Lunedì 20 Gennaio 2020 | 12:11

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa denuncia
Taranto, ladro in azione in farmacia immortalato dalle telecamere

Taranto, ladro in azione in farmacia immortalato dalle telecamere

 
BariL'operazione
Monopoli, droga dalla Spagna in Puglia: arrestato giovane «corriere»

Monopoli, droga dalla Spagna in Puglia: arrestato giovane «corriere»

 
Lecce«Ghost Wine»
Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

 
HomeLa decisione
Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

 
HomeMaxi operazione
Foggia al «setaccio»: fermi e perquisizioni in città

Foggia al «setaccio»: fermi e perquisizioni in città

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Serie B

Foggia, stasera c'è la Cremonese aspettando nuovo mister Padalino

Stasera in panchina il tecnico della Primavera Pavone

Foggia, stasera c'è la Cremonese aspettando nuovo mister Padalino

foto Maizzi

Riflettori accesi allo «Zaccheria», teatro stasera, alle 21, dell’anticipo di Serie B. Si apre la quart’ultima giornata d’andata. Il Foggia ospita la Cremonese. Partita fondamentale per i «Satanelli», che sono scivolati all’ultimo posto in classifica ed hanno la necessità, dunque, di rilanciarsi ricominciando a vincere.
È stata una settimana corta e convulsa in casa rossonera, dopo la pesante sconfitta di domenica scorsa a Livorno (3-1). Martedì scorso è stato esonerato il tecnico Gianluca Grassadonia, sollevato dall’incarico assieme ai suoi collaboratori. All’allenatore campano è stata fatale la battuta d’arresto in Toscana, che ha acuito la crisi di risultati dei dauni (2 sconfitte e 5 pareggi nelle ultime 7 giornate). La squadra è stata temporaneamente affidata al trainer della Primavera Gaetano Pavone, nell’attesa che venga ufficializzato il nuovo tecnico Pasquale Padalino, con il quale ieri è stato raggiunto l’accordo fino al termine di questa stagione.


Questa sera sarà Pavone a guidare, dalla panchina, i rossoneri. «Sono molto emozionato - ha dichiarato, durante la conferenza pre-partita, il figlio dello storico d.s. rossonero Peppino Pavone, ideologo di Zemanlandia -. Non mi aspettavo quest’opportunità, è accaduto tutto così in fretta. Ringrazio la società per avermi dato questa chance, spero di potermela godere con serenità e che possiamo disputare una buona gara e conquistare un risultato positivo. Sono concentrato sulla partita e mi auguro che possa andare tutto per il meglio. Abbiamo avuto pochi allenamenti a disposizione per lavorare. I giocatori avevano il morale basso, ho cercato soprattutto di aiutarli a ritrovare fiducia nei loro mezzi e spirito battagliero».
Foggia senza gli indisponibili Camporese, Ramé, Rizzo, Deli e Chiaretti, tutti infortunati. Possibile il ritorno al 3-5-2. La Cremonese è quasi a metà classifica, a 2 lunghezze dai playoff ed è in serie positiva da 2 turni (una vittoria ed un pari). Con Rastelli in panchina, i grigiorossi hanno conquistato 7 punti in 4 giornate. Tra i lombardi, out gli infortunati Radunovic, Castagnetti, Montalto e Brighenti. «Incontriamo una buona squadra, solida, compatta e che concede poco - ha aggiunto Pavone -. Cercheremo di fare del nostro meglio. Ai tifosi non devo dire nulla, so che ci daranno una mano incitando la squadra, come hanno sempre fatto».


Attesi circa 10mila spettatori sugli spalti, di cui una sessantina in arrivo da Cremona. Alla conferenza pre-gara sono intervenuti, ieri sera, anche il presidente Lucio Fares e il direttore sportivo Luca Nember. «Non ci aspettavamo il k.o. di Livorno, perciò non eravamo preparati al cambio della guida tecnica - ha affermato Fares -. Siamo stati obbligati a prendere questa decisione, e nei giorni successivi abbiamo valutato tutto a fondo, per ponderare al meglio la situazione e non sbagliare la scelta del nuovo allenatore. Tutte le decisioni sono condivise a pieno all’interno del club, fra la proprietà e il d.s. Abbiamo bisogno che la città ci stia vicino. Uniti e compatti verremo fuori da questo momento difficile. Siamo una società che ha dimostrato di saper fare scelte vincenti ed anche questa volta terremo fede ai programmi stabiliti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie