Giovedì 09 Luglio 2020 | 23:54

NEWS DALLA SEZIONE

maltrattamenti in famiglia
Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

 
nel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 
E' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
tra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
L'incidente
Mesagne, scontro tra due auto. Muore un anziano

Mesagne, scontro tra due auto sulla complanare: muore un anziano

 
Il caso
Fasano, la Tari è da pagare, Conforama deve al Comune 300mila euro

Fasano, la Tari è da pagare: Conforama deve al Comune 300mila euro

 
In serata
Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

 
nel brindisino
Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

 
in città
Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua

Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua: disagi

 
Nel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 
I controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoSondaggio on line
Taranto, Giochi del mediterraneo: scelta la mascotte, sarà «Ionios»

Taranto, Giochi del mediterraneo: scelta la mascotte, sarà «Ionios»

 
PotenzaDalla Polstrada
Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

 
Foggiaattimi di tensione
Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

 
Leccel'evento
Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

 
Bariquesta mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

 
BatVerso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 

i più letti

Sentenza

Brindisi, foto del minore su Fb da rimuovere senza il consenso di uno dei genitori

È quanto il giudice ha ordinato alla mamma del ragazzo che già in sede di divorzio aveva assunto l’impegno, senza però mantenerlo

Costa molto caro un «like» messo su post di Facebook

BRINDISI - Le foto del minore, pubblicate su Facebook dalla madre del bambino senza il consenso del padre, vanno rimosse.

Lo ha ordinato il Tribunale di Brindisi – Sezione civile - pronunciandosi sul ricorso presentato dal legale del padre del ragazzino (i genitori del bambino hanno divorziato).

«Poiché l’immagine fotografica del figlio – scrive nel provvedimento il giudice Gabriella Del Mastro – costituisce un dato personale, la pubblicazione da parte della madre di numerose foto del figlio sui social network, in assenza del consenso del padre, integra una illegittima interferenza nella vita privata».

C’è da aggiungere il fatto che «in sede di divorzio la donna si è espressamente impegnata a rimuovere da internet le foto del proprio figlio». Cosa che, invece, non ha mai fatto.

La rete – si sa – può rappresentare un pericolo per i minori.

«L’inserimento di foto di minori sui social network – osserva il giudice del Tribunale di Brindisi – deve considerarsi un’attività in sé pregiudizievole in ragione delle caratteristiche proprie della rete internet. Il web. Infatti, consente la diffusione di dati personali ed immagini ad alta rapidità, rendendo difficoltose ed inefficaci le forme di controllo dei flussi informativi ex post. La giurisprudenza più recente – prosegue il giudice – ha evidenziato che “l’inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi in quanto ciò determina la diffusione delle immagini tra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate e avvicinarsi ai bambini dopo averli visti più volte in foto online, non potendo inoltre andare sottaciuto l’ulteriore pericolo costituito dalla condotta di soggetti che “taggano” le foto online dei minori e, con procedimento di fotomontaggio, ne traggono materiale pedopornografico da far circolare tra gli interessati».

Alla luce di queste e di altre considerazione il Tribunale di Brindisi ha ritenuto che il ricorso presentato dal legale del padre del ragazzino andasse accolto, «con conseguente condanna della madre alla rimozione, dai propri profili social, delle immagini relative al minore ed alla contestuale inibitoria dalla futura diffusione di tali immagini in assenza del consenso del padre».
Perché la madre del ragazzino adempia nel minore tempo possibile – e, in ogni caso, entro il 26 giugno prossimo – alla rimozione delle foto del figlio da Facebook, il giudice ha sentenziato che per ogni giorno di ritardo la donna dovrà pagare all’ex marito 50 euro.

Stessa “multa” verrà applicata per ogni episodio di violazione dell’inibitoria di pubblicare foto del figlio di internet senza aver prima acquisito il consenso del padre del ragazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie