Lunedì 10 Maggio 2021 | 04:49

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

 
Il caso
Covid a Brindisi, ricoverato in ospedale non è morto solo: l'ultimo addio col figlio accanto

Covid a Brindisi, ricoverato in ospedale non è morto solo: l'ultimo addio col figlio accanto

 
Il fatto
Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

Brindisi, busta con proiettili e minacce a capo Urbanistica

 
Serie A1
Basket Brindisi a Trento solo per vincere

Basket Brindisi a Trento solo per vincere

 
L'operazione
Brindisi, sequestrati al porto 559 profumi «di marca» contraffatti

Brindisi, sequestrati al porto 559 profumi «di marca» contraffatti

 
Nel Brindisino
Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

Ostuni, 39enne marocchino ucciso in casa: killer preso a Bari, stava scappando

 
Il ritrovamento
Giallo a Ostuni, scoperto cadavere in casa: morto con ferite da taglio. S'indaga per omicidio

Giallo a Ostuni, scoperto cadavere in casa: uomo ucciso dopo lite a coltellate. È caccia ai killer

 
L'episodio
«Mamma si prostituisce!» E picchia a sangue i vecchi genitori

«Mamma si prostituisce!» E picchia a sangue i vecchi genitori

 
L'operazione
Selva di Fasano, rimosse le carcasse di auto rubate

Selva di Fasano, rimosse le carcasse di auto rubate

 
Tentato suicidio
Oria, dopo una delusione d'amore tenta di lanciarsi da ponteggio: salvato dai carabinieri

Oria, dopo una delusione d'amore tenta di lanciarsi da ponteggio: salvato dai carabinieri

 

Il Biancorosso

Calcio
Play-off serie B: l'esordio del Bari al San Nicola contro il Foggia

Play-off serie B: l'esordio del Bari al San Nicola contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia
Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente

Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente, 4 braccianti feriti

 
LecceLa tragedia
Lecce, bici contro moto, muore ciclista 72enne. Motociclista positivo a test alcol e droga

Lecce, bici contro moto, muore ciclista 72enne. Motociclista positivo a test alcol e droga

 
TarantoIl futuro della città
Troppi morti a Taranto, Melucci scrive al governo

Troppi morti a Taranto, Melucci scrive al governo

 
BatFesta dell'Europa
«L'Erasmus? Un sogno da vivere», la storia di uno studente di Barletta

«L'Erasmus? Un sogno da vivere», la storia di uno studente di Barletta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

 
MateraVaccini
Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

 

i più letti

Il caso

Brindisi, «Noi truffati nei corsi per Oss», colpa del corso fantasma

Decine di giovani in allarme dopo la denuncia di sei salentini

Infermieri licenziati al San Carlo di Potenza: reparti «svuotati»

BRINDISI - Quel titolo è carta straccia e si infrangono i sogni di accedere al posto di lavoro conquistato e per il quale avevano studiato e superato il «concorsone» indetto alla Regione Puglia per Operatore socio sanitario (Oss), svoltosi nel 2019 presso il Policlinico di Foggia. Il sogno infranto, in questo caso - ma i numeri dei malcapitati sono decisamente più alti - riguarda sei giovani salentini che - notando come le istituzioni private, presso le quali si erano preparati conseguendo il diploma non valido, proseguivano nell’organizzare i corsi di formazione ai quali anche loro avevano avuto accesso negli anni passati -, hanno deciso di formalizzare una denuncia querela alla Guardia di finanza di Brindisi, ipotizzando il reato di truffa.
«Detta truffa, ampiamente documentata e denunciata qualche giorno fa alla Guardia di Finanza - ha detto uno di loro alla “Gazzetta” -, è regolarmente ordita e condotta da un istituto di Lecce e da una scuola professionale di Brindisi e Lecce». E spiega che «il Corso di Qualifica, ufficializzato come “accreditato”, con versamento di quote in denaro, e con impegno di studio da parte dei concorrenti, si è rivelato inutile, con un rilascio di attestato falso e, quindi, non riconosciuto dalla Regione».

Insomma, «pur avendo superato il Concorso ed essere entrati in graduatoria, risulta che, insieme ai denuncianti, ben 65 persone si sono ritrovate a mani e tasche vuote, deluse dalla caduta del sogno di un lavoro sicuro e meritato, nonché dalla falsità truffaldina» di chi ha organizzato quei corsi ed è «ancora in attività, nonostante altre denunce, a quanto pare, depositate nei loro confronti per questo riprovevole comportamento».
I sei giovani dei quai parliamo - ma volete che quell’altra cinquantina non lo abbia fatto ? - hanno consultato diversi uomini di legge: «Secondo il parere di alcuni avvocati consultati nel merito - si legge nell’esposto -, solo il presidente Emiliano potrebbe sanare o far sanare l’ingiustizia subita delle vittime, facendole riammettere nella graduatoria dell’ultimo concorso espletato».
Ma torniamo al possibile procedimento che i giovani hanno provveduto ad attivare con la loro denuncia querela: essi raccontano di aver versato un acconto di 500 euro; di aver frequentato il corso versando la restante quota di 2.300, quindi di aver effettuato «il tirocinio pratico richiesto», ciascuno in una sede diversa. E poi l’esame... Sono stati accompagnati dai responsabili della scuola in un albergo di Pescara, «in quanto (...) la locale sede scolastica degli esami era chiusa per lavori»; hanno «superato l’esame finale nel corso dell’estate del 2016» con una commissione nella quale, oltre a due responsabili di queste scuole c’erano anche «un infermiere ed un medico». E poi ecco l’attestato di qualifica «rilasciato dalla Regione Abruzzo ai sensi della legge 845/78».

E così questi giovani affrontano e superano il concorso regionale per titoli ed esami: il famigerato «Concorsone Oss» di Foggia. E cosa accade? «A distanza di quasi due anni, dopo il superamento delle prove nel mese di marzo 2021 - si dice nella denuncia -, ricevevamo dallo stesso Policlinico, organizzatore del Concorso, notifica di “Provvedimento di decadenza per assenza requisito specifico...”, con determinazione del Dirigente n. 1059 in data 11 marzo 2021, che specificava come in merito al carteggio certificativo di partecipazione al concorso la “mancata validità, certificata dalla Regione Abruzzo, dell'Attestato Oss da (...), non essendo tale soggetto inserito nell'Albo Regionale degli Organismi di Formazione accreditati dalla Regione Abruzzo allo svolgimento di attività formative».
Da qui il rivolgersi alla magistratura, tramite la Guardia di Finanza, perché il sogno infranto diventi una realtà meno trist

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie