Sabato 25 Gennaio 2020 | 20:32

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, 2 cadaveri trovati in una casa: dopo una furiosa lite, le vittime si sono accoltellate a vicenda

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
BrindisiL'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

la sentenza

Assalti a bancomat, condannati
5 brindisini: pene da 4 a 9 anni

I colpi agli sportelli di Poste Italiane, della Banca nazionale del lavoro e alle Casse continue di Kuwait Petrol Italia

 Assalti a bancomat, condannati5 brindisini: pene da 4 a 9 anni

Un frame degli assalti ai bancomat

Sono stati dichiarati colpevoli di associazione per delinquere finalizzata a compiere una serie di furti commessi sia in Puglia, sia ad Ancona, Macerata, Fermo e Ascoli Piceno. Furti perpetrati mediani attacchi ai Bancomat di Poste Italiane, della Banca nazionale del lavoro e alle Casse continue di Kuwait Petrol Italia. La condanna per i cinque imputati è arrivata dalla gip/gup Tea Verderosa, che ha sensibilmente ridotto le pene chieste dalla pubblica accusa, assolvendo gli imputati da alcuni capi di imputazione, così come proposto dai difensori.

Cinque gli imputati detenuti, quattro dei quali già condannati in primo grado del giudice della sezione gip/gup di Macerata lo scorso giugno per altri furti consumanti in quelle zone. I condannati da Verderosa sono Giovanni Moro, 45 anni, di Brindisi (otto anni di carcere; il pubblico ministero aveva chiesto 10 anni e 2 mesi); Cosimo Iurlaro, 41 anni, di Brindisi (9 anni e 8 mesi; il pm aveva chiesto 10 anni e 6 mesi), ritenuti i promotori dell’associazione per delinquere; Vincenzo Schiena, 38 anni, di Mesagne (4 anni e 8 mesi; per il pm 7 anni e 10 mesi); Omar Bianco, 27 anni, di Mesagne (7 anni e 2 mesi; per il pm 8 anni e 10 mesi), e Marco Santoro, 25 anni, di Ostuni (4 anni e 6 mesi; per il pm 8 anni e 8 mesi).

I cinque sono stati condannati al risarcimento del danno da definire in sede civile nei confronti di Poste italiane, Banca nazionale del lavoro, Kuwait Italia e Servizio gestione impianti. Per Kuwait e Servizio gestione impianti, disposta la provvisionale rispettivamente di 22mila e 220 euro, e di 12mila e 830 euro. Condannati alle misure accessorie e al pagamento delle spese processuali alle parti civili.

Come si diceva quattro hanno già subito una condanna con il rito abbreviato: Iurlaro sei anni, di carcere; Schiena quattro; Bianco sei, e Santoro quattro. Santoro e Schiena sono stati difesi dall’avv. Pasquale Annicchiarico; Iurlaro e Bianco dall’avv. Daniela D’Amuri; Moro dall’avv. Ladislao Massari.

Le indagini furono svolte dai carabinieri di Osimo. Inchiodati dalle immagini delle telecamere e dalle intercettazioni delle conversazioni telefoniche. Vengono attribuiti loro una ventina di furti. Il primo nel gennaio del 2016 in un piccolo centro in provincia di Ancona, l’ultimo il tentativo di furto del 25 settembre successivo ad una filiale del Montepaschi di un paesino dell’Anconetano. Si spostavano da una città all’altra. Da Ancona a Macerata ad Ascoli Piceno, a Fermo, a Bari, Brindisi, Lecce e Taranto.

Una ventina tra furti tentati e consumati dai quali avrebbero intascato una cospicua somma di denaro, ma anche gioielli perché loro obiettivi erano pure le gioiellerie (a Guagnano, in provincia di Lecce, svaligiarono “Preziosi d’arte”). Oltre alle gioiellerie e ai bancomat delle banche, avevano preso di mira anche quelli degli uffici postali, centri commerciali e distributori di carburanti. Insomma un giro vorticoso stroncato dagli arresti avvenuti nei mesi scorsi.

L’inchiesta era stata svolta dalla Procura di Ancona, ma il giudice per l’udienza preliminare della sezione gip/gup di Ancona, ritenendo che il reato più grave, la costituzione dell’associazione per delinquere, fosse stato consumato a Brindisi, trasmise il fascicolo ai colleghi di Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie