Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:21

NEWS DALLA SEZIONE

Dai cc forestali
Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

Campo volo elicotteri a Ostuni vicino a ulivi e costa: sequestrato

 
Operazione dei Cc
Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus di studenti, panico a San Pancrazio Salentino: nessun ferito

 
A causa di un guasto
Brindisi, volo Ryanair in ritardo di 5 ore per un guasto: l’ira dei passeggeri

Brindisi, volo Ryanair in ritardo di 5 ore: l’ira dei passeggeri

 
Arte
Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 

A Brindisi

Centro per l'impiego, manca personale
Accoglienza limitata a 60 unità al giorno

Gli impiegati sono 6 a fronte di tanti disoccupati, i locali piccoli limitano la privacy

Centro per l'impiego, manca personaleAccoglienza limitata a 60 unità al giorno

Personale ridotto all’osso, bacino d’utenza raddoppiato, locali angusti (in cui la privacy rappresenta un optional) e, come se non bastasse, scarsa (anzi, scarsissima) percezione di sicurezza per i dipendenti, spesso vittime (incolpevoli) di aggressioni e improperi.

Le condizioni di lavoro e di accoglienza presso il Centro per l’Impiego di via Cappuccini rasentano ormai la vergogna: il tutto nel disinteresse totale (o quasi) della Regione Puglia, che dal 1° luglio scorso ha avocato a sè la competenza del servizio (prima a carico della Provincia), senza però che tale passaggio di consegne abbia prodotto sensibili miglioramenti. Anzi...

«Qui ormai è un... inferno - spiega il responsabile, Teodoro Passante -. Da quando hanno chiuso la succursale di Mesagne (lasciando operative solo quelle di Francavilla e Ostuni), l’utenza è più che raddoppiata (circa 200mila unità, tenendo conto anche dei comuni limitrofi a Mesagne) a fronte di un organico attualmente ridotto ad appena sei dipendenti, di cui uno in malattia e un altro in ferie. Nei primi giorni di settembre, il caos negli uffici è stato totale e, dopo che martedì scorso si è raggiunto un numero spropositato, abbiamo chiesto e ottenuto dalla Regione, a partire dal giorno successivo, il contingentamento sino ad un massimo di 60 utenti al giorno. E, nonostante ciò, la mole di lavoro rimane enorme».

A rendere ancora più caotica la situazione, il mancato funzionamento dell’apparecchiatura elettronica di prenotazione: «Una lacuna - evidenzia ancora il responsabile del Centro - che si trascina da più di un anno e che ci costringe ogni giorno ad impiegare l’usciere in quest’attività di accoglienza degli utenti. Ripararlo, del resto, costa una cifra e, poichè le risorse destinate al Centro per l’Impiego sono alquanto ristrette, si va avanti così e chissà ancora per quanto».

La rabbia aumenta nel constatare che negli altri capoluoghi di provincia pugliesi non si avvertono simili problematiche: «A Bari e a Lecce - prosegue Passante - possono contare sino a 15-20 dipendenti. Solo Brindisi vive in condizioni di disagio e, da quando la Santa Teresa è ferma, i problemi sono aumentati, visto che i dipendenti della partecipata ci aiutavano non poco. Lavorare con pochissime unità e un’utenza smisurata è assurdo, tenendo conto anche del fatto che al Centro per l’Impiego si svolgono tanti altri servizi, al cui espletamento provvedono le stesse unità deputate ad accogliere i disoccupati, e io non posso certo chiedere o, peggio, imporre ai dipendenti di andare oltre l’orario di lavoro».

L’ultima “pecca”, infine, riguarda l’inadeguatezza dei locali a disposizione: «Gli spazi sono angusti - conclude il responsabile - e la privacy... va a farsi benedire. Abbiamo sollecitato il trasferimento in uffici più ampi e adatti e devo dire che l’Amministrazione da poco in carica ha dimostrato sensibilità e disponibilità ad assecondare le nostre esigenze, per cui attendiamo fiduciosi l’opportunità di poter lavorare in condizioni più vantaggiose».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400