Sabato 23 Febbraio 2019 | 18:05

NEWS DALLA SEZIONE

San Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
La polemica
Fasano, tassa di soggiorno tutto l'anno: guerra Comune-albergatori

Fasano, tassa di soggiorno tutto l'anno: guerra Comune-albergatori

 
Furto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
No all'omofobia a scuola
Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

 
A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili VD

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariAl teatro petruzzelli
Kiss Me Kate, il musical d'ispirazione shakesperiana arriva a Bari

Kiss Me Kate, il musical d'ispirazione shakesperiana arriva a Bari

 
FoggiaPrimarie
Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

 
PotenzaVoto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
BrindisiSan Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Vaccinazioni

Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

Genitori inviperiti per la lunga fila attendendo il proprio turno e un papà coi nervi a fior di pelle alla fine se l’è presa con la guardia giurata

vaccini

BRINDISI - Ore e ore di fila, trascorse in attesa del proprio turno, tra sbadigli, proteste e... accenni di risse.
Questo - ed altro - si è registrato ieri mattina nella sala d’aspetto dell’ambulatorio vaccinale dislocato all’interno dell’ex ospedale “Di Summa”, dove sono confluite decine e decine di utenti (e rispettivi genitori o parenti) chiamati ad ottemperare alle disposizioni impartite sulle vaccinazioni obbligatorie per gli adolescenti.

In lista, ieri (peraltro lunedì) c’erano diversi alunni (anno 2007) di quattro scuole medie cittadine, oltre ad un fortunatamente più contenuto numero di neonati, e i biglietti per la prenotazione hanno abbondantemente superato le cento unità, venendo poi “smarcati” al ritmo di 12-13 ogni ora. La naturale conseguenza di ciò è stata la lunghissima attesa (quasi 4 ore) che hanno dovuto sopportare coloro i quali hanno rispettato l’orario di convocazione (dalle 9 alle 11), al limite presentandosi una mezzoretta prima. I più “furbi” hanno anticipato i tempi, ma per sbrigarsi subito hanno dovuto raggiungere l’ambulatorio a... notte fonda: «Ma se io sono arrivato alle 7.15 e ho il numero 32 - si interrogava un papà - chi ha preso i primi biglietti a che ora è venuto: prima dell’alba?». Tale aspetto ha peraltro infastidito più di qualcuno: «Non c’era scritto da nessuna parte nell’avviso che si poteva venire prima per prenotarsi», si lamentava una donna.

Tra i presenti, un signore protestava: «Avevo chiesto un permesso di due ore, ma ho avvisato subito che ne avrò per molto più tempo e così ho preso un giorno di ferie».
Durante l’attesa, tenere fermi i figli di 11-12 anni era un’impresa e ad accorgersene è stata la guardia giurata in servizio all’ingresso del presidio. Per ben tre volte è entrato nella sala d’attesa e ha rimproverato i genitori per aver lasciato i ragazzini liberi di scorrazzare nel cortile, sino a quando non si è scontrato (per fortuna solo verbalmente) con un papà che, con i nervi ormai a fior di pelle dopo quasi tre ore di attesa, ha invitato il vigilante a prendersela... con quelli dell’ufficio vaccinazioni.
In questo scenario poco gratificante, il personale sanitario è rimasto dietro le quinte a profondere il quotidiano impegno nel rendere il più veloce possibile le operazioni di vaccinazione. Vittime anch’essi di un sistema sanitario che fa acqua da tutte le parti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400