Venerdì 14 Maggio 2021 | 16:20

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
Il caso
Bisceglie, ritrovati dai carabinieri documenti storici rubati

Bisceglie, ritrovati dai carabinieri documenti storici rubati

 
L'appuntamento
«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

 
La condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 
criminalità
Barletta, omicidio giovane pregiudicato: un arresto

Barletta, omicidio giovane pregiudicato: un arresto

 
Buone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
Sui social
Trani, rubato il furgone di atleti affetti da Sma, Checco Zalone ai ladri: «C'è speranza anche per voi»

Trani, rubato il furgone di atleti affetti da Sma, Checco Zalone ai ladri: «C'è speranza anche per voi»

 
L'impatto
Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

 
l'appello
Trani, rubato il furgone della Nazionale di calcio in carrozzina

Trani, rubato il furgone della Nazionale di calcio in carrozzina. L'appello di Checco Zalone

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
FoggiaL'emergenza
Foggia, prima visita di un familiare a paziente Covid

Foggia, prima visita di un familiare a paziente Covid

 
TarantoL'iniziativa
Taranto, raddoppiano gli spazi all'aperto per bar e ristoranti

Taranto, raddoppiano gli spazi all'aperto per bar e ristoranti

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

L'inchiesta

Barletta: ricoverato per disturbi cardiaci, lo stronca il Covid

Nella stessa stanza di degenza con un paziente contagiato? Indaga la Procura di Trani

Barletta: ricoverato per disturbi cardiaci, lo stronca il Covid

Trani - Il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, Giovanni Lucio Vaira, ha disposto l’esame autoptico sul corpo di un paziente tranese 67enne morto lo scorso 8 aprile nell’ospedale di Barletta. L’autopsia, svolta sabato scorso presso l’Istituto di medicina legale dell’Università di Bari, dai consulenti Antonio De Donno, Silvio Tafuri e Nicola D’Onghia, è la conseguenza di un esposto denuncia contro ignoti dei familiari dell’uomo, difesi dall’avvocato Antonio Florio.
Secondo la loro ricostruzione, lo scorso 5 marzo il loro genitore aveva accusato debolezza, inappetenza e un forte dolore al braccio, tanto da rendersi necessario l’intervento del 118 ed il ricovero ad Andria. Qui, secondo i sanitari avrebbero dapprima verificato, con esami strumentali, l’esistenza di una fibrillazione al cuore ed un restringimento dell’aorta del 40 per cento. In seguito veniva accertata la presenza di un polipo intestinale.
I sanitari inizialmente avevano ravvisato la necessità di un intervento al cuore mediante installazione di uno stent aortico, tenuto conto del fatto che il paziente era già stato operato al cuore per ricostruire la valvola mitrale. Successivamente, però, non l’avevano più ritenuto necessario ed il 17 marzo, pertanto, veniva eseguito esclusivamente intervento di rimozione del polipo intestinale.
Nelle ore precedenti all’operazione veniva accertata la positività al covid del paziente con il quale, fino a quel momento, l’uomo aveva condiviso la stanza di degenza ospedaliera: quell’altro paziente fu successivamente ricoverato a Bisceglie.
Qualche giorno dopo l’intervento, e precisamente il 23 marzo, fu accertata la positività al covid anche del paziente al quale era stato rimosso il polipo intestinale: veniva così trasferito al reparto di ortopedia covid dell’ospedale di Barletta. Qui, dopo avere accusato notevoli complicazioni a seguito dell’intervento, le condizioni peggioravano in conseguenza dell’ infezione virale: il paziente veniva così affetto da polmonite bilaterale, subiva un arresto cardiaco, veniva intubato e trasferito in terapia intensiva. L’8 aprile, a seguito di un secondo arresto cardiaco e dell’aggravarsi delle condizioni cliniche, il paziente veniva a mancare.
Nell’esposto i familiari chiedono alla Procura della Repubblica di accertare se sussistano profili di responsabilità in capo al personale medico e paramedico che ha avuto in cura il loro genitore, valutando soprattutto se la condotta tenuta dagli stessi sia compatibile con le linee guida e i protocolli sanitari finalizzati ad evitare il contagio da covid all’interno delle strutture ospedaliere, e se il contagio stesso sia stato la causa del decesso.
Il pubblico ministero, nell’incarico formulato per l’esecuzione dell’autopsia, ha chiesto ai suoi consulenti di accertare natura e causa dell’evento letale, se il paziente soffrisse di patologie pregresse che possano essere state causa o concausa del decesso, eventuali condotte colpose nelle scelte diagnostiche e terapeutiche effettuate ad Andria e Barletta e se vi siano stati errori diagnostici e omissioni di trattamenti terapeutici che avrebbero potuto scongiurare l’evento letale, o comunque ritardarlo in modo sensibile.
L’avvocato Florio, interloquendo direttamente con il pubblico ministero, ha chiesto l’integrazione dei suoi quesiti puntando soprattutto sulla condivisione della stanza di degenza ospedaliera di Andria con un paziente positivo, «circostanza che avrebbe determinato l’elevatissima probabilità, come purtroppo accaduto, di contrarre il virus all’indomani dell’operazione chirurgica con un aggravamento di condizioni già critiche».
La famiglia, a sua volta, ha nominato quali consulenti di parte il professor Salvatore Santacroce ed il dottor Vito Borraccia. La relazione peritale dovrà essere depositata entro il prossimo 3 giugno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie