Lunedì 10 Dicembre 2018 | 00:57

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo la separazione
Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

 
La protesta
Luminarie sì, ma non per tutti: ed è subito polemica a Brindisi

Luminarie sì, ma non per tutti: ed è subito polemica a Brindisi

 
Dai carabinieri
Ceclie Messapica, cocaina dietromuretti a secco: arrestato 34enne

Ceclie Messapica, cocaina dietro
muretti a secco: arrestato 34enne

 
L'agguato
Brindisi, sparatoria nella sala giochi: ferito un 20enne

Brindisi, sparatoria nella sala giochi: ferito un 20enne

 
La protesta dei commercianti
Francavilla Fontana, niente luminarie in centro a Natale

Francavilla Fontana, niente luminarie in centro a Natale

 
Nel Brindisino
Dipendenti in nero, sottopagati e costretti a finte ferie: arrestati 2 imprenditori

Dipendenti in nero, sottopagati e costretti a finte ferie: arrestati 2 imprenditori

 
Truffa aggravata
Brindisi, falsificava certificazioni ticket : arrestato dipendente Asl

Brindisi, falsificava certificazioni ticket : arrestato dipendente Asl

 
Vaccinazioni
Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

 
L’inchiesta della Gdf
Brindisi, la “truffa” sui registratori di cassa: sequestri e denunce

Brindisi, la "truffa” sui registratori di cassa: sequestri e denunce

 
Denunciato
Brindisi, affida 50mila euro a investitore: truffato, lo aggredisce

Brindisi, affida 50mila euro a investitore: truffato, lo aggredisce

 
L'allarme
Brindisi, malfunzionamenti linea telefonica: Procura senza luce e Tribunale senza internet

Brindisi, giustizia in tilt: Procura senza luce e Tribunale senza internet

 

Vaccinazioni

Brindisi, ambulatorio strapieno e lunghe ore di attesa: nervi tesi tra l’utenza

Genitori inviperiti per la lunga fila attendendo il proprio turno e un papà coi nervi a fior di pelle alla fine se l’è presa con la guardia giurata

vaccini

BRINDISI - Ore e ore di fila, trascorse in attesa del proprio turno, tra sbadigli, proteste e... accenni di risse.
Questo - ed altro - si è registrato ieri mattina nella sala d’aspetto dell’ambulatorio vaccinale dislocato all’interno dell’ex ospedale “Di Summa”, dove sono confluite decine e decine di utenti (e rispettivi genitori o parenti) chiamati ad ottemperare alle disposizioni impartite sulle vaccinazioni obbligatorie per gli adolescenti.

In lista, ieri (peraltro lunedì) c’erano diversi alunni (anno 2007) di quattro scuole medie cittadine, oltre ad un fortunatamente più contenuto numero di neonati, e i biglietti per la prenotazione hanno abbondantemente superato le cento unità, venendo poi “smarcati” al ritmo di 12-13 ogni ora. La naturale conseguenza di ciò è stata la lunghissima attesa (quasi 4 ore) che hanno dovuto sopportare coloro i quali hanno rispettato l’orario di convocazione (dalle 9 alle 11), al limite presentandosi una mezzoretta prima. I più “furbi” hanno anticipato i tempi, ma per sbrigarsi subito hanno dovuto raggiungere l’ambulatorio a... notte fonda: «Ma se io sono arrivato alle 7.15 e ho il numero 32 - si interrogava un papà - chi ha preso i primi biglietti a che ora è venuto: prima dell’alba?». Tale aspetto ha peraltro infastidito più di qualcuno: «Non c’era scritto da nessuna parte nell’avviso che si poteva venire prima per prenotarsi», si lamentava una donna.

Tra i presenti, un signore protestava: «Avevo chiesto un permesso di due ore, ma ho avvisato subito che ne avrò per molto più tempo e così ho preso un giorno di ferie».
Durante l’attesa, tenere fermi i figli di 11-12 anni era un’impresa e ad accorgersene è stata la guardia giurata in servizio all’ingresso del presidio. Per ben tre volte è entrato nella sala d’attesa e ha rimproverato i genitori per aver lasciato i ragazzini liberi di scorrazzare nel cortile, sino a quando non si è scontrato (per fortuna solo verbalmente) con un papà che, con i nervi ormai a fior di pelle dopo quasi tre ore di attesa, ha invitato il vigilante a prendersela... con quelli dell’ufficio vaccinazioni.
In questo scenario poco gratificante, il personale sanitario è rimasto dietro le quinte a profondere il quotidiano impegno nel rendere il più veloce possibile le operazioni di vaccinazione. Vittime anch’essi di un sistema sanitario che fa acqua da tutte le parti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400