Martedì 19 Marzo 2019 | 16:09

NEWS DALLA SEZIONE

La sfida è aperta
TUTELATI - Bietola melanzane ripiene  sivone e lampascione

Puglia, crescono i prodotti «Pat»

 
Innovazione della filiera agroalimentare
Da sinistra: Antonello Magistà (SALA), Salvatore Turturo (CHEF) e Marianna Cardone (VINO)

La «primavera» arriva in cucina

 
Prima iniziativa il 14 aprile
Da sinistra: Donato Taurino presidente di Buonaterra, Maria Teresa Varvaglione presidente Mtv Puglia, Giuseppe Schino presidente La Puglia è servita

2019, anno ad alti livelli per enogastronomia e ristorazione di qualità

 
La qualità trionfa
VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

Quando il latte non è tutto uguale

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
"Tanti auguri Ciccio e non mollare"I primi 40 anni di super Brienza

"Tanti auguri Ciccio e non mollare"
I primi 40 anni di super Brienza

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

La qualità trionfa

Quando il latte non è tutto uguale

Il concorso nazionale «Disolabruna» incorona i formaggi della Murgia barese

VERONA - La premiazione  dell’allevatrice  Mariangela Netti di Turi

VERONA - La premiazione dell’allevatrice Mariangela Netti di Turi

Il latte non è tutto uguale. Ma la qualità trionfa, per ora, soprattutto nei concorsi riservati agli addetti ai lavori. Per fortuna la crisi del settore zootecnico, fortissima in tutto il Belpaese e non solo in Sardegna, non ha fatto passare la voglia di produrre con passione formaggi di altissima qualità. E’ così che la Puglia trionfa, ancora una volta, nel concorso nazionale dei formaggi disolabruna®. Di che si tratta? E’ la competizione, giunta alla seconda edizione, nella quale si confrontano i formaggi prodotti con latte proveniente da bovini al 100% di razza bruna. E’ un evento organizzato dal Consorzio valorizzazione prodotti razza Bruna italiana in collaborazione con l’Onaf (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi).

La giuria, che si è riunita nel veronese, con la partecipazione di una quindicina di Maestri Assaggiatori ha decretato sei eccellenze. Come? Ha esaminato una ventina di campioni suddivisi in sei categorie: formaggi a pasta molle, semidura e dura, parmigiano reggiano a 24, 30 e superiore a 36 mesi di stagionatura, pasta filata con maturazione da 1 a 5 mesi e superiore a 5 fino a 10 mesi, formaggi con affinamenti particolari o aromatizzati. Il risultato? Incoraggiante, perché fra i premiati spicca la Puglia.

La Masseria La Lunghiera di Mariangela Netti di Turi, ha fatto incetta di premi con il canestrato vaccino per i formaggi a pasta dura, con la caciotta stracchinata per quelli a pasta molle, per il caciocavallo come pasta filata di media stagionatura, con maturazione superiore a 5 fino a 10 mesi. Gli altri premi sono andati dalla Calabria alla Lombardia, dal Molise e dall’Emilia.

Chissà se, dopo la rivoluzione del vino che oramai viaggia a gonfie vele, anche in Puglia si inizierà a valorizzare la filiera del latte. Perché? Siamo il quarto polo zootecnico italiano, ed il primo nel Mezzogiorno: un patrimonio che va tutelato e valorizzato, è difficile che i singoli allevatori – malgrado la forza dei loro sapori - possano farcela da soli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400