Martedì 23 Aprile 2019 | 14:27

NEWS DALLA SEZIONE

Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 
PotenzaPetrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
BariLotta alla droga
Monopoli, nascondeva nel giardino di casa cocaina e olio di hashish: in manette 33enne

Monopoli, nascondeva nel giardino di casa droga e olio di hashish: in manette 33enne

 
MateraMobilità green
Matera, il Comune sosterrà l’uso di biciclette elettriche

Matera, il Comune sosterrà l’uso di biciclette elettriche

 
HomeIl martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
FoggiaOccupazione
Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

Foggia, nuove assunzioni in Camera di commercio

 
BatDiscariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 

Tribunale Trani

Trani, morì per vaccinazione
del 1972: Asl risarcirà 2 mln

L'indennizzo riconosciuta a una famiglia per una profilasse antivaiolosa fatta al figlio morto nel 2005 all'età di 34 anni

Confiscati beni per 2 mln a pregiudicato clan foggiano

Il tribunale di Trani ha condannato la Asl di Bari a pagare 2 milioni di euro a una famiglia di Trani per il danno provocato da una vaccinazione obbligatoria antivaiolosa, fatta nel 1972 al loro figlio, scomparso nel 2005, a 34 anni. Fino a quando era in vita, il giovane, ridotto in uno stato vegetativo a causa di una grave forma di encefalite post vaccino, aveva goduto dell’indennizzo previsto dalla legge in questi casi. Una volta morto, la sua famiglia ha chiesto e ottenuto il risarcimento del danno, riconosciuto dal tribunale di Trani in 2.000.000 di euro, che la Asl di Bari, che non ha impugnato il giudizio, dovrà liquidare. 

 Il figlio della coppia, nato nel 1972, venne sottoposto alla vaccinazione obbligatoria antivaiolo e fu colpito da una grave forma di encefalite che lo ridusse a un vegetale, condizione in cui quel bambino, poi diventato adulto, ha vissuto fino al 2005. Ora il tribunale di Trani, oltre al nesso di causalità già riconosciuto fra vaccino e danni alla salute, ha riconosciuto il dolo nelle modalità di somministrazione di quel vaccino, senza le necessarie precauzioni, informazioni e tutto quanto altro previsto dalla legge. Modalità che, se fossero state conformi al protocollo, avrebbero evitato quanto accaduto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400