Venerdì 03 Luglio 2020 | 22:24

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

 
Calcio serie A
Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

Lecce rialzati: non ci sono incontri dall'esito scontato

 
Serie A
Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

Lecce, affondano i giallorossi in casa contro la Sampdoria

 
Documento congiunto
Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

Calcio, Lecce e Bari chiedono alla Regione riapertura stadi al pubblico

 
L'INTERVISTA
Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

Lecce, in arrivo un mercoledì da leoni. Contro la Samp primo bivio salvezza

 
serie a
Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico cobn l'Udinese

Lecce calcio, caso Barak, centrocampista in bilico con l'Udinese

 
Calcio serie A
Meluso tiene il Lecce a galla «Con la Samp per ripartire»

Meluso tiene il Lecce a galla: «Con la Samp per ripartire»

 
Calcio serie A
Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

Il Lecce e le mille distrazioni fatali, così la salvezza si fa sempre più dura

 
Serie A
Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

Lecce agguerrito, regge un tempo contro la Juve poi cade e perde 4-0

 
SERIE A

Il Lecce con la Juve cerca il colpaccio, Liverani suona la carica

 
L'INTERVISTA
Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

Questo Lecce non si arrende: parola del ds Meluso

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

Calcio

«Più testa che fisico: il Lecce saprà salvarsi», parla Petriccione

«Il nostro è un gruppo molto unito, farà la differenza»

«Più testa che fisico Lecce saprà salvarsi»

Da domani il Lecce tornerà agli allenamenti di gruppo.

Giovedì dovrebbe arrivare il benestare del governo alla ripresa del campionato di serie A e Fabio Liverani vuole che la sua squadra si faccia trovare pronta per la partita con il Milan, che segnerà il ritorno in campo di Marco Mancosu e compagni. Il club salentino ha deciso di rompere gli indugi perché, dopo quindici giorni di preparazione individuale, su base facoltativa, e dopo una settimana di allenamenti che hanno già previsto un’accelerazione, è giunto il momento di iniziare a fare sul serio, pur nel rispetto delle norme imposte dal protocollo.

Ieri, tra l’altro, atleti e tecnici del Lecce si sono sottoposti, per la seconda volta nel giro di pochi giorni, ai tamponi, necessari per accertare che non ci siano tesserati positivi al covid-19. La convinzione che si vada verso la ripresa della stagione 2019/2020 ha fatto crescere di parecchio il morale dei calciatori giallorossi, che possono contare sul supporto di tutto lo staff tecnico e che lavorano sotto lo sguardo attento del presidente Saverio Sticchi Damiani e del direttore sportivo Mauro Meluso, che hanno fatto sin qui capolino allo stadio tutti i giorni ed a più riprese.

A farsi interprete dello stato d’animo della truppa salentina è il centrocampista Jacopo Petriccione. «Essere tornati ad impegnarci sul campo e sentire nuovamente il profumo dell’erbetta del Via del Mare è un grande piacere – dice il 25enne calciatore di Gorizia - Dopo tante settimane nelle quali siamo stati costretti ad allenarci in casa non vedevamo l’ora di riprendere. Sto bene. Sono molto carico, desideroso di tornare a giocare. Ed il medesimo discorso vale per i miei compagni di squadra. Siamo stati sempre in contatto durante il periodo di quarantena. Ci siamo sentiti praticamente tutti i giorni, confrontandoci,interrogandoci sul futuro. Ora è bello incontrarci nuovamente e compiere un ulteriore passo verso la ripresa. Negli occhi di ciascuno di noi si legge che abbiamo una grande fame di giocare nuovamente».

Se si ripartirà lo si farà in un clima surreale. «Ho seguito in televisione alcuni incontri della Bundesliga, che è già ripartita - sottolinea Petriccione - La situazione imposta dalle nuove regole è innegabilmente insolita, assolutamente inimmaginabile appena qualche mese fa. Non abbracciarsi dopo un gol e scendere in campo senza pubblico sarà stranissimo ed anche molto brutto, considerato che il calcio è gioia e passione. Ma in questo momento, purtroppo, si potrà tornare in campo solo così».
In caso di ripresa, il campionato si trasformerà in un tour de force: «Giocare ogni tre giorni e d’estate sarà durissima. A maggior ragione, sarà fondamentale il gruppo nella sua interezza perché è impensabile che gli stessi calciatori possano disputare a questi ritmi dodici turni di fila.

Dopo tre mesi di stop, le situazioni che esistevano sul piano della condizione al momento della sospensione non conteranno più. Inizierà un nuovo mini-campionato nel quale ciascun complesso darà il massimo pur di raggiungere il proprio traguardo. La condizione fisica sarà importante, ma l’aspetto mentale lo sarà ancora di più. La cosa più complicata sarà quella di abituarsi al fatto che non ci saranno i tifosi, ma abbiamo un obiettivo da centrare e vogliamo riuscirci perché sappiamo quanto conterebbe restare in A per il Lecce, per la nostra gente, per noi stessi».

In caso di una nuova interruzione si ipotizza che i verdetti potrebbero arrivare tramite play off e play out. «Non sarebbe giusto cambiare il format in corsa - rimarca Petriccione - Spero che si possa ripartire, ma per poi concludere il torneo. Da troppo tempo viviamo una grande incertezza e temo che dovremo convivere con questa situazione ancora a lungo, ma penso che, con la necessaria accortezza, sarà possibile portare a termine la stagione».

Il Lecce dovrà affrontare subito il Milan e la Juventus: «Sono due team di grande caratura, ma le 26 giornate passate in archivio hanno dimostrato che non c’è nulla di scontato. Con la nostra mentalità possiamo giocarcela con tutti perché duelliamo con ogni avversria allo stesso modo».

Petriccione è convinto che, per il Lecce, conterà molto la coesione dell’ambiente: «C’è chi si è meravigliato per la facilità con la quale abbiamo raggiunto un accordo sul tema del taglio degli emolumenti, ma noi non avevamo alcun dubbio che sarebbe stato così perché la nostra è una grande famiglia unita. Del resto, non avremmo centrato i risultati che abbiamo conquistato se non fosse stato così».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie