciò che ho cercato di fare da quando sono arrivato ed è per questo che la società e mister Liverani hanno riposto la propria fiducia in me e mi hanno voluto nel Salento. Sono partito con il piede giusto, anche perché ho avvertito subito la stima dell’intero ambiente nei miei confronti. Cercherò di garantire gol e assist. Voglio cercare di divertirmi e di festeggiare la permanenza alla quale tutti ambiamo».

Il fantasista vede una zona-rischio piuttosto ampia: «Le formazioni che non sono al sicuro sono più del solito, grazie al fatto che il Lecce, da neopromosso, sta lottando alla pari con le altre. Chi ha pochi punti più di noi non può stare tranquillo. Né è possibile stabilire se la sosta abbia agevolare l’una o l’altra delle squadre che sgomitano per la salvezza. Dovremo ottenere quanti più punti sarà possibile, senza fare calcoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725