Mercoledì 23 Giugno 2021 | 05:18

NEWS DALLA SEZIONE

Clima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
Il caso
Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

 
il caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
La curiosità
Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

 
la curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Il fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
La curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
Il caso
Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

 

GDM.TV

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
BariOrgoglio pugliese
Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

 
LecceStrage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
PotenzaNel Potentino
Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

Libri

L’antica «Canusium» è una favola per tutti

Il libro-racconto di Paolo Pinnelli: un percorso dell’anima

L’antica «Canusium» è una favola per tutti

La favola comincia con un eroe di tutto rispetto, quel Diomede che ci fa sognare isole e mari lontani, combattenti valorosi e sfide agli dèi. Eppure c'è una città che non ha il mare ma la potenza della storia antica a farne una possente testimone di rarità e di bellezza: è l'antica Canusium, culla della civiltà, una città pugliese che Diomede scoprì e creò, fondandola, attratto dalla dolcezza del clima e dalla vicinanza al fiume Ofanto, quella Kanysion che forse trae il suo nome dalle canne cullate dal vento.

Ma leggenda e mito si rincorrono tra tempietti e tracce preistoriche, fino a portarci in un luogo che merita ogni rispetto e ogni sacralità, perché da allora ai nostri giorni, porta con sé il candore dell'arte, la potenza della mitologia, il valore dell'archeologia e la testimonianza dei secoli successivi. Ne fa quasi un romanzo e quasi un viaggio infinito il giornalista della Gazzetta Paolo Pinnelli, nel suo libro Canosa si racconta, una guida della memoria che è uscita per le Edizioni della Fondazione Archeologica Canosina (pp. 189, www. Canusium.it), un volume illustrato che consegna una favola moderna e antica, piena di storie e di curiosità, appassionata, carica di quell'orgoglio dell'identità che il Sud spesso dimentica e che qui invece ha casa, pagine, voglia di aprirsi alle future generazioni.

Paolo Pinnelli, anzi il Raghèzzo Paolo, come lo definisce Lino Banfi nella sua presentazione (non chiamatela prefazione, sottolinea Banfi e motiva con ironia!) ha condotto un'operazione che sembra far rinascere dagli ipogei e dalle meraviglie archeologiche della città ogni segreto intimo. Una lunga storia cominciata da una serie di articoli sul nostro giornale, diventati poi un percorso sociale e storico, un itinerario capace di spiegare dove nasce e dove va questa città ofantina dal passato rigoglioso in ogni era. Lo stile è quello della favola, ma attenzione, nulla è fantasia, perché la Storia e le storie sono tutte vere e lo stile dell'autore ci conduce a scoprirle e ad amarle.
Andiamo a zonzo tra i capitoli e quindi a zonzo per lòa città incantata: eccoci nella Tomba degli Ori, che pensate è rimasta nascosta fino agli Anni Venti e poi «ritrovata» negli anni Novanta, come molti altri tesori di questa città, grazie alla sfida e alla resilienza di coloro che hanno voluto creare la Fondazione Archeologica Canosina, togliendo finalmente il velo a quei misteri seppelliti sotto la pietra, tra i palazzi, negli androni, nei sotterranei meravigliosi che adesso vengono visitati e apprezzati dal turismo internazionale.

Non è una guida turistica questa, ci mancherebbe perché il viaggio è un racconto da leggere prima di percorrere le strade o anche dopo averle vissute, da cittadini, in quella conoscenza-ignoranza che spesso caratterizza noi stessi abitanti di un luogo. E Canosa ne ha da mostrare di stranezze e di sotterranei: la stessa regina Carolina Bonaparte fu affascinata dall'ipogeo Monterisi, tanto da volerne una riproduzione per la sua reggia, addirittura a grandezza naturale. O l'ipogeo Varrese, o il segno dell'alleanza con Roma costruito in quel tempio di Minerva divenuto Basilica di San Leucio. Camminare: Canosa ha sentieri infiniti, ha angoli che richiamano la Roma antica ma pure gli echi del mondo greco; ecco la Canosa cristiana, ecco San Sabino e il Battistero di San Giovanni; ecco le tracce di Boemondo o quelle dell'antica signoria del Grimaldi. Pensiamo di conoscere già tutto, ma tra queste pagine ci accorgiamo che tanta Storia e tante epigrafi ci sono mute.

Provate a leggere la storia del teatro Lembo o a godere della bellezza delle tracce rinascimentali: quale città ha tanto da raccontare? A volte pare che la favola sia davvero irreale, tanto ricca e incredibilmente favolosa appare ai lettori di questo libro-racconto nella cui postfazione lo stesso Sergio Fontana (presidente della Fondazione Archeologica Canosina) traccia il significato, spiegando come il racconto antico diventi un racconto del futuro. Ad un illustratore dal tratto deciso, Francesco Persichella, in arte Piskv, giovane architetto e visual artist, è spettato il compito di consegnare un'immagine della Canusium e della Canosa attuale, quasi una testimonianza visiva del racconto, una poesia nella poesia della Storia.
E viaggiando tra le pagine o nell’aria dolce di questa città, resta la voglia di sfogliare la Puglia, una meta interiore, non un logo, ma un Luogo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie