Martedì 22 Giugno 2021 | 00:32

NEWS DALLA SEZIONE

il caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
La curiosità
Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

 
la curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Il fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
La curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
Il caso
Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

Barletta, sulla ex 16 la vegetazione si «mangia» le carreggiate

 
Il caso
Bisceglie, piscina, il mistero della struttura comunale fantasma

Bisceglie, piscina, il mistero della struttura comunale fantasma

 
L’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti gravi ma non rischiano la vita

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

L'iniziativa

Le radio libere di Canosa diretta-amarcord con Roma

Giovedi 13 alle 18,30 appuntamento sui social

Le radio libere di Canosa diretta-amarcord con Roma

Canosa -  «Qui Radio (di) Canosa»: potrebbe essere questo il messaggio di apertura della “trasmissione” (streaming) che metterà in collegamento Roma con Canosa per la prima iniziativa del progetto «AmarcordCanaus» realizzato dall’associazione dei canosini residenti a Roma «CanoSIamo».

Giovedi 13 maggio, alle ore 18,30 in diretta Youtube sul canale CanoSIamo, si parlerà delle "radio libere" degli anni 70 a Canosa.

«Come in tutta Italia, il superamento del monopolio Rai, dopo una sentenza della Corte Costituzionale, sprigionò un'onda di energie giovanili, e non solo. - dice Salvatore Paulicelli, presidente di CanoSIamo - Ci fu moltissima musica, un grande coinvolgimento delle donne che dalle proprie abitazioni interloquivano con gli speaker radiofonici con telefonate e dediche. Il commercio territoriale scoprì la pubblicità, nuova e abbordabile. Gli avvenimenti di città e piccoli centri trovarono spazio ed eco sulle onde delle radio locali».

Poi aggiunge: «Anche la politica con partiti locali e le amministrazioni cittadine entrarono nelle case di larga parte delle comunità che cominciarono a conoscere in diretta e da vicino i loro sindaci e gli assessori del loro Comune, anche con i Consigli Comunali trasmessi in diretta. Ne parleremo - conclude Paulicelli - con i protagonisti di quel tempo che si racconteranno, ricostruendo pagine di quella "storia minore" che è in realtà stata anche la vita e il quotidiano di una inetra comunità».
Appuntamento giovedi sul canale Youtube di CanoSIamo (link anche sul profilo Facebook dell’associazione CanoSIamo).

Con il coordinamento tecnico di Luigi Fiore, saranno “presenti” alcuni dei protagonisti delle radio libere dell’epoca, da Enzo Benedettini (per Radio Canosa Stereo), a Nunzio Sorrenti (per Radio Elle 100), Angelo Gervasio (Radio Mediterranea), Michele Di Palma (Prima Radio Asonac). Con loro anche due protagonisti non solo della radio ma anche dello spettacolo del tempo: il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Paolo Pinnelli, l’editore Gerry D’Elia, editore del gruppo “Radio Holding” (Love Fm, Ritmo 80, Lattemiele Puglia) e il manager-dj Carlo Gallo di Radionorba.

Curiosità, aneddoti e immagini per ripercorre l’epopea delle radio libere locali e il loro impatto ed effetto nella Canosa degli Anni ’70 e ‘80.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie