Lunedì 22 Ottobre 2018 | 23:14

NEWS DALLA SEZIONE

Cibo semplice per persone intelligenti
L'IDEA - È dello chef Peppe Zullo ed è giunta alla 23esima edizione

Per il cibo universale

 
Garden Festival d’Autunno
STAGIONE - Zucche, bulbi e piante da mettere a dimora

I giardini? Emozione d'autunno

 
Come a una lezione universitaria
IL SAPERE - Con Pietro Zito, chef contadino, a Montegrosso di Andria

Le «Cucine aperte» a tutto gusto

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Buongusto

A primavera fiorisce il buon bere

A Corato i «Vinibuoni d’Italia». A Dusseldorf in missione ben 62 aziende pugliesi

IN VIGNA - ll Primitivo di Manduria in tutta la sua bellezza

IN VIGNA - ll Primitivo di Manduria in tutta la sua bellezza

Vino al vino, inizia la primavera ed insieme ai fiori sbocciano i vini delle cantine di Puglia e di Basilicata.

La corsa all’imbottigliamento dei vini bianchi, e dei sempre più amati rosati, è iniziata. Due regioni, un’unica cultura enoica con la vocazione millenaria per i grandi vini rossi, tanti climi diversi che si inseguono di pari passo con i tre mari che vanno dal Tirreno lucano, alla costa ionica appulo lucana, al basso Adriatico pugliese.

Un arcobaleno di sapori, vitigni e uve diversissime eppure tutte unite da quel filo rosso che si chiama orgoglio. Archiviato quel tempo, lungo secoli, in cui ci accontentavamo di fare dei buoni vini, in cui ci vantavamo di essere i migliori, oramai è giunto il tempo di farlo sapere. E, in questa missione, l’intera filiera vitivinicola pugliese e lucana in questi giorni si prepara alle prossime sfide, anche internazionali.

La grande rincorsa dei nostri vini prende il via oggi a Corato, sempre più cittadina del gusto, con la presentazione della Guida «Vinibuoni d’Italia», ore 20, a «La Locanda di Beatrice» con la presentazione dei vini pugliesi premiati.

Appena il tempo di fare le valigie ed i produttori dei blasonati vini a base di Aglianico, Nero di Troia, Negroamaro e Primitivo saranno in viaggio per la 23ma edizione del ProWein di Dusseldorf (Germania) che da domenica 18 marzo fino a martedì 20 catalizzerà l’attenzione. Le cifre? Secondo l’Istituto per il Commercio con l’estero, i tedeschi con un import dal Belpaese di 14 milioni di ettolitri rappresentano il primo mercato per il vino italiano.

Al ProWein è in arrivo, come sottolinea il Movimento Turismo del Vino di Puglia, una cospicua partecipazione di cantine con ben 62 aziende presenti all'interno nell'area espositiva istituzionale riservata alla Regione Puglia Assessorato all'Agricoltura e Unioncamere Puglia nel Padigione 16 (Sud Italia) stand A 31.

Sotto i riflettori, per lo più, vini da vitigni autoctoni figli di un territorio unico ed inimitabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400