Venerdì 18 Gennaio 2019 | 19:15

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 
Lotta con il sindaco
Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

Scuola, corsi serali al freddo, diffidata la Provincia

 
L'iniziativa
Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

Canale reale a Latiano diventerà parco fluviale: accordo Regione-Politecnico

 
Cucina
La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

La Prova del Cuoco: uno chef brindisino per la sfida sulle seppie ripiene

 
Istruzione
Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

Brindisi, «Diritto allo studio» arrivano i fondi dalla Regione

 
Nel Brindisino
Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

Bagno a torso nudo nella fontana di Francavilla: segnalato 16enne

 

Contenzioso con il Comune

Fu azzannata da randagio, donna chiede risarcimento

Il danno stimato è di 3410 euro

Fu azzannata da randagio, donna chiede risarcimento

Nel 2016 venne aggredita e azzannata da un cane randagio ed ora, a distanza di quasi due anni e mezzo, batte cassa nei confronti del Comune di Brindisi al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti per un importo complessivo pari a 3.410 euro.
Protagonista una donna che - era il 3 luglio 2016 -, mentre si trovava in via Santi Apostoli, in contrada Betlemme (sulla litoranea a nord del capoluogo), venne puntata da un cane randagio che le saltò addosso e le morse la gamba, procurandole ferite lacero-contuse, poi suturate presso l’ospedale “Perrino”. Oltre alle lesioni, la malcapitata signora subì anche uno choc dovuto allo spavento, anche se le sue urla richiamarono subito l’attenzione dei residenti (d’estate, in tanti vivono nelle abitazioni vicine al mare), l’intervento dei quali fece desistere l’animale, che scappò via. La donna ha dovuto poi sottoporsi, come detto, al ricovero presso il “Perrino” e alle cure sanitarie, per le quali adesso - malgrado sia trascorso del tempo (la prescrizione, comunque, scatta dopo i cinque anni) - pretende un tornaconto economico dal Comune.


L’atto di citazione dinanzi al Giudice di Pace è stato già notificato a Palazzo di Città. Non solo, nei giorni scorsi si è svolta anche la prima udienza di comparizione, in occasione della quale l’Ente, previa delibera di Giunta, si è costituito in giudizio, attraverso i legali interni (avv.ti Emanuela Guarino e Monica Canepa), per respingere ogni responsabilità in ordine all’accaduto.
In particolare, secondo la tesi difensiva proposta dinanzi al Giudice di Pace, si è rilevato che «per quanto riguarda la fattispecie dell’evento sopra descritto, la Legge Regionale n.12/95 affida la competenza del recupero dei cani randagi alle Asl e non ai Comuni, i quali invece sono tenuti a garantire la custodia, in appositi canili, di detti animali, una volta che gli stessi siano stati accalappiati».
In buona sostanza, l’Ente sostiene che la responsabilità giuridica in casi simili ricade sull’azienda sanitaria locale che deve monitorare il fenomeno del randagismo ed evitare che cani senza padrone se ne vadano in giro in zone abitate, con annesso pericolo di aggressioni a uomini e donne.
L’ultima parola, in ogni caso, spetterà al giudice adito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400