Domenica 17 Febbraio 2019 | 16:50

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

latiano

L'antenna telefonica
sul tavolo del Prefetto

L'antenna telefonica sul tavolo del Prefetto

LATIANO - Il caso dell’antenna telefonica che da oltre 20 anni deturpa il centro storico di Latiano, oggetto di una lunga battaglia portata avanti dalla Associazione culturale «L’Isola che non c’è», è ora alla attenzione del prefetto di Brindisi, Valerio Valenti al quale la stessa Associazione si è rivolta nei giorni scorsi dopo la raccolta di firme e un Consiglio comunale monotematico dedicato sull’argomento (lo scorso 6 ottobre scorso).

Sarà, adesso, lo stesso prefetto, dall’alto della sua autorità, a verificare se esiste la disponibilità del Comune e della stessa azienda telefonica a venire incontro alle aspettative dei cittadini firmatari della petizione e legittimati dal massimo organo di rappresentanza politica (il Consiglio) che ha approvato una mozione delegando il sindaco ad instaurare un tavolo d’intesa sull’argomento.

Il Comune aveva anche inviato una lettera alla società, la quale, ad oggi non ha dato alcuna risposta formale.

Da qui l’iniziativa dell’Associazione di rivolgersi direttamente al prefetto così da dare voce alle istanze dei cittadini.

Il sindaco Maiorano ha ribadito al prefetto che da parte del Comune c’è tutta la buona volontà ad offrire alla società ogni tipo di collaborazione, dunque un sito alternativo a quello attuale per consentire il trasferimento della struttura, compatibile con le esigenze di diffusione del segnale di ricezione sull’area interessata.

Sarà dunque il prefetto nelle prossime ore ad organizzare un tavolo convocando il Comune e la Società telefonica, alla presenza della stessa Associazione.

I cittadini latianesi potrebbero presto vedere realizzato questo importante risultato: lo spostamento della antenna telefonica che da decenni svetta imponente nel centro storico del paese.

Ad illustrare in Consiglio il significato e l'importanza della volontà espressa dai latianesi erano stati due illustri personalità del mondo scientifico-accademico di livello nazionale: il prof Giorgio Assennato, già direttore Generale dell'Arpa Puglia e il prof. Franco Chiarello, ordinario di Sociologia dell'Università di Bari.

Il prof. Assennato nel corso del Consiglio aveva spiegato i possibili effetti che queste infrastrutture possono avere in campo medico; il professor Chiarello, invece, si era soffermato sull'importanza della partecipazione dei cittadini nelle scelte della politica e quale deve essere il peso della Cittadinanza attiva su temi così importanti per la comunità.

I due esperti, «consulenti» de «L'Isola che non c'è» erano stati invitati ufficialmente dal sindaco Mino Maiorano, tra i primi firmatari della petizione; iniziativa che aveva ottenuto il patrocinio gratuito dello stesso Comune e la collaborazione dei ragazzi dell'Istituto comprensivo di Latiano, (che hanno realizzato i disegni utilizzati per la campagna).

Quella antenna (installata a suo tempo con tutte le autorizzazioni) da decenni deturpa la fisionomia del centro storico. Al di là dei possibili effetti ambientali, sui cui ci dirà la scienza - ai cittadini spiega l’Associazione - interessa salvaguardare il paesaggio e la fisionomia del centro». Forse stavolta anche questa battaglia dei cittadini, grazie al prefetto, potrebbe essere vinta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400