Mercoledì 23 Giugno 2021 | 14:11

NEWS DALLA SEZIONE

Clima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
Il caso
Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

 
il caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
La curiosità
Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

 
la curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Il fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
La curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
Il caso
Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 
PotenzaIl rapporto della Banca d'Italia
Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

 
BariSpaccio
Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

 
FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

Il caso

Bisceglie, ritrovati dai carabinieri documenti storici rubati

Recuperato anche uno stemma araldico asportato nel 1992

Bisceglie, ritrovati dai carabinieri documenti storici rubati


BISCEGLIE La rivincita della storia “rapita”. Ancora una volta c’è Bisceglie nello “scacchiere” dei carabinieri che si occupano di trafugamenti di pezzi d’arte e di preziosi documenti manoscritti dei secoli scorsi.

Spicca, infatti, nel vasto consuntivo di indagini e di numerose perquisizioni domiciliari estese ad altre località di Puglia e Basilicata, la brillante operazione condotta in particolare dal Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Bari, che ha consentito di riportare alla luce e di restituire al patrimonio culturale nazionale, beni archeologici, antiquariali e di arte contemporanea che rischiavano di essere definitivamente dispersi.

Tra questi nell’ambito del settore archivistico e librario sono stati rinvenuti e sequestrati 240 documenti antichi (databili nel periodo tra i secoli XVI e XIX), trafugati dall’Archivio Storico Diocesano di Bisceglie quando non era stato ancora istituito, ovvero allorquando i documenti erano alla mercè di chiunque e non custoditi adeguatamente nelle parrocchie.

Le laboriose e pazienti indagini hanno consentito di deferire all’autorità giudiziaria una persona biscegliese per ricettazione. Beni archivistici e bibliografici, di rilevantissimo valore storico e culturale, del valore commerciale stimato in 400.000 euro saranno presto restituiti alla comunità. Un danno arrecato anche agli studiosi e agli inventari privi di queste fonti preziose che, come purtroppo si è verificato in altri casi, sono andati dispersi per sempre.

Di particolare rilevanza, per importanza storico-culturale, è stato anche il recupero di uno stemma araldico di marmo bianco risalente al XVIII secolo, asportato e trafugato in data antecedente al 1992 da un palazzo sito in via Perotti nel centro storico a Bisceglie e rinvenuto, a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Trani, in vendita presso un antiquario di Riva del Garda (Trento).

Un altro antico stemma araldico fu rubato sempre a Bisceglie, da un palazzo vicino alla Cattedrale in largo San Donato e mai più ritrovato stessa sorte quello di mons. Antonio Pacecco, sradicato dalla chiesetta di Santa Maria di Giano. Si è constatato che è sempre più diffusa la pratica illecita dell’e-commerce per la vendita. Infatti nel 2020 sono state denunciate 90 persone per i reati di ricettazione, violazioni in materia di ricerche archeologiche, detenzione di materiale archeologico, contraffazione di opere d’arte, violazioni in danno del paesaggio ed altre tipologie di reati previste dal Codice dei beni Culturali e del paesaggio e dal Codice Penale.

E 28 in totale sono state le perquisizioni domiciliari e locali eseguite a seguito degli esiti investigativi delle indagini. In un anno sono stati sequestrati 1.329 beni (contro i 531 del 2019), di cui 126 di tipo antiquariale, archivistico e librario, 19 reperti paleontologici, 1.181 reperti archeologici e 3 opere d’arte contraffatte, per un valore economico stimato in 1.530.000 euro per i beni autentici e di 7.000 euro per quelli contraffatti, qualora immessi sul mercato come originali. Particolare impulso è stato dato alla tutela delle aree archeologiche e al contrasto degli scavi clandestini in terra pugliese e lucana.
Recuperati 1181 reperti

L’attento monitoraggio di siti e-commerce ormai divenuti, come detto, canale preferenziale per la compravendita di arte, ha permesso il recupero di 1.181 reperti archeologici databili IV- II sec. a.C. dei quali 871 monete di natura archeologica e la denuncia di 66 persone per impossessamento e detenzione illecita di beni culturali appartenenti allo Stato.
In materia di tutela del paesaggio sono state incrementate dai carabinieri le attività finalizzate a perseguire la realizzazione di opere edilizie abusive o realizzate in difformità rispetto ai progetti approvati in centri storici o comunque in aree sottoposte a vincolo. In tale contesto sono state denunciate 21 persone.

Il costante impegno profuso dai militari del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Bari ha permesso, altresì, di esprimere un’efficace e coordinata azione preventiva e di controllo in Puglia e Basilicata, così riepilogata: 108 controlli a esercizi commerciali, mercati e fiere di oggetti antiquariali; 5 verifiche alla sicurezza anticrimine di musei, biblioteche ed archivi congiuntamente agli organi periferici del Ministero della Cultura con la finalità di individuare eventuali punti di criticità sui sistemi di difesa passiva; 86 controlli nelle aree archeologiche ritenute potenzialmente più esposte alle aggressioni criminali, svolti congiuntamente al personale delle Soprintendenze, del 6° Nucleo Elicotteri di Bari e dell’Arma Territoriale e dei Carabinieri Forestali; 109 controlli su aree tutelate da vincoli paesaggistici; 1.066 controlli di beni culturali nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti.

Nel 2020 sono stati registrati 8 furti su beni culturali (13 l’anno precedente), di cui 2 ai danni di istituti religiosi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie