Mercoledì 27 Marzo 2019 | 01:47

NEWS DALLA SEZIONE

L'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
I funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 
Il caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Guidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
Tra Cellino S.Marco e S.pietro Vernotico
Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 persone gravi in ospedale

Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 feriti in ospedale

 
Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

latiano

L'antenna telefonica
sul tavolo del Prefetto

L'antenna telefonica sul tavolo del Prefetto

LATIANO - Il caso dell’antenna telefonica che da oltre 20 anni deturpa il centro storico di Latiano, oggetto di una lunga battaglia portata avanti dalla Associazione culturale «L’Isola che non c’è», è ora alla attenzione del prefetto di Brindisi, Valerio Valenti al quale la stessa Associazione si è rivolta nei giorni scorsi dopo la raccolta di firme e un Consiglio comunale monotematico dedicato sull’argomento (lo scorso 6 ottobre scorso).

Sarà, adesso, lo stesso prefetto, dall’alto della sua autorità, a verificare se esiste la disponibilità del Comune e della stessa azienda telefonica a venire incontro alle aspettative dei cittadini firmatari della petizione e legittimati dal massimo organo di rappresentanza politica (il Consiglio) che ha approvato una mozione delegando il sindaco ad instaurare un tavolo d’intesa sull’argomento.

Il Comune aveva anche inviato una lettera alla società, la quale, ad oggi non ha dato alcuna risposta formale.

Da qui l’iniziativa dell’Associazione di rivolgersi direttamente al prefetto così da dare voce alle istanze dei cittadini.

Il sindaco Maiorano ha ribadito al prefetto che da parte del Comune c’è tutta la buona volontà ad offrire alla società ogni tipo di collaborazione, dunque un sito alternativo a quello attuale per consentire il trasferimento della struttura, compatibile con le esigenze di diffusione del segnale di ricezione sull’area interessata.

Sarà dunque il prefetto nelle prossime ore ad organizzare un tavolo convocando il Comune e la Società telefonica, alla presenza della stessa Associazione.

I cittadini latianesi potrebbero presto vedere realizzato questo importante risultato: lo spostamento della antenna telefonica che da decenni svetta imponente nel centro storico del paese.

Ad illustrare in Consiglio il significato e l'importanza della volontà espressa dai latianesi erano stati due illustri personalità del mondo scientifico-accademico di livello nazionale: il prof Giorgio Assennato, già direttore Generale dell'Arpa Puglia e il prof. Franco Chiarello, ordinario di Sociologia dell'Università di Bari.

Il prof. Assennato nel corso del Consiglio aveva spiegato i possibili effetti che queste infrastrutture possono avere in campo medico; il professor Chiarello, invece, si era soffermato sull'importanza della partecipazione dei cittadini nelle scelte della politica e quale deve essere il peso della Cittadinanza attiva su temi così importanti per la comunità.

I due esperti, «consulenti» de «L'Isola che non c'è» erano stati invitati ufficialmente dal sindaco Mino Maiorano, tra i primi firmatari della petizione; iniziativa che aveva ottenuto il patrocinio gratuito dello stesso Comune e la collaborazione dei ragazzi dell'Istituto comprensivo di Latiano, (che hanno realizzato i disegni utilizzati per la campagna).

Quella antenna (installata a suo tempo con tutte le autorizzazioni) da decenni deturpa la fisionomia del centro storico. Al di là dei possibili effetti ambientali, sui cui ci dirà la scienza - ai cittadini spiega l’Associazione - interessa salvaguardare il paesaggio e la fisionomia del centro». Forse stavolta anche questa battaglia dei cittadini, grazie al prefetto, potrebbe essere vinta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400